Faleristica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Medaglie al museo di storia di Donec'k.

Dicesi faleristica la raccolta di medaglie, onorificenze e distintivi.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il termine venne coniato nel 1936 da Kristian Turnwald e Oldřich Pilc[1]nel tentativo di trovare una parola che sostituisse a livello internazionale le diverse definizioni della disciplina[senza fonte].

Il termine tecnico deriva dal greco τά φάλαρα che nei testi classici era usata per indicare le decorazioni metalliche che si trovavano apposte sugli elmi dei guerrieri e sui finimenti dei cavalli dei soldati greci, termine ripreso poi dai romani con il nome di phalerae per indicare i medaglioni applicati sulla lorica degli ufficiali.

Con la creazione del termine da parte di Pilc, la faleristica iniziò ad essere separata categoricamente dalla numismatica e dall'araldica a cui per secoli era stata assoggettata.[senza fonte]

Campi d'applicazione[modifica | modifica wikitesto]

La faleristica concentra il proprio campo di applicazioni attorno alle decorazioni ufficiali e non ufficiali (religiose, associative, d'impresa) conferite a persone fisiche o morali, suddivisi per antichità o epoca di concessione, oltre che per tipologia:

  • ordini cavallereschi
  • ordini di merito
  • ordini militari
  • decorazioni
  • medaglie
  • insegne

La ricerca si spinge quindi alle varie tipologie di enti di emissione delle varie decorazioni e ai decreti di concessione, comprendendo quindi anche il collezionismo cartaceo di diplomi e onorificenze.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Antti Matikkala, The Orders of Knighthood and the Formation of the British Honours System, 1660-1760, pag. 16, Boydell & Brewer Ltd, Dec 18, 2008.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Václav Měřička, Orden und Auszeichnungen, Praga, Artia Verlag, 1966.
  • Václav Měřička, Faleristik, Praga, Artia Verlag, 1976.
  • Maximilian Gritzner, Handbuch der Ritter- und Verdienstorden aller Kulturstaaten der Welt innerhalb des XIX. Jahrhunderts, Lipsia, Reprint-Verlag, 2000.
  • Walter A. Schwarz, Verleihe Ich Ihnen ...: die militärischen Auszeichnungen der Republik Österreich und deren Vorgänger, Vienna, Bundesministerium für Landesverteidigung, 2004.
  • Walter A. Schwarz, Vergänglicher Glanz ...: Altösterreichs Orden, Katalog zur Ausstellung des Österreichischen Staatsarchivs und der Gesellschaft für Ordenskunde - Haus-, Hof- und Staatsarchiv 5. Mai bis 7. Oktober 2005, Vienna, Fassbaender, 2005.
  • Roberto Manno, Il cerchio e la croce medaglie e distintivi di guerra, Ermanno Albertelli Editore, Parma 2009

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]