FBI Ten Most Wanted Fugitives

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'idea di compilare la lista nota come FBI Ten Most Wanted Fugitives ("10 criminali più ricercati dall'F.B.I." in inglese) venne durante una partita ad Hearts, tenutasi verso la fine del 1949, tra J. Edgar Hoover, Direttore del Federal Bureau of Investigation statunitense e William Kinsey Hutchinson,[1] Capo redattore dell'International News Service (oggi United Press International), che discutevano sui modi di pubblicizzare la cattura dei "toughest guys" (ossi duri) dell'FBI. Questo colloquio divenne un articolo che registrò un consenso tale che il 14 marzo 1950 l'FBI annunciò ufficialmente la lista per migliorare le proprie capacità di applicazione della legge nella cattura dei più pericolosi latitanti.

Il posizionamento nella lista non segue un criterio particolare. A ciascun individuo è però assegnato un codice univoco sequenziale e nel caso di suoi nuovi inserimenti nella lista, solitamente questo codice è mantenuto. Quando un soggetto è inserito nella lista e poi catturato prima che questa venga resa pubblica, allora il codice è "ritirato" e nella nuova lista si notano solo dei buchi nella sequenza dei codici. Per semplificare l'individuazione, inoltre, il codice dei ricercati e la data di inserimento è posta in basso ogni volta che è possibile.

Un soggetto è rimosso dalla lista in caso di cattura o morte o caduta delle accuse nei suoi confronti e subito sostituito da un altro scelto dall'FBI. In cinque casi, inoltre, l'FBI ha tolto dei nominativi avendo deciso che non erano più un "pericolo particolarmente minaccioso per la società".[1] Victor Manuel Gerena, aggiunto nella lista nel 1984, vi è rimasto più a lungo di qualsiasi altro: quasi 29 anni.[2] Billie Austin Bryant è quello che vi è rimasto per il periodo più breve: due ore nel 1969.[3] In alcune occasioni, infine, è accaduto che l'FBI abbia aggiunto un "Number Eleven" (numero undici) alla lista quando era a caccia di un soggetto particolarmente pericoloso e nessuno di quelli già in lista gli era da meno.[4]

La lista è normalmente affissa nei luoghi pubblici (ad esempio uffici postali).

Il 12 maggio 2007 486 latitanti sono entrati nella lista (otto sono le donne) e 455 catturati o localizzati,[5] 30,45% dei quali grazie a segnalazioni di cittadini. Questo significa una percentuale di successo del 93,62%.

L'FBI gestisce anche una lista dei Terroristi più ricercati oltre che degli avvertimenti sul crimine,[6] di persone scomparse[7] ed altri tipi di latitanti.

José Manuel García Guevara è l'ultimo dei criminali nella lista dei più ricercati ad essere stato catturato o essersi costituito. Il 2 maggio 2011 Osama bin Laden è stato ucciso da un blitz delle forze speciali americane in Pakistan.

Lista attuale[modifica | modifica wikitesto]

