Félix de Avelar Brotero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Félix de Avelar Brotero

Félix de Avelar Brotero (Loures, 25 novembre 1744Lisbona, 4 agosto 1828) è stato un medico e botanico portoghese.

Nel 1788, per sfuggire alla Inquisizione, si rifugia in Francia ove compie gli studi di medicina alla Università di Reims. Trascorre in Francia dodici anni durante i quali pubblica, in portoghese, un Compendio da Botanica, opera che gli vale una discreta notorietà.

Al suo rientro in Portogallo nel 1790 viene nominato professore di Botanica e Agricoltura presso la Università di Coimbra. Diviene direttore dell'Orto botanico della stessa città.

Le sue opere Flora lusitanica (1804) e Phytographia Lusitaniae selectior (1816-1827) lo qualificano come uno dei massimi esperti della flora portoghese.

Nel 1820 viene eletto deputato.

Continua a pubblicare sino alla età di 83 anni: tra le sue ultime opere una memoria sulla desertificazione delle isole di Capo Verde, un trattato sulla patata dolce e uno sulle conifere.

In suo omaggio è stata fondata la Sociedade Broteriana, accademia scientifica che attraverso il suo Boletim ha assunto una notevole importanza nello sviluppo della Botanica in Portogallo.

Kurt Sprengel (1766-1833) ha dedicato alla sua memoria il genere Brotera della famiglia delle Compositae.

Principali opere[modifica | modifica sorgente]

  • Principios de agricultura philosophica. Coimbra: Imp. da Universidade, 1793.
  • Flora Lusitanica: seu plantarum, quae in Lusitania vel sponte crescunt: vel frequentuns colunter, ex florum praesertim sexuleus systematic distributarum: synopsis. Olissipone: Ex Typogr. Regia, 1804. 2 vols.
  • Phytographia Lusitaniae selectior..., seu Novarum, rariorum, et aliarum minus cognitarum stirpium, quae in Lusitania sponte' veniunt, ejusdemque floram spectant, descriptiones iconibus illustratae. Olisipone: Typographia Regia, 1816-27. 2 tomos.
  • Compêndio de botânica: addicionado e posto em harmonia com os contrecimentos actuaes desta sciencia, segundo os botanicos mais celebres, como Mirbel, De Candolle, Richard, Lecoq, e outros, por Antonio Albino da Fonseca Benevides. Lisboa: Typ. Academia Real das Sciencias 1837-1839. 2 vols.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Castel-Branco, Cristina. Félix de Avelar Brotero: botaniste portugais (1744-1828). Paris/Lisboa: Fundação Calouste Gulbenkian, 2004. (Présences portugaises en France. Sciences).
  • Fernandes, Abílio. Felix de Avellar Brotero e a sua obra. Alcobaça: Tipographia Alcobacense 1944. (Separata do Anuário da Sociedade Broteriana).
  • Palhinha; Ruy Telles. Obra e vida de Félix de Avelar Brotero. Lisboa, 1950. (Sep. Memórias, classe de ciências, 5).

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


Brot. è l'abbreviazione standard utilizzata per le piante descritte da Félix de Avelar Brotero.
Elenco delle piante assegnate a questo autore dall'IPNI
Consulta la lista delle abbreviazioni degli autori botanici.

Controllo di autorità VIAF: 13089531 LCCN: nr00020025

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie