Famiglia Mitford

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La Famiglia Mitford è una famiglia aristocratica inglese minore che trae le sue origini nel Northumberland risalenti alla conquista normanna. Nel Medioevo sono stati Border Reivers con base a Redesdale. La linea principale della famiglia aveva sedi a Mitford Castle, Mitford Old Manor House e dal 1828, l'allora recente costruzione, Mitford Hall. diversi membri della famiglia servirono come High Sheriff of Northumberland.

Un ramo minore con sede a Newton Park nel Northumberland ed Exbury House nel Hampshire discende dallo storico inglese William Mitford. I Mitford furono elevati al rango di pari due volte, nel 1802 e nel 1902, sotto il titolo di Barone Redesdale.[1]

Nel XX secolo le "Mitford sister""—le sei figlie di David Freeman-Mitford, II barone Redesdale—divennero note, e a volte, figure caricaturali, secondo il giornalista del The Times Ben Macintyre, come "Diana la fascista, Jessica la comunista, Unity l'amante di Hitler, Nancy la romanziera, Deborah la duchessa e Pamela la unobtrusive poultry connoisseur".[2]

I figli Mitford[modifica | modifica sorgente]

  • Nancy Mitford (28 novembre 1904 - 30 giugno 1973)
  • Pamela Mitford (25 novembre 1907 – 12 aprile 1994)
  • Thomas Mitford (2 gennaio 1909 – 30 marzo 1945)
  • Diana Mitford (17 giugno 1910 – 11 agosto 2003)
  • Unity Mitford (8 agosto 1914 – 28 maggio 1948)
  • Jessica Mitford (11 settembre 1917 – 22 luglio 1996)
  • Deborah Mitford (nata il 31 marzo 1920)

Le sorelle Mitford[modifica | modifica sorgente]

Le lapidi di Nancy, Diana e Unity Mitford

Nel XX secolo la famiglia raggiunse la contemporanea notorietà dovuta alla loro vita di giovani controverse e alla moda, ed in seguito per le loro molteplici divisioni politiche pubbliche tra comunismo e fascismo. Le sei ragazze della famiglia erano conosciute collettivamente come "the Mitford sisters". Nancy e Jessica diventarono scrittrici ben note e Deborah dirisse una delle case di campagna di maggior successo d'Inghilterra. Jessica e Deborah sposarono entrambe nipoti acquisiti di due primi ministri, rispettivamente Winston Churchill ed Harold Macmillan. Deborah e Diana sposarono facoltosi aristocratici. Unity e Diana furono ben note, nel corso del 1930, per essere vicino ad Adolf Hitler. Al principio degli anni '80 anche Deborah divenne politicamente attiva quando lei e suo marito, il Duca di Devonshire, diventarono protagonisti del neonato partito politico, il Partito Social Democratico.

Le sorelle era le figlie di David Freeman-Mitford, II barone Redesdale conosciuto dai suoi figli come "Farve" ed altri nomignoli. La loro madre era Sydney Freeman-Mitford, baronessa Redesdale, conosciuta come "Muv", figlia di Thomas Bowles che David sposò nel 1904. La casa di famiglia cambiò da Batsford House ad Asthall Manor presso il fiume Windrush nell'Oxfordshire e poi Swinbrook Cottage nelle vicinanze, con una casa Rutland Gate a Londra.

Le sorelle Mitford ed il loro fratello crebbero in una aristocratica case di campagna con genitori emotivamente distanti, così come una famiglia di grandi dimensioni con numerosi servitori: questa situazione famigliare non era inusuale per i suoi tempi. I genitori erano descritti come "fascisti di natura"; alla fine due delle loro figlie seguirono le loro orme; una voltò le spalle ai privilegi ereditati e scappò via per diventare una comunista, conseguenza dell'eccitazione della politica europea negli anni del 1930. Le memorie di Jessica, Hons and Rebels, descrive la loro educazione e Nancy ovviamente trasse spunto dalla sua famiglia per i personaggi dei suoi romanzi. I bambini avevano un linguaggio privato chiamato "Boudledidge" (pronunciato 'bowdledidge'), ed ognuno aveva un diverso nomignolo per gli altri.

Allo scoppio della seconda guerra mondiale le loro idee politiche vennero ancor più in rilievo. "Farve" rimase un conservatore ma "Muv" sosteneva solitamente le sue figlie fasciste, si separarono alla fine degli anni del 1940. Nancy, una socialista moderata, lavorava a Londra durante il Blitz. Pamela rimase apparentemente una figura non-politica, sebbene, come riferito, effettivamente un'antisemita rabbiosa.[3] Tom, un fascista, rifiutò di combattere la Germania, ma si offrì volontario per combattere contro il Giappone Imperiale. Fu ucciso in azione poco tempo dopo il suo arrivo in Asia. Diana (sposata con Oswald Mosley), una fascista, fu imprigionata a Londra per tre anni. Unity, turbata dalla dichiarazione di guerra contro Hitler, tentò di suicidarsi e subì danni cerebrali che eventualmente la portarono alla morte prematura. Jessica, una sostenitrice comunista, si era trasferita negli Stati Uniti, ma su marito Esmond Romilly si offrì volontario per la RCAF e morì quando il suo bombardiere sviluppò problemi meccanici sul Mare del Nord.[4] In numerose lettere, Jessica ha affermato che Romilly servì nella RCAF e che sua figlia ricevette una pensione dal governo canadese dalla data della morte di suo padre fino al compimento dei 18 anni.[4] La rivalità politica tra Jessica e Diana durò fino alle loro morti, con le altre sorelle in frequenti contatti.

