Fabrizio Crestani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fabrizio Crestani
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Automobilismo Casco Kubica BMW.svg
Dati agonistici
Categoria GP2 Series
 

Fabrizio Crestani (Conegliano, 17 dicembre 1987) è un pilota automobilistico italiano, attualmente corre nel campionato della GP2 Series[1].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver gareggiato nel campionato kart sino al 2005, nello stesso anno è passato nel campionato italiano di Formula Junior 1600, terminando al quarto posto, guidando per la PSR Motorsport. Crestani conseguì una vittoria e terminò il campionato dietro a Pasquale Di Sabatino, Mihai Marinescu e Jaime Alguersuari[2]. Ha anche fatto il suo debutto nel campionato italiano di Formula 3 per la Corbetta Competizioni durante l'ultima gara al circuito di Misano. Dopo essersi qualificato settimo ad entrambe le gare, Fabrizio registrò un sesto ed un settimo posto al termine delle due gare, che gli permisero di finire 13º in campionato[3].

Nel 2006 Crestani passò a tempo pieno nel campionato italiano di Formula 3, continuando con la Corbetta Competizioni. Nel corso della stagione, ha registrato una pole position al circuito di Vallelunga e cinque podi (quattro dei quali al secondo posto), terminando quinto nel campionato[4]. Ha anche fatto una comparsa nel campionato britannico di Formula 3 quando la competizione ha visitato il circuito del Mugello. Guidando nella classe Invitational Class, ha concluso entrambe le gare fuori dai punti, registrando un 15º ed un 14º posto, con tempi sul giro corrispondenti ai piloti della National Class[5].

Nel 2007 è seguita una terza stagione nel campionato italiano di Formula 3, sempre con la Corbetta Competizioni. Dopo aver registrato due pole position al circuito di Misano, Crestani conseguì le sue prime vittorie in campionato al Mugello[6]. Una terza vittoria seguì al circuito di Vallelunga, ma Crestani non riuscì a migliorare la sua posizione in campionato del 2006, terminando nuovamente al quinto posto con 41 punti di differenza dal campione Paolo Maria Nocera[7].

Nel 2008 Crestani non continuò a gareggiare nella Formula 3 italiana, in quanto passò al campionato Euroseries 3000. Ancora una volta la quinta posizione è stato il risultato netto della stagione comprese le vittorie al circuito del Mugello e la doppia vittoria all'Autodromo di Magione. Terminò ottavo nella omologa serie italiana, poiché correva allo stesso tempo come Euro Series, in quattro dei primi cinque turni. Ha fatto anche alcune presenze nel Formula Masters, correndo nei circuiti di Valencia, Pau e Brno per la Euronova Racing. Il suo miglior piazzamento è stato l'ottavo posto nella gara breve a Pau, distaccando il campione Chris van der Drift per 0.058 secondi[8], permettendogli di guadagnare mezzo punto in classifica[9]. Dopo l'acquisizione della BCN Competición da parte di Tiago Monteiro, rinominata poi Ocean Racing Technology[10], entrambi i piloti (Hiroki Yoshimoto e Luca Filippi) furono sostituiti dopo la prima gara dando la guida a Yelmer Buurman e Crestani già alla seconda gara del campionato GP2 Asia Series 2008-2009. Crestani non guadagnò alcun punto sino alla fine del campionato finendo al 28º posto della classifica. Riprese la sua carriera nella Euroseries con la scuderia TP Formula, anche se poi passa alla Emmebi Motorsport nella fase finale del campionato. Ha conseguito sei podi, una pole position e un giro veloce nelle tredici gare finendo al quarto posto in campionato e quinto nel campionato italiano di F3000.

Crestani ha un frammentato 2010, correndo quattro gare nel campionato Auto GP per le scuderie DAMS e Trident, e per sei gare nel campionato GP2 Series per la David Price Racing dopo la sostituzione di Giacomo Ricci nella squadra[11].

Nel 2011 ha poi intrapreso una stagione completa nell'2011 con la scuderia Lazarus accanto connazionale Fabio Onidi, concludendo il campionato al sesto posto, a soli sette punti e una posizione dietro al suo compagno di squadra.

