Fantasia -Wanderer- D 760

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Composizione musicale}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.
Le prime sei battute della Fantasia D760

La Fantasia in Do maggiore Wanderer D 760 op. 15 (titolo originale: Wanderer Fantasie) è una composizione per pianoforte di Franz Schubert.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Scritta nel 1822, periodo di malattia per il compositore viennese, la Fantasia Wanderer (il viandante) costituisce uno dei pilastri dell'ampio bagaglio compositivo di Schubert, che in essa assimila tutte le sue esperienze compositive precedenti, rendendo la Fantasie un manifesto dello sviluppo sinfonico del suo secolo, l'Ottocento.

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

È composta da quattro movimenti collegati fra loro, che riprendono l'articolazione-tipo dei pezzi sinfonici classici: Allegro - Adagio - Scherzo - Finale. Il tutto è originato da una sola cellula ritmica, tratta dall'omonimo Lied "Der Wanderer", sempre di Schubert. In particolare l'Adagio con variazioni riprende il tema centrale del Lied, con le parole "Die Sonne dünkt mich hier so kalt..." (il sole mi pare così freddo qui).

Proprio perché tecnicamente complicata e musicalmente elevatissima, la Wanderer è diventata per molti pianisti un cavallo di battaglia. Fra i maggiori esecutori si annoverano Sviatoslav Richter, Wilhelm Kempff, Alfred Brendel, Maurizio Pollini, Murray Perahia.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]