I dieci criminali più ricercati dall' FBI
Immagine ricercato Nome Data inserimento Numero nella lista
1 Victor Manuel Gerena Victor Manuel Gerena 14 maggio, 1984 #386
Victor Manuel Gerena è ricercato perché collegato alla rapina a mano armata, del valore di circa 7 milioni di dollari, effettuata ai danni di una compagnia di sicurezza a West Hartford, nel Connecticut, nel 1983. Si presume abbia preso due impiegati come ostaggi sotto la minaccia delle armi, per poi ammanettarli, legarli e iniettar loro una sostanza sconosciuta per renderli innocui.[8]
2 Glen Stewart Godwin Glen Stewart Godwin 7 dicembre, 1996 #447
Glen Stewart Godwin è ricercato per l'evasione, nel 1987, dalla Prigione di Stato di Folsom (California), dove stava scontando una lunga condanna per omicidio. Venne successivamente catturato e imprigionato in Messico per traffico di droga, per tuttavia riuscire poi a fuggire anche da questa prigione.[9]
3 Robert William Fisher Robert William Fisher 29 giugno, 2002 #475
Robert William Fisher è ricercato per l'omicidio della moglie e dei due giovani figli, nonché per aver fatto saltare in aria la loro residenza di Scottsdale, Arizona, nell'aprile del 2001. La ricompensa per informazioni utili alla cattura è di 100.000 $.[10]
4 Alexis Flores Alexis Flores 2 giugno, 2007 #487
Alexis Flores (nato l'8 luglio 1975), è ricercato per il rapimento e l'uccisione di Iriana DeJesus una bambina di 5 anni a Philadelphia, Pennsylvania nel luglio del 2000. È nativo dell'Honduras. Secondo un profilo presente nella lista dei più ricercati d'America, ci sono prove che confermano violenze sessuali sulla bambina prima dell'omicidio. È stato avvistato l'ultima volta in Arizona dove stava scontando una pena per contraffazione. Siccome questo reato è un crimine grave in Arizona, il suo DNA è stato raccolto e inserito in un database nel 2006; grazie a questo è stato possibile collegarlo con l'omicidio di DeJesus solo nel marzo 2007. Quando è stato trovato questo collegamento, era già stato rilasciato dalla prigione in Arizona. Probabilmente è tornato in Honduras dove si crede abbia ancora dei legami.[11] La ricompensa per informazioni che conducano alla sua cattura è di 100.000 $.
5 Jason Derek Brown Jason Derek Brown 8 dicembre, 2007 #489
Jason Derek Brown è ricercato per omicidio e rapina a mano armata. Nel novembre del 2004 le autorità hanno visto Brown sparare ed uccidere una delle guardie di un furgone blindato fuori Phoenix, Arizona. Jason Derek Brown è fuggito su una bicicletta con una borsa di tela con all'interno 56.000 dollari. La notizia dell'inserimento di Brown nella lista dei 10 più ricercati dall'FBI è stata data per prima tramite il sito web della trasmissione televisiva americana America's Most Wanted, www.AMW.com. La ricompensa per informazioni in grado di portare alla cattura di Brown è di 100.000 dollari.
6 Eduardo Ravelo Eduardo "Tablas" Ravelo 21 ottobre, 2009 #493
Eduardo Ravelo è ricercato per il suo presunto coinvolgimento in attività di racket, riciclaggio di denaro, possesso di eroina, cocaina e marijuana con l'intento di spaccio. Le sue attività criminali sono iniziate nel 2003.
7 Semion Mogilevich Semion Mogilevich 22 ottobre, 2009 #494
Semion Mogilevich è ricercato per la sua presunta partecipazione in un sistema multi-milionionario per frodare migliaia di investitori in azioni di una società pubblica costituita in Canada, ma con sede a Newtown, Pennsylvania, tra il 1993 e il 1998. Il sistema per frodare è crollato nel 1998, dopo che migliaia di investitori hanno perso oltre 150 milioni di dollari, e Mogilevich, che presumibilmente ha finanziato e autorizzato lo schema, è stato incriminato nell'aprile del 2003.
8 Fidel Urbina Fidel Urbina 5 giugno, 2012 #497
Fidel Urbina è ricercato per aver ripetutamente picchiato e violentato una donna nel 1998. Nell'ottobre del 1998 ha inoltre violentato e ucciso una seconda donna.Il suo corpo è stato trovato nel bagagliaio di un veicolo dato alle fiamme. Entrambi i crimini sono avvenuti a Chicago.
9 Bradford Bishop 10 aprile, 2014 #502
Bradford Bishop è ricercato per aver ucciso sua madre, sua moglie e i tre figli nel 1976.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Facts on the Program (HTML), Federal Bureau of Investigation. URL consultato il 10 luglio 2006.
  2. ^ The Hunt for the FBI's "Ten Most Wanted" Fugitives in Anderson Cooper 360 Degrees, CNN, 6 giugno 2006.
  3. ^ McCabe, Paul, Ask the FBI.: The Ten Most Wanted list, USA Today, 21 marzo 2001.
  4. ^ John Douglas&Mark Olshaker, Mindhunter: Inside the FBI's elite serial crime unit, 1995, by Midhunters, Inc.
  5. ^ FBI TEN MOST WANTED FUGITIVE JOHN W. PARSONS APPREHENDED AT CHILLICOTHE, OHIO, FBI National Press Release, October 19, 2006
  6. ^ FBI's Most Wanted - Crime Alerts
  7. ^ FBI's Kidnappings and Missing Persons - Kidnapping and Missing Persons Investigations
  8. ^ Gerena's FBI Top 10 Most Wanted Fugitive Alert (HTML), Federal Bureau of Investigation. URL consultato il 10 luglio 2006.
  9. ^ Godwin's FBI Top 10 Most Wanted Fugitive Alert (HTML), Federal Bureau of Investigation. URL consultato il 10 luglio 2006.
  10. ^ Fisher's FBI Top 10 Most Wanted Fugitive Alert (HTML), Federal Bureau of Investigation. URL consultato il 10 luglio 2006.
  11. ^ Flores' FBI Top 10 Most Wanted Fugitive Alert (HTML), Federal Bureau of Investigation. URL consultato il 2 luglio 2007.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]