Officine Fagus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 51°59′01″N 9°48′40″E / 51.983611°N 9.811111°E51.983611; 9.811111

Flag of UNESCO.svg Bene protetto dall'UNESCO Flag of UNESCO.svg
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Officine Fagus
(EN) Fagus Factory
Alfeld Fagus-Werke 1-2005.jpg
Tipo Culturali
Criterio (ii) (iv)
Pericolo Non in pericolo
Riconosciuto dal 2011
Scheda UNESCO (EN) Scheda
(FR) Scheda
Officine Fagus
Fagus Gropius Hauptgebaeude 200705 wiki front.jpg
Ubicazione
Stato Germania Germania
Località Alfeld an der Leine
Informazioni
Condizioni Germania
Costruzione 1911
Inaugurazione 1913
Realizzazione
Architetto Walter Gropius, Adolf Meyer
 

Le Officine Fagus sono una fabbrica di forme per scarpe progettate da Walter Gropius e Adolf Meyer e realizzate nel 1911. Le officine sorgono isolate alla periferia della cittadina di Alfeld an der Leine in una conca tra boschi e colline; sono rimaste praticamente intatte, così come la città, in quanto è una delle poche zone risparmiate dalla seconda guerra mondiale[1].

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1907 al 1910 Walter Gropius aveva lavorato a Berlino nello studio di Peter Behrens, anni in cui questi era consulente artistico dalla AEG ed aveva realizzato per la ditta la Fabbrica di turbine. Nel 1911 Walter Gropius apre il suo studio con Adolf Meyer e questi ricevettero l'incarico per la progettazione delle Officine Fagus[2].

Nella struttura Fagus Gropius e Mayer adattarono la sintassi della Fabbrica di turbine di Behrens ma con soluzioni architettoniche diverse[3]. Infatti mentre gli angoli dell'edificio dell'AEG sono di mattoni, in questo caso sono di vetro. Inoltre i pannelli verticali di vetro, in aggetto rispetto al rivestimento in mattoni, danno l'impressione di essere sospesi al livello del tetto. Questo effetto di sospensione combinato con gli angoli trasparenti, è l'inverso della composizione di Behrens[4]. In quest'opera non c'è traccia delle intenzioni monumentali di Behrens; ad eccezione del camino, nessuno dei volumi è accentuato rispetto agli altri. I diversi corpi di fabbrica, che corrispondono a diverse funzioni, sono accostati semplicemente uno all'altro[5].

Questi temi compositivi saranno ulteriormente sviluppati dai due architetti nel progetto nel Padiglione del Werkbund all'Esposizione di Colonia del 1914.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Leonardo Benevolo, Storia dell'architettura moderna, Laterza, Roma-Bari, 1973, p.419
  2. ^ Sigfried Giedion, Spazio, tempo, architettura, Hoepli, Milano, 1984, p.472
  3. ^ Kenneth Frampton, Storia dell'architettura moderna, Zanichelli, Bologna, 1982, p.126
  4. ^ K. Frampton, cit., p.126
  5. ^ L. Benevolo, cit., p.420

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

patrimoni dell'umanità Portale Patrimoni dell'umanità: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di patrimoni dell'umanità