Fantosmia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.
Avvertenza
Le informazioni qui riportate hanno solo un fine illustrativo. Wikipedia non dà garanzia di validità dei contenuti: leggi le avvertenze.

La fantosmia consiste nella percezione di un odore per il quale, nell'ambiente circostante, non è presente alcuna molecola. Viene comunemente indicata come allucinazione olfattiva e può essere causata da disfunzioni del sistema nervoso o essere sintomo di un tumore cerebrale sviluppato sulla corteccia olfattiva o una malattia psichiatrica come la schizofrenia. In genere si presenta dopo un trauma cranico o dopo un'infezione. In genere gli odori percepiti sono di tipo sgradevole, ma non mancano casi in cui l'odore viene percepito come gradevole. Ad oggi le sue causa non sono del tutto chiarite.

La fantosmia viene quindi classificata come patologia dell'olfatto di tipo qualitativo, in quanto si presenta come una classificazione erronea degli odori dell'ambiente circostante. Si distingue dalla parosmia (identificazione errata dell'odore) e, soprattutto, dalla cacosmia (percezione degli odori ripugnanti) con le quali viene spesso confusa. Non è neppure da confondere con la iperosmia, in quanto quest'ultima indica un'eccessiva percezione di un odore presente magari in misura infinitesimale, mentre la fantosmia indica la percezione di un odore non presente.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]