Fabio Santus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fabio Santus
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 180 cm
Peso 72 kg
Sci di fondo Cross country skiing pictogram.svg
Dati agonistici
Squadra Carabinieri Carabinieri
Palmarès
Mondiali juniores 1 1 0
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Fabio Santus (Clusone, 26 maggio 1976) è un fondista italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Originario di Gromo[1], ha debuttato in campo internazionale ai Mondiali juniores del 1995 a Gällivare, vincendo l'argento nella 30 km a tecnica libera. Nell'edizione successiva, ad Asiago, nella stessa gara ha vinto l'oro.

In Coppa del Mondo ha esordito il 14 dicembre 1996 nella 15 km a tecnica libera di Brusson vinta da Bjørn Dæhlie (48°) e ha ottenuto il primo podio il 4 febbraio 2007 nella staffetta di Davos (2°). Dalla stagione 2009-2010 si è dedicato esclusivamente alla Marathon Cup, vincendo il trofeo nel 2010 e chiudendo al secondo posto nel 2011.

In carriera ha partecipato a due edizioni dei Giochi olimpici invernali, Salt Lake City 2002 (26° nella 50 km) e Torino 2006 (33° nella 15 km, 19° nella 50 km, 16° nell'inseguimento) e a tre dei Campionati mondiali (19° nella 50 km di Val di Fiemme 2003 il miglior risultato).

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Mondiali juniores[modifica | modifica sorgente]

Coppa del Mondo[modifica | modifica sorgente]

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 28º nel 2004
  • 1 podio (a squadre[2]):
    • 1 secondo posto

Marathon Cup[modifica | modifica sorgente]

Marathon Cup - vittorie[modifica | modifica sorgente]

Data Gara Luogo Paese Distanza
24 gennaio 2010 Dolomitenradrundfahrt Lienz Austria Austria 42 km TL MS
27 febbraio 2010 American Birkebeiner Hayward Stati Uniti Stati Uniti 52 km TL MS
19 dicembre 2010 Sgambeda Livigno Italia Italia 42 km TL MS
23 gennaio 2011 Dolomitenradrundfahrt Lienz Austria Austria 42 km TL MS
22 gennaio 2012 Dolomitenradrundfahrt Lienz Austria Austria 42 km TL MS

Legenda:
MS = partenza in linea
TL = tecnica libera

Campionati italiani[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Scheda FISI. URL consultato il 14 maggio 2014.
  2. ^ Fino al 2000 dati parziali per le prove a squadre.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]