Falconidae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Falconidi
Falconidae
Falco cenchroides
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Aves
Sottoclasse Neornithes
Superordine Neognathae
Ordine Falconiformes
Sharpe, 1874
Famiglia Falconidae
Vigors, 1824
Generi

I Falconidi (Falconidae (Vigors, 1824)) sono una famiglia di uccelli rapaci, unica famiglia dell'ordine Falconiformes.[1]

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

I falconidi non uccidono con gli artigli, ma con il forte becco dentellato superiormente. Il loro becco non solo è più largo e più robusto di quello degli Accipitriformi, ma è caratterizzato in particolare dal cosiddetto «dente di falco», una sporgenza sul ramo superiore che s'inserisce perfettamente in un sottostante incavo del ramo inferiore, con corrispondente intaccatura nella mandibola. Il colpo del becco, che di solito è immediatamente mortale, mira alle vertebre del collo. La separazione delle vertebre in questo punto è sufficiente per paralizzare e stordire all'istante la vittima.

I Falconidi cacciano volando velocemente o reggendosi immobili nell'aria; perciò hanno un tronco assai slanciato, lunghe ali appuntite e una lunga e stretta coda. Con rapide, vigorose e non molto ampie battute delle ali sfrecciano fulminei, raggiungendo velocità stupefacenti e piombano come furie sulle loro vittime.

In libertà nessun Falconide accetterebbe carogne. Si nutrono di prede appena catturate e abbattute da loro stessi. Ma non tutti catturano soltanto in volo ed esclusivamente animali che passano in volo. Come già accennato, fra loro esistono anche cacciatori che stanno in agguato, reggendosi immobili nell'aria, per catturare la loro preda, topi e insetti, a terra.

Una volta tutti i Falconidi covavano probabilmente sulle rocce. In ogni caso, neppure una specie è capace di costruire nidi. Occupano invece vecchi nidi abbandonati da altri uccelli o depongono le loro uova sulla roccia nuda. Né sono in grado di riparare in qualche modo il vecchio nido che occupano. Senza esitare depongono le uova anche in nidi già mezzi sfasciati; di conseguenza le perdite di covate sono rilevanti. Inoltre - soprattutto durante la cerimonia della consegna, cioè quando il maschio consegna alla femmina la preda catturata per nutrire la prole - fanno un tale baccano nei pressi del nido che i numerosi nemici umani scoprono ben presto la camera dei piccoli.

Come in quasi tutti gli uccelli cacciatori, anche nei Falconidi è presente il dimorfismo sessuale e le femmine sono in genere molto più grandi dei maschi e catturano anche animali corrispondentemente più grossi. Così la femmina abbatte soprattutto piccioni e pernici, mentre il maschio cattura solo storni e tordi.

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

Comprende i seguenti generi e specie:[1]

Specie e generi fossili[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Falconidae in IOC World Bird Names (ver 4.1), International Ornithologists’ Union, 2014. URL consultato il 14 luglio 2013.
  2. ^ PVPH 465: prima falange 1 del dito medio. Possibile caracara; (Kramarz et al. 2005)

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli