Fëdor Vasil'ev

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Fëdor Vasil'ev (in russo: Фёдор Васильев?; 17071782 circa) è stato un abitante della cittadina di Šuja, in Russia.

La sua prima moglie (il cui nome è sconosciuto), è nota per essere stata la donna ad avere partorito il maggior numero di figli, ben 69. Diede alla luce 16 coppie di gemelli, ebbe 7 parti trigemellari e 4 quadrigemellari fra il 1725 ed il 1765, per un totale di 27 parti. 67 dei suoi 69 figli raggiunsero l'età adulta.[1][2]

Biografia[modifica | modifica sorgente]

La prima pubblicazione riguardante la progenitura di Fëdor Vasil'ev fu in un numero della rivista The Gentleman's Magazine nel 1783. Gli stessi dati furono riportati nel 1834 ad opera di Bašutskij, nel Saint Petersburg Panorama.[1][3] In un articolo del 1933 Julia Bell[4] citò in Biometrika in merito al record conseguito dalla moglie di Fëdor Vasil'ev due pubblicazioni: la prima è un libro del 1790 scritto da B. F. J. Hermann dal titolo Statistische Schilderung von Rutsland, la seconda è un articolo del 1878 apparso su The Lancet.[5] Julia Bell aveva mantenuto alcune riserve riguardanti la veridicità delle notizie sulle opere sopra riportate, ma ogni possibile errore sembra fugato dalla pubblicazione del record della moglie di Fëdor Vasil'ev sul Guinness dei Primati.[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Marie M. Clay. Quadruplets and Higher Multiple Births.; Mac Keith Press, London, 1989. ISBN 0-521-41223-4; Feodor Vassilyev: a case of remarkable fecundity. pp. 96–97
  2. ^ a b Mark C. Young. The Guinness Book of World Records 1998. Bantam Books, 1998. ISBN 0-553-57895-2; page 357
  3. ^ A. P. Bashutskiy, Saint Petersburg Panorama, vol. 2, St Petersburg, 1834; p. 75
  4. ^ Julia Bell, Plural birth with a new pedigree, Biometrika, vol. 25 (1933), no. 1-2, pp. 110–120
  5. ^ Twins. The Lancet, Volume 111 (1878), Issue 2843, pp. 289–290
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie