Faysal bin Musa'id bin 'Abd al-'Aziz Al Sa'ud

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Faysal bin Musa'id bin 'Abd al-'Aziz Al Sa'ud
Principe dell'Arabia Saudita
Stemma
Nome completo Faysal bin Musa'id bin 'Abd al-'Aziz Al Sa'ud
Nascita 1947
Morte Riyad, 18 giugno 1975
Dinastia Dinastia Saudita
Padre Musa'id bin Abd al-Aziz Al Sa'ud
Madre al-Jawhara bint Saʿd bin ʿAbd al-Muḥsin al-Sudayrī
Consorte Watfa bint Muhammad Al Rashid
Religione Musulmano sunnita

Fayṣal bin Musāʿid Āl Saʿūd (in arabo: فيصل بن مساعد بن عبد العزيز آل سعود; 1947Riyad, 18 giugno 1975) è stato un principe e criminale saudita, assassino e nipote di re Faysal dell' Arabia Saudita.

Era il figlio Musa'id bin Abd al-Aziz Al Sa'ud. Sua madre Watfa era la figlia di Mohammad ibn Talal. Faysal aveva un fratello chiamato Khaled considerato un estremista religioso, morto in seguito a dimostrazioni contro una televisione a Riyad accusata di trasmettere immagini contro l'Islam.

Faysal studiò negli Stati Uniti dove fu arrestato per la vendita di LSD, in seguito il procuratore distrettuale avrebbe lasciato cadere le accuse. Dopo aver lasciato gli USA il principe ha trascorso un periodo a Beirut. Si è appreso che ha visitato la Germania Est prima di tornare in Arabia Saudita.

Al suo arrivo gli fu sequestrato il passaporto a causa del problema causato all'estero. Ha iniziato allora a insegnare presso l'università di Riyad, si è anche tenuto in contatto con una ragazza conosciuta negli USA.

Il 25 marzo 1975 si recò al palazzo reale dove re Faysal era ad un colloquio con dei cittadini di primo piano e si mise in fila per essere ricevuto. Quando arrivò il suo turno il re chinò la testa in avanti in modo che il nipote potesse baciargli la testa in segno di rispetto. A questo punto Faysal tirò fuori una pistola e gli sparò in faccia più volte per vendicare la morte del fratello Khaled. Il re fu subito portato in ospedale e prima di morire chiese che il nipote non fosse condannato a morte. In seguito il nipote fu dichiarato pazzo (aveva subito un trattamento psichiatrico a Beirut ed era inoltre tossicodipendente).
Nonostante ciò a pochi giorni dall'assassinio i funzionari sauditi dichiararono che il gesto era stato deliberato e programmato.
Fu processato e trovato colpevole di regicidio e condannato a morte. L'esecuzione pubblica ebbe luogo 18 giugno 1975 alle 16:30.

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Biografie