Nel 2012 rimase con la Lazarus mentre la scuderia fa il debutto nella GP2 Series, insieme al compagno di squadra Giancarlo Serenelli. Conseguì il suo primo punto del campionato finendo decimo nella gara d'apertura al Circuito di Sepang. Dopo sette gare fu sostituito da Sergio Canamasas[12], terminando ventiquattresimo nel campionato.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Riepilogo carriera[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Categoria Squadra Gare Vittorie Pole Giri/V Podi Punti Posizione
2005 Formula Junior 1600 Italia PSR Motorsport 12 1  ?  ? 4 141
Formula 3 italiana Corbetta 2 0 0 0 0 10 13º
2006 Formula 3 italiana Corbetta Competizioni 16 0 1 2 5 76
Formula 3 inglese 2 0 0 0 1 20 17º
2007 Formula 3 italiana Corbetta Competizioni 16 3 2 3 7 73
2008 Euroseries 3000 GP Racing 10 3 0 1 5 49
Campionato Italiano F3000 4 1 0 1 1 15
International Formula Master Euronova Racing 6 0 0 0 0 0,5 27º
2008–09 GP2 Asia Series Ocean Racing Technology 9 0 0 0 0 0 28º
2009 Euroseries 3000 TP Formula 12 0 1 2 6 54
Campionato Italiano F3000 6 0 0 1 2 26
2010 Auto GP DAMS 4 0 0 0 0 0 22º
Trident Racing
GP2 Series David Price Racing 6 0 0 0 0 0 30º
2011 Auto GP Lazarus 14 1 0 0 4 92
2012 GP2 Series Venezuela GP Lazarus 14 0 0 0 0 1 24º

Risultati GP2 Series[modifica | modifica wikitesto]

(Legenda) N.B. Le gare in grassetto indicano una pole position mentre quelle in corsivo indicano il giro più veloce in gara.

Anno Scuderia 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 Punti Pos
2010 David Price Racing ESP
FEA
ESP
SPR
MON
FEA
MON
SPR
TUR
FEA
TUR
SPR
VAL
FEA
VAL
SPR
GBR
FEA
GBR
SPR
GER
FEA
GER
SPR
HUN
FEA
HUN
SPR
BEL
FEA

Rit
BEL
SPR

14
ITA
FEA

10
ITA
SPR

15
ABU
FEA

13
ABU
SPR

14
0 30º
2012 Venezuela GP Lazarus MYS
FEA

10
MYS
SPR

21
BHR1
FEA

14
BHR1
SPR

19
BHR2
FEA

Rit
BHR2
SPR

23
ESP
FEA

17
ESP
SPR

10
MON
FEA

19
MON
SPR

Rit
VAL
FEA

Rit
VAL
SPR

NP
GBR
FEA

11
GBR
SPR

22
GER
FEA
GER
SPR
HUN
FEA

HUN
SPR

BEL
FEA

BEL
SPR

ITA
FEA

ITA
SPR

SGP
FEA

SGP
SPR

1 24º

Risultati GP2 Asia Series[modifica | modifica wikitesto]

(Legenda) N.B. Le gare in grassetto indicano una pole position mentre quelle in corsivo indicano il giro più veloce in gara.

Anno Scuderia 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 Punti Pos
2008–09 Ocean Racing Technology CHN
FEA
CHN
SPR
UAE
FEA

14
UAE
SPR

C
BHR
FEA

Rit
BHR
SPR

17
QAT
FEA

10
QAT
SPR

21
MAL
FEA

15
MAL
SPR

16
BHR
FEA

18
BHR
SPR

15
0 28º

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Fabrizio Crestani career statistics at Driver Database in driverdb.com, Driver Database. URL consultato il 3 dicembre 2008.
  2. ^ (EN) Formula Junior 1600 Italy 2005 in driverdb.com, Driver Database. URL consultato il 3 dicembre 2008.
  3. ^ (EN) Point standings: Italian Formula 3 Championship - Season 2005 in speedsport-magazine.com, Speedsport Magazine. URL consultato il 13 dicembre 2008.
  4. ^ (EN) Point standings: Italian Formula 3 Championship - Season 2006 in speedsport-magazine.com, Speedsport Magazine. URL consultato il 4 dicembre 2008.
  5. ^ Lloyds TSB Insurance British F3 International Series - RACE 1 CLASSIFICATION (PDF) in sito web di Mike Conway, 16 settembre 2006. URL consultato il 4 dicembre 2008.
  6. ^ (EN) Results: Italian Formula 3 Championship - Season 2007 in speedsport-magazine.com, Speedsport Magazine. URL consultato il 4 dicembre 2008.
  7. ^ (EN) Point standings: Italian Formula 3 Championship - Season 2007 in speedsport-magazine.com, Speedsport Magazine. URL consultato il 4 dicembre 2008.
  8. ^ (EN) Results: Pau, Race 4, International Formula Masters - Season 2008 in speedsport-magazine.com, Speedsport Magazine. URL consultato il 15 febbraio 2013.
  9. ^ (EN) International Formula Master 2008 in driverdb.com, Driver Database. URL consultato il 15 febbraio 2013.
  10. ^ Fabrizio Corgnati, Monteiro compra la BCN e la ribattezza Ocean Racing, 422race.com, 29 novembre 2008. URL consultato il 15 febbraio 2013.
  11. ^ (EN) Spa: Official Preview in Pitpass, 26 agosto 2010. URL consultato il 30 agosto 2010.
  12. ^ (EN) Pablo Elizalde, Canamasas to make GP2 debut in Germany with Lazarus in autosport.com, Haymarket Publications, 17 luglio 2012. URL consultato il 23 luglio 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]