Farmacopea europea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.

La farmacopea europea (PhEur) è una farmacopea che a livello europeo ha lo scopo di armonizzare i testi delle principali farmacopee ufficiali degli stati europei e di individuare norme comuni riconosciute sulla qualità dei medicamenti, per facilitare la libera circolazione dei prodotti medicinali in Europa ed assicurare la qualità di quelli importati.

Gli stati europei si sono impegnati ad adottare una farmacopea comune accanto alla propria farmacopea ufficiale nazionale: ogni nazione può scegliere se riportare o meno, nella propria farmacopea, le monografie della farmacopea europea in modo integrale. Alcuni paesi dell’Unione Europea, e tra questi l’Italia, utilizzano accanto alla propria farmacopea, la farmacopea europea, come farmacopea nazionale. Nelle etichette dei farmaci la sigla PE accanto al nome delle sostanze indica che la sostanza utilizzata risponde a tutte le specifiche di qualità richieste dalla farmacopea europea.

La redazione della farmacopea europea è affidata alla "commissione della farmacopea europea", che si occupa di elaborare i testi, di approvarli e di pubblicarli e revisionarli, mentre il "comitato di salute pubblica" esercità attività di controllo.

A partire dalla prima edizione nel 1969, la farmacopea europea viene pubblicata ogni tre anni, con supplementi ogni quattro mesi, ed esiste nelle edizioni in francese e in inglese. L'edizione in vigore è la sesta, pubblicata nel luglio 2007 e in vigore dal 1 gennaio del 2008.

È articolata in due volumi: il primo riporta una parte generale, che comprende una prefazione, un'introduzione l'elenco dei membri della commissione e i capitoli generali, e le monografie generali.

Il secondo volume riporta le monografie specifiche delle sostanze (prodotti chimici, organici, di sintesi o estrattivi, inorganici, vegetali, biotecnologici. Per ciascun prodotto vengono descritti i caratteri chimico-fisici, i caratteri chimici, le reazioni di identificazione, i saggi cui ciascun prodotto deve rispondere, il metodo di determinazione quantitativa e in qualche caso anche le modalità di conservazione. Oltre ai principi attivi, in questa parte sono riportati anche i composti utilizzati come eccipienti o anche i prodotti utilizzati come materie prime per i contenitori o prodotti che comunque entrano a far parte di un medicamento.

Non è prevista alcuna indicazione relativamente all'attività terapeutica o alla tossicità, o ancora al dosaggio, in quanto la farmacopea corrisponde ad un codice di qualità.