Facciamo l'amore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Facciamo l'amore
Titolo originale Let's Make Love
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 1960
Durata 118 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2.35:1
Genere commedia musicale
Regia George Cukor
Soggetto Hal Kanter, Norman Krasna, Arthur Miller
Sceneggiatura Hal Kanter, Norman Krasna, Arthur Miller
Produttore Jerry Wald
Fotografia Daniel L. Fapp
Montaggio David Bretherton
Musiche Lionel Newman, Earle H.Hagen, canzoni di Cole Porter e di Sammy Cahn
Scenografia Gene Allen, Lyle R. Wheeler
Costumi Dorothy Jeakins
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi

Facciamo l'amore (Let's Make Love), è un film del 1960 diretto da George Cukor, con protagonisti Marilyn Monroe e Yves Montand.

Trama[modifica | modifica sorgente]

New York: un miliardario di origini francesi scopre che un musical off Broadway sta per mettere alla berlina la sua figura di donnaiolo impenitente. Il suo staff di pubbliche relazioni lo consiglia di andare al Greenwich Village per parlare con i responsabili dello spettacolo e convincerli a ritirare la gag. Assistendo alle prove dello spettacolo, Jean-Marc è folgorato dall'apparizione di Amanda, la protagonista, interpretata da Marilyn Monroe che appare, in calzamaglia nera e maglioncino, scivolando giù da un'asta mentre canta con innocente malizia "My Heart Belongs to Daddy". Un colpo di fulmine che lo induce a non rivelarsi e a spacciarsi per il sosia del vero Clément, ottenendo proprio lui la parte del miliardario nel siparietto dello spettacolo. Per far colpo sulla fanciulla, Clément (che si è presentato come Alexander Dumas) le tenta tutte, ma lei si rivela particolarmente refrattaria alla sua corte. Giunge perfino a regalarle un bracciale di brillantoni (verissimi), raccontandole la favola di essere un rappresentante di bigiotteria. Geloso del rapporto che intercorre tra Amanda e Tony Danton, il cantante, un ex alcolizzato messo alla prova dalla produzione, cerca di mettersi in luce come attore: compra con scarso successo delle barzellette, si fa dare lezioni di ballo da Gene Kelly, lezioni di canto da Bing Crosby e lezioni di umorismo da Milton Berle. Alla fine confessa ad Amanda di non chiamarsi per niente Dumas, ma Clément. La ragazza pensa che sia andato fuori di testa e cerca di consolarlo. Per convincerla, deve indurla a presentarsi al palazzo Clément, dove finalmente Amanda resterà di sasso a scoprire la verità e ad accettare la proposta di matrimonio del miliardario.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema