Fabrizio De Rossi Re

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Fabrizio De Rossi Re (Roma, 1º agosto 1960) è un compositore e librettista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha studiato al Conservatorio di Santa Cecilia diplomandosi in composizione con Mauro Bortolotti e in strumentazione per banda con Raffaello Tega.

Importanti per la sua formazione sono stati gli incontri con il pianista di jazz Umberto Cesari, con Sylvano Bussotti (Scuola di Fiesole) con Salvatore Sciarrino (corsi di perfezionamento di Città di Castello) e, più recentemente, con Luciano Berio.

Insegna Elementi di composizione per didattica della musica presso il Conservatorio Giovan Battista Pergolesi di Fermo. È docente di Didattica dell'improvvisazione e della composizione presso la Scuola di specializzazione SSIS Università del Lazio (indirizzo musica e spettacolo).

Le sue composizioni sono state pubblicate ed incise da Adda Records, Agenda, BMG Ariola, CNI, Edipan, Fonit Cetra, I Move, QQD, Rai Trade, RCA, Semar, Sonzogno.

La musica[modifica | modifica wikitesto]

La produzione musicale di De Rossi Re è caratterizzata da un'esplorazione che accoglie e coniuga varie esperienze stilisticamente multiformi sempre in bilico tra una diretta comunicazione e l'eredità linguistica della sperimentazione, il che rimanda a posizioni molto vicine al postmodernismo, talora anche al neoromanticismo.

La sua produzione comprende opere di teatro musicale (Biancaneve ovvero il perfido candore del 1993, su libretto proprio con la regia di Catherine McGilvray, scenografia e costumi di Cristian Taraborrelli; Cesare Lombroso o il corpo come principio morale del 2001, su libretto di Adriano Vianello; Musica senza cuore, azione musicale grottesca liberamente tratta dal libro Cuore su libretto di Francesca Angeli (con Paola Cortellesi, rappresentata a Roma nel 2003); King Kong, amore mio, opera grottesca e sentimentale 2011); lavori sinfonico-corali (come la recente Rappresentatione per strumenti antichi, coro e orchestra commissionata dall'Accademia nazionale di Santa Cecilia) e cameristici (Ricercare per clavicembalo e archi, scritto per il quartetto d'archi dei Berliner Philharmoniker).

Tra le altre composizioni si ricordano inoltre Cantopinocchio, su libretto di Adriano Vianello, con Simona Marchini (rappresentata in prima nazionale a Città di Castello nel 1997); Mysterium Cosmographicum, su libretto di Francesca Angeli (ispirato alla vita e alle opere di Keplero, Fermo 2004); le opere radiofoniche Terranera (radiofilm su testo di Valerio Magrelli prodotto dalla RAI per la regia di Giorgio Pressburger nel 1994) e Orti di guerra (striscia quotidiana di musica e poesia su testi di Edoardo Albinati, prodotta da RAI RadioTre nel 1995). Inoltre Tre per una (per non dire l'Ernani) su testo di Vittorio Sermonti, e le musiche scritte per la danza: L'ombra dentro la pietra (gruppo Entr'acte - produzione di Roma Europa Festival 1996 e del Teatro Hebbel di Berlino 1997).

Ha scritto e interpretato le musiche di scena per lo spettacolo Elettrotauri, su testo di Luis Gabriel Santiago (Spoleto, 2004), nonché i brani Terra trémuit per tenore, coro e orchestra (commissionata per la Sagra musicale umbra in occasione del Giubileo del 2000), il progetto Paludes (per l'Accademia Filarmonica Romana, in collaborazione con il Teatro dell'Opera di Roma, 1999), An Imaginary portrait per orchestra di strumenti antichi (commissionata dall'Accademia nazionale di Santa Cecilia, stagione 2000-01), Slow Dance, danzetta lenta e molle delle piccole fate (omaggio a Giuseppe Verdi, per fisarmonica e orchestra, commissionata dal concorso del "2 agosto" (2001 ed eseguita dall'"Orchestra Toscanini" di Parma).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]