Le sorelle sono note come scrittrici di lettere prolifiche. Un sostanziale corpo di corrispondenza esiste ancora, principalmente lettere tra le sorelle.[2] Erano, è stato affermato "le più ardenti lucidatrici della loro immagine pubblica".[5]

Biografie in miniatura[modifica | modifica sorgente]

  1. The Hon. Nancy Mitford (28 novembre 1904 – 30 giugno 1973). Sposò Peter Rodd ed ebbe una relazione di lunga data con il politico francese e statista Gaston Palewski. Visse in Francia gran parte della sua vita adulta. Scrittrice di molti romanzi, compreso il suo più popolare (ed in qualche modo autobiografico), The Pursuit of Love e Love in a Cold Climate. Anche nota biografa di figure storiche, incluso il Re Sole.
  2. The Hon. Pamela Mitford (25 novembre 1907 – aprile 12, 1994). Sposò e divorziò il milionario scienziato Derek Jackson. John Betjeman, che per un certo periodo fu innamorato di lei, si riferiva a lei come la "Rural Mitford". Dopo il suo divorzio da Jackson, trascorse il resto della sua vita come compagna di Giuditta Tommasi (morta nel 1993), un'amazzone italiana.[6]
  3. The Hon. Thomas Mitford (2 gennaio 1909 – 30 marzo 1945). Educato a Eton. Amante di James Lees-Milne ad Eton.[7] Amante regolare di Tilly Losch durante il suo matrimonio con Edward James. Morì da soldato in Birmania. Secondo le lettere scritte alla sorella Jessica, sostenne ufficiosamente il fascismo britannico e fu di stanza in Birmania dopo aver rifiutato di combattere in Europa.[4]
  4. The Hon. Diana Mitford (17 giugno 1910 – 11 agosto 2003). Sposò l'aristocratico e scrittore Bryan Walter Guinness nelle nozze dell'anno dell'alta società (1929). Lo lasciò nello scandalo della società dell'anno (1933) per il leader fascista britannico Sir Oswald Mosley. Fu internata nella Holloway Prison durante la seconda guerra mondiale. Non rinunciò mai alle sue credenze nel fascismo.
  5. The Hon. Unity Valkyrie Mitford (8 agosto 1914 – 28 maggio 1948). Famosa per la sua adulazione ed amicizia con Adolf Hitler. Si sparò alla testa il giorno dopo che il Regno Unito dichiarò guerra alla Germania,[4] ma non riuscì ad uccidersi ed alla fine morì di meningite da pneumococco al West Highland Cottage Hospital, Oban dopo essere stata trasferita li da Inch Kenneth.
  6. The Hon. Jessica Mitford, comunemente conosciuta come Decca (11 settembre 1917 – 22 luglio 1996). Fuggì con Esmond Romilly verso la guerra civile spagnola. Trascorse molto della sua vita da adulta negli Stati Uniti. Due anni dopo che Esmond rimase ucciso durante il servizio militare sposò Robert Treuhaft, che aveva incontrato come parte del suo lavoro di attivista di diritti civili. Membro dell'American Communist Party (fino al 1958). Scrisse diversi volumi di memorie e diversi muckrakers, tra cui il bestseller The American Way of Death (1963) sull'industria funeraria. Sarebbe diventata la nonna materna di James Forman Jr e Chaka Forman, i due figli del leader afro-americano per i diritti civili James Forman avuti da sua figlia Constancia Romilly.
  7. The Hon. Deborah Mitford (nata il 31 marzo 1920). Sposò Andrew Cavendish, Duca di Devonshire e con lui trasformò la sua casa ancestrale, Chatsworth House, in una delle case di campagna britanniche di maggior successo. Ha scritto una dozzina di libri.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Burke's Peerage, 107th edn. (London 2003).
  2. ^ a b Those utterly maddening Mitford girls, Ben Macintyre, The Times, London, 12 October, 2007.Accessed: 28-07-2009.
  3. ^ Paul Reynolds, Nancy Mitford spied on sisters, BBC News, 14 novembre 2003. URL consultato il 25 novembre 2010.
  4. ^ a b c d Jessica Mitford in Peter Y. Sussman (a cura di), Decca: The Letters of Jessica Mitford, Weidenfeld & Nicolson, 2006.
  5. ^ The myth of the Mitfords.., D.J. Taylor, The Guardian, London, 14 August 2003.Accessed: 28-07-2009.
  6. ^ Charlotte Mosley, editor. The Mitfords: Letters Between Six Sisters, London: Fourth Estate, 2007, p264. According to her sister Jessica, Pamela Mitford had become "a you-know-what-bian" [lesbian].
  7. ^ The National Trust bed-hopper who persuaded aristocrats he slept with—women AND men—to leave their homes to the nation, Matthew Wilson, The Daily Mail, 11 September 2009

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • The House of Mitford by Jonathan Guinness (Hutchinson, London 1984)
  • The Mitford Girls by Mary S. Lovell (Little, Brown and Company 2001)
  • The Mitfords, Letters Between Six Sisters edited by Charlotte Mosley (Fourth Estate 2007)

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]