Fade to Black (Metallica)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fade to Black
Artista Metallica
Autore/i James Hetfield, Lars Ulrich, Cliff Burton, Kirk Hammett
Genere Power ballad
Hard rock
Pubblicazione
Incisione Ride the Lightning
Data 27 luglio 1984
Etichetta Elektra Records
Durata 47 min : 26 s
Ride the Lightning – tracce
Successiva
Trapped Under Ice

Fade to Black è un brano del gruppo musicale statunitense Metallica, quarta traccia del secondo album studio Ride the Lightning, pubblicato il 27 luglio 1984.

La canzone[modifica | modifica wikitesto]

Fade to Black parla della sua depressione e della mancanza di qualcosa che crea vuoto dentro di lui, e rende questa canzone riflessiva. In realtà, sebbene la poeticità del testo possa far pensare a motivi molto personali, l'ispirazione che ha dato vita al brano è il furto di tutto l'equipaggiamento del gruppo avvenuto a Boston il 14 gennaio 1984.[senza fonte]

Secondo il gruppo, Fade to Black gioca un ruolo chiave per la riuscita dell'intento artistico che i Metallica stavano tentando di perseguire con Ride the Lightning. Ciò che venne ricercato era infatti la dinamicità, ottenuta con il contrasto nell'accostamento di pezzi veloci e lenti.

Analisi tecnica[modifica | modifica wikitesto]

Il pezzo si apre con un "fade in" ad un arpeggio di chitarra acustica che, dopo un giro d'introduzione, viene accompagnato da un assolo melodico con una lieve intromissione di colpi di cassa e crash della batteria.

Il pezzo continua poi, dopo l'entrata della batteria, con una linea melodica morbida, sempre sorretta da un arpeggio di chitarra a costituire le prime strofe del pezzo. Il "ritornello" (così definibile nonostante non presenti nessuna parte cantata) è invece basato su una linea melodica aggressiva e distorta. Segue un ritorno ad una seconda serie di strofe ed un nuovo ritornello.

Si apre così la seconda parte della canzone, che dopo poche strofe cantate, introduce al lunghissimo assolo che in un crescendo di batteria viene infine accompagnato in doppia cassa, chiudendosi in un lento fade out.

Ispirazione per gli album successivi[modifica | modifica wikitesto]

Fade to Black è la prima "traccia 4", numero che negli album a venire (Master of Puppets, ...And Justice for All, Metallica e Death Magnetic) sarà proprio dedicato ai brani "lenti" (rispettivamente Welcome Home (Sanitarium), One, The Unforgiven e The Day That Never Comes).

Esecuzioni dal vivo[modifica | modifica wikitesto]

È stato l'ultimo brano che suonò Jason Newsted dal vivo con i Metallica, ossia il 30 novembre 2000 ai VH1 Music Awards. Ironicamente era una delle canzoni dei Metallica preferite da Newsted, e fu detto che aveva un grande valore sentimentale per lui, sebbene fosse stata scritta prima che entrasse nel gruppo.

Dopo la terza notte del concerto del 30º anniversario dei Metallica, il gruppo confermò che Fade to Black è stata suonata dal vivo oltre mille volte.[1]

Cover[modifica | modifica wikitesto]

Fade to Black è stata reinterpretata dal gruppo power metal Sonata Arctica, dagli Apocalyptica e in concerto dai Disturbed.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

L'assolo presente nella parte finale di Fade to Black è stato inserito al 24º posto negli assoli di chitarra migliori di sempre della rivista Guitar World.

Impiego nei media[modifica | modifica wikitesto]

La canzone è presente nel videogioco Guitar Hero: Metallica.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Vinile promozionale
  1. Fade to Black (Vocal/LP Version) – 6:56

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ December 9, 2011 The Fillmore, San Francisco, CA
metal Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di metal