Fanboys

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fanboys
Fanboys.Jpg
I protagonisti appena fatta irruzione nello "Skywalker Ranch"
Titolo originale Fanboys
Paese di produzione USA, Canada
Anno 2009
Durata 97 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere avventura, comico
Regia Kyle Newman
Soggetto Ernest Cline, Dan Pulick
Sceneggiatura Ernest Cline, Adam F. Goldberg
Produttore Dana Brunetti, Kevin Spacey, Matthew Pernicaro, Evan Astrowsky, Kevin Mann
Montaggio Seth Flaum
Musiche Mark Mothersbaugh
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
(EN)
« The saga's biggest fans on the galaxy's greatest mission! »
(IT)
« I più fanatici fan della saga alle prese con la più grande missione della galassia! »
(Slogan del film.)

Fanboys è un film del 2009 diretto da Kyle Newman e interpretato da Sam Huntington, Chris Marquette, Dan Fogler, Jay Baruchel e Kristen Bell.

La pellicola è stata distribuita il 6 febbraio negli Stati Uniti e il 3 aprile in Canada[1].

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il 31 ottobre 1998, Eric Bottler (Sam Huntington) si rincontra coi suoi amici del liceo; Linus (Chris Marquette), Hutch (Dan Fogler), Windows (Jay Baruchel) e Zoe (Kristen Bell) durante una festa di Halloween. Bottler, divenuto un venditore d'auto di successo nel negozio del padre, scopre di essere l'unico ad essere maturato e che gli ex-compagni di scuola in tre anni non sono cambiati di una virgola, mantenendo tutte le loro abitudini nerd, in primis la passione per Guerre stellari. Questo porta non poche tensioni tra Bottler e i vecchi amici, soprattutto quando Linus propone di intraprende un viaggio attraverso gli Stati Uniti fino allo "Skywalker Ranch" di George Lucas per vedere in anteprima Star Wars Episodio I - La minaccia fantasma; idea che aveva progettato insieme a Bottler sin dalle elementari e alla quale quest'ultimo si oppone.

Lo "Skywalker Ranch", meta dei protagonisti.

Il mattino seguente Hutch e Windows fanno visita a Bottler sul posto di lavoro e lo informano che Linus è malato terminale di cancro e non ha abbastanza tempo per aspettare la data di uscita. Per riappacificarsi con quello che un tempo era il suo migliore amico, Bottler ritorna sui suoi passi e, assieme agli amici parte per lo "Skywalker Ranch". A bordo del caravan di Hutch il gruppo parte dunque alla volta del Texas per incontrare "Rogue Leader", una ragazza con cui Windows ha una relazione online e che può fornire loro la pianta del Ranch. Durante il viaggio, Hutch decide di fare una deviazione verso Riverside, nell'Iowa (futuro luogo di nascita del capitano James T. Kirk) per attaccare briga con alcuni "Trekkie"; a tale scopo provoca l'ammiraglio Seasholtz (Seth Rogen), capo della comunità di fan di Star Trek locale, e fugge col caravan investendo la statua di Kirk e Khan dopo che questi ha definito Han Solo una "puttana".

Successivamente il mezzo dei ragazzi si ferma davanti a un bar di motociclisti gay ed essi vi entrano per chiedere aiuto ed una bottiglia di acqua, che viene a costare 100 $. Quando Hutch si rifiuta di pagare il barista e gli avventori li costringono ad esibirsi in uno spogliarello sulle note della musica dei Menudo; dopo tale performance un bizzarro personaggio che si autodefinisce "Il Capo" (Danny Trejo) ripara loro il caravan mentre essi dormono sotto l'effetto di guacamole corretto al peyote.

Giunti in Texas, Windows incontra Rogue Leader, che si rivela essere una ragazzina di dieci anni di nome Kimmy (Allie Grant), nonché nipote del leggendario fan di Star Wars Harry Knowles (Ethan Suplee) il quale inizialmente accusa Windows di pedofilia e, successivamente, chiarito il malinteso e rivolto loro un test per valutare se siano veramente dei fan della saga, si offre di aiutarli nella loro missione indirizzandoli verso un suo contatto a Las Vegas capace di fornirgli la pianta dello "Skywalker Ranch". Sulla strada per Las Vegas vengono arrestati dalla polizia per detenzione di sostanze stupefacenti (le peyota regalate loro dal Capo) e Zoe li raggiunge per pagar loro la cauzione e accompagnarli per il resto del viaggio. Contemporaneamente Bottler riceve un messaggio dal padre che lo esorta a tornare indietro su minaccia di licenziamento, il ragazzo dopo qualche dubbio decide di proseguire il suo viaggio poiché conscio di aver abbandonato da troppo tempo i suoi sogni d'infanzia.

Giunti a Las Vegas Bottler e Linus si dirigono a incontrare il contatto di Harry, che si rivela essere William Shatner, ottenute le piante del Ranch dall'uomo, essi si imbattono nei Trekkie incontrati in Iowa, che li inseguono desiderosi di vendetta, contemporaneamente Zoe, Hutch e Windows fuggono dal furioso mentore di due escort con cui i due ragazzi sono entrati in intimità senza sapere di doverle pagare. Durante la disastrosa fuga Linus cade dall'auto e viene ricoverato in ospedale.

Quando la dottoressa (Carrie Fisher) informa i quattro amici che per il bene della salute di Linus sarebbe meglio interrompere il viaggio, essi sembrano tutti intenzionati a gettare la spugna, tranne Bottler che ispira il gruppo a non arrendersi ricordando loro quanto Star Wars significhi per Linus. I cinque fuggono dunque dall'ospedale e si dirigono verso lo "Skywalker Ranch", incontrando lungo la strada anche Jay & Silent Bob. Penetrati nel Ranch, i ragazzi vengono localizzati dalle guardie dopo essersi soffermati a ammirare la collezione dei costumi originali usati nel film ed incominciano un lungo inseguimento per tutto l'edificio, durante il quale Windows e Zoe si confidano i sentimenti che da anni provano l'uno per l'altra. Catturati dagli addetti alla sicurezza ad un passo dal loro intento, vengono sottoposti a un test dal capo della sicurezza (Danny R. McBride) su ordine dello stesso Lucas, al fine di provare che siano veri fanboy e non ladri; interrogati singolarmente i cinque dimostrano una grande conoscenza della saga e quasi nessuna riguardo all'altro sesso, dando dunque prova definitiva al regista che, commosso dal loro gesto, permette a Linus di vedere il film in anteprima.

Dopo aver visto il film, Linus si ricongiunge al gruppo che, prima di ripartire si accampa nel Ranch. Attorno al fuoco del falò, Bottler si chiarisce con Linus riguardo all'essersi persi di vista nonostante la loro amicizia e viene perdonato.

[modifica | modifica wikitesto]

Il 19 maggio 1999, un mese dopo la morte di Linus, il gruppo di amici assiste alla prima di Star Wars Episodio I - La minaccia fantasma dopo aver passato la notte accampati davanti al cinema; nei sei mesi intercorsi Hutch ha finalmente aperto la sua attività di riparo vetture, Windows e Zoe si sono fidanzati e Bottler, seguendo il sogno d'infanzia suo e di Linus, ha intrapreso la carriera di disegnatore di fumetti. I quattro brindano alla memoria dell'amico poco prima che incominci la proiezione della pellicola.

Il film si conclude col commento ironico di Bottler: «Ragazzi, e se il film fa schifo?».

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fanboys Triumphant: Kevin Spacey Crashes Fan Movie Awards, Official Star Wars Blog, 25 luglio 2008. URL consultato l'8 febbraio 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema