Fabio Metelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fabio Metelli

Fabio Metelli (Trieste, 10 giugno 1907Padova, 22 gennaio 1987) è stato uno psicologo italiano. È considerato uno dei principali studiosi italiani di psicologia della Gestalt, insieme a Gaetano Kanizsa e Paolo Bozzi.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Professore di Psicologia all'Università degli Studi di Catania, all'Università di Trieste ed all'Università di Padova, dove è stato successore di Cesare Musatti nella direzione dell'Istituto di Psicologia.

È stato autore di importanti ricerche sperimentali sulla psicologia della percezione.

Su iniziativa sua e di Guido Petter, nel 1971, è nato il primo corso di laurea di Psicologia italiano, presso l'Università di Padova. Sotto la sua guida, la psicologia sperimentale italiana (ed in particolare la "scuola padovana") ha vissuto un forte sviluppo in direzione di uno sperimentalismo metodologicamente molto rigoroso (era affettuosamente soprannominato dai suoi collaboratori come il metellicoloso, per sottolineare la grande rilevanza che attribuiva alla precisione e qualità dei dati sperimentali).

Alla sua memoria è dedicata la Biblioteca di Psicologia dell'Università di Padova, considerata come una delle biblioteche scientifiche psicologiche più fornite d'Europa.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 90361146

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie