Cittareale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Falacrine)
Cittareale
comune
Cittareale – Stemma
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Lazio Coat of Arms.svg Lazio
Provincia Provincia di Rieti-Stemma.png Rieti
Amministrazione
Sindaco Giuseppe Fedele dal 16/05/2011
Territorio
Coordinate 42°37′00″N 13°10′00″E / 42.616667°N 13.166667°E42.616667; 13.166667 (Cittareale)Coordinate: 42°37′00″N 13°10′00″E / 42.616667°N 13.166667°E42.616667; 13.166667 (Cittareale)
Altitudine 962 m s.l.m.
Superficie 58,97 km²
Abitanti 484[1] (31-12-2012)
Densità 8,21 ab./km²
Frazioni Ara dei Colli, Bricca, Cagnerone, Ca Jenco, Cesetta, Collenasso, Collicelle, Conca, Folcara, Le Rose, Marianitto, Matrecciano, Mola Coletta, Pallottini, Santa Croce, Santa Giusta, Sacco, Scanzano, Sorecone, Trimezzo, Vetozza, Vezzano
Comuni confinanti Accumoli, Amatrice, Borbona, Cascia (PG), Leonessa, Montereale (AQ), Norcia (PG), Posta
Altre informazioni
Cod. postale 02010
Prefisso 0746
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 057017
Cod. catastale C749
Targa RI
Cl. sismica zona 1 (sismicità alta)
Nome abitanti civitaresi o cittarealesi
Patrono san Rocco
Giorno festivo 16 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Cittareale
Posizione del comune di Cittareale nella provincia di Rieti
Posizione del comune di Cittareale nella provincia di Rieti
Sito istituzionale

Cittareale è un comune di 484 abitanti nella provincia di Rieti, nella regione del Lazio. Fino al 1927 faceva parte della Provincia dell'Aquila, in Abruzzo e, dal 1233 al 1861, per oltre 600 anni, è stato parte integrante del Giustizierato d'Abruzzo e della provincia Abruzzo Ultra II, nel distretto di Cittaducale, con capoluogo L'Aquila.[2]

Geografia fisica[modifica | modifica sorgente]

Territorio[modifica | modifica sorgente]

Il Velino nasce nel territorio comunale.

Clima[modifica | modifica sorgente]

Classificazione climatica: zona F, 3061 GR/G

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il Comune di Cittareale sorge nella Valle Falacrina, presso l'antico Vicus Phalacrinae, villaggio in cui nell'anno 9 d.C. nacque Tito Flavio Vespasiano, imperatore romano e padre di due figli anch'essi imperatori, Tito e Domiziano.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

Architetture religiose[modifica | modifica sorgente]

La chiesa di san Pietro, nella frazione di Vetozza, è costruita su un tempio di epoca romana dedicato alla dea Vacuna. In epoca medievale, la chiesa ospitò una comunità monastica alle dipendenze della potente Abbazia di Farfa. Ricostruita nel XV secolo, vi si conserva un trittico datato 1596.

Il Comune di Cittareale è il luogo dove sono presenti le sorgenti del Velino, alle pendici delle quali si erge il Santuario della Madonna di Capodacqua, in prossimità del luogo in cui la Madonna apparve a una contadina della zona.

Architetture militari[modifica | modifica sorgente]

Capolavoro di architettura militare è la Rocca di Cittareale. La Rocca era adibita a funzioni meramente militari di difesa del territorio, vista la sua posizione strategica al confine tra il Regno delle Due Sicilie e lo Stato Pontificio. Nel corso dei secoli sono stati numerosi gli interventi operati sulla fortezza, dovuti alle "innovazioni" militari (vedi l'introduzione della polvere da sparo) e ai numerosi attacchi distruttori subiti. La Rocca, nella particolare forma e nell'immensa estensione con cui si presenta oggi al pubblico, è quella ricostruita dagli aragonesi nel 1479. Abbandonata per anni, è stata restaurata e resa in parte visitabile.

Aree archeologiche[modifica | modifica sorgente]

Dal 2005 un'equipe di archeologi della British School at Rome e dell’Università degli Studi di Perugia, conduce delle campagne di scavi sul territorio di Cittareale che hanno permesso il ritrovamento di numerosi reperti. I ritrovamenti abbracciano un periodo storico vastissimo, partendo dalle guerre sociali dell'epoca della "romanizzazione della Sabina" fino ad arrivare al periodo medievale, passando per la Roma imperiale. Nella zona di San Lorenzo è stata ritrovata la Villa dove nacque l'Imperatore Tito Flavio Vespasiano. I reperti ritrovati sono esposti nel Museo Civico di Cittareale, inaugurato in occasione dei festeggiamenti del bimillenario della nascita di Vespasiano, nel 2009.


Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[3]

Cultura[modifica | modifica sorgente]

Istruzione[modifica | modifica sorgente]

Musei[modifica | modifica sorgente]

  • Museo Civico di Cittareale

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Nel 1850 acquisì dal territorio di Cascia il villaggio di Trimezzo.

Nel 1927, a seguito del riordino delle Circoscrizioni Provinciali stabilito dal regio decreto N°1 del 2 gennaio 1927, per volontà del governo fascista, quando venne istituita la provincia di Rieti, Cittareale passò dalla provincia dell'Aquila a quella di Rieti.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
2001 2006 Pier Luigi Feliciangeli lista civica Sindaco
2006 2011 Pier Luigi Feliciangeli lista civica "Lavoro e sviluppo" Sindaco
2011 in carica Giuseppe Fedele lista civica Sindaco

Altre informazioni amministrative[modifica | modifica sorgente]

Economia[modifica | modifica sorgente]

Turismo[modifica | modifica sorgente]

Il polo sciistico della frazione di Selvarotonda è, insieme a quelli del Terminillo e di Leonessa, tra i più importanti dell'Alto Lazio.

Sport[modifica | modifica sorgente]

Calcio[modifica | modifica sorgente]

La squadra di calcio è l'A.C. Cittareale che milita attualmente nella Terza Categoria, girone A. Fondata nel 1979, tre volte promossa in Seconda Categoria, può a giusto titolo definirsi la Società che ha portato il calcio nell'Alta Valle del Velino. IIl 4 maggio 2014 ha vinto il girone A del campionato provinciale di Terza Categoria della provincia di Rieti, ottenendo la sua quarta promozione in Seconda Categoria.

Note[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]