Factoría de Ficción

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Factoría de Ficción
FDF 2012.png
Paese Spagna Spagna
Lingua Spagnolo
Tipo Televisione digitale terrestre
Slogan Especialistas en series (trad. Specialisti serie)
Data di lancio 18 febbraio 2008
Editore Mediaset España
Diffusione
Terrestre
Spagna Spagna Andorra Andorra 68
Presto
Digitale DVB-T, in Spagna
Satellite
Canal+ Codificata: 26
Via cavo
ONO Codificata: 38
R Codificata: 34
Telecable Codificata: 67
Streaming
IPTV Su Zattoo, in Spagna
IPTV
Imagenio Codificata: 31

Factoría de Ficción è un canale televisivo privato spagnolo gestito da Mediaset España Comunicación, diffuso su varie piattaforme televisive.[1]

Inizialmente, FDF è stato il nome di un canale a pagamento via satellite, di cui erano soci Telecinco, Antena 3 e Globomedia, e trasmetteva soprattutto fiction.[2]

Nella sua seconda versione, hHa iniziato le sue trasmissioni regolari il 18 febbraio 2008 con la denominazione FDF Telecinco,[3] in sostituzione di Telecinco Estrellas,[4] e pochi mesi più tardi, ha cambiato logo.[5]

La sua programmazione consiste nel riproporre serie tv, fiction e film trasmessi dal gruppo Mediaset.[6]

Tra le maggiori autoproduzioni ci sono: Médico de familia, Los Serrano, Periodistas, 7 vidas, Hospital central, La que se avecina.[7]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (SP) Mediaset Spagna: Chi siamo, Mediaset, 30 maggio 2012.
  2. ^ (SP) Factoría de Ficción cierra sus puertas tras 7 años de emisión, 21 giugno 2007.
  3. ^ (SP) Telecinco redefine su oferta de TDT: nace Telecinco 2 y resurge FDF, mundoplus, 15 febbraio 2008. URL consultato il 24 novembre 2012.
  4. ^ (SP) Telecinco reestructura su TDT con Telecinco 2 y FDF, FormulaTV, 15 febbraio 2008. URL consultato il 24 novembre 2012.
  5. ^ (SP) Telecinco también cambia el logo de FDF, 24 luglio 2009.
  6. ^ (SP) Las grandes series, mejor en grandes dosis, FDFtv.es, 29 febbraio 2012.
  7. ^ (SP) Kantar Media, FDF bate su récord histórico (4,5%) impulsado por la semana fanática de 'La que se avecina', 7 settembre 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]