Félicité de Lamennais

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Paulin Guérin
Ritratto di Félicité de Lamennais

Hugues-Félicité Robert de Lamennais (Saint-Malo, 19 giugno 1782Parigi, 27 febbraio 1854) è stato un presbitero, teologo e filosofo francese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Quarto dei sei figli di Pierre-Louis Robert La Mennais, imprenditore e armatore divenuto nobile proprio alla fine della monarchia, rimase orfano di madre nel 1787 e il padre affidò l’educazione dei figli allo zio materno Denys-François Robert de Sandrais, che li ospitò nella sua casa di La Chesnaie, immersa nei boschi e negli stagni della provincia di Dinan.

Ragazzo vivace e irrequieto, si dice che per punizione Félicité venisse spesso chiuso dallo zio in biblioteca: è certo che egli finì con il provare interesse per quei libri, molti dei quali erano moderne opere di filosofi materialisti e illuministi, e si appassionò a Rousseau; non sorprende allora che egli, cresciuto in una famiglia cattolica, abbia fatto la prima comunione soltanto a ventidue anni, nel 1804. Conobbe anche i classici che si trovavano nelle biblioteche di tutte le famiglie di un certo livello culturale - Platone, Tacito, Cicerone, Pascal, Malebranche – e nel complesso si fece un'istruzione piuttosto ampia anche se, come avviene agli autodidatti, un po' disordinata.

Il fratello maggiore Jean-Marie si fece prete e con lui Félicité scrisse e pubblicò nel 1808 le Réflexions sur l'état de l'Église en France pendant le XVIIIe siècle et sur sa situation actuelle. L’anno dopo, spinto dal fratello, fece il primo passo verso l’ordinazione sacerdotale, ricevendo la tonsura; pubblicò ancora nel 1814 la Tradition de l'institution des évêques en France e un libello polemico contro l’istituzione universitaria dell’Impero, così che l’anno dopo, al ritorno dell’imperatore dall'isola d'Elba, fuggì in Inghilterra, temendo le ritorsioni del nuovo regime napoleonico. Tornato in Francia all’indomani di Waterloo, le sollecitazioni del fratello e del padre spirituale, l'abate Caron, lo spinsero, pur riluttante, a compiere il passo dell’ordinazione, che ricevette a Vannes il 9 marzo 1816.

Anche se non manifestava una grande vocazione, vedeva in ciò un'opportunità per conseguire notorietà nell'ambito della letteratura. Tradusse l'Imitazione di Cristo di Tommaso da Kempis. Tra il 1817 e il 1823 pubblicò il Saggio sulla indifferenza in materia di religione, in cui assumeva posizioni vicine a quelle dell'Ultramontanismo. I cattolici scoprirono un polemista in grado di controbattere agli illuministi e ai volterriani. Lamennais accusa il filosofo individualista di essere anormale, poiché vive separato dalla società umana e in modo contrario al senso comune, che per Lamennais è l'unico criterio valido. Il Cristianesimo è per lui il culmine di tutti i concetti morali e spirituali dell'umanità.

Lamennais fondò la Congregazione di San Pietro con l'obiettivo di dare alla Francia un clero colto, capace di rispondere efficacemente agli attacchi dei filosofi e degli increduli. In questo periodo collaborò con diversi periodici cattolici e conservatori. Si mostrò favorevole alla divisione tra Chiesa e Stato, e perciò contrario al gallicanesimo.

Le sue idee lo portarono però ad appoggiare la causa dell'indipendenza belga e irlandese, nazioni fortemente cattoliche. Lamennais appariva come un sorta di rivoluzionario esaltato con grande seguito presso i cattolici liberali di Francia, Belgio, Irlanda e Polonia che spinse alla sfiducia verso la gerarchia.

Dopo la rivoluzione del luglio 1830 fondò e diresse il giornale L'Avenir, nel quale sostenne la libertà di coscienza, d'insegnamento, di stampa, di associazione, l'estensione del diritto elettorale e la rivendicazione delle autonomie provinciali e comunali. Al giornale collaborarono Jean-Baptiste Henri Lacordaire e Charles de Montalembert. Avversato dal governo e dai vescovi, il 15 novembre 1831 Lamennais sospese la pubblicazione del quotidiano.

Ricordo di Lamennais a Saint-Pierre-de-Plesguen

La repressione da parte delle autorità russe della rivolta polacca del 1831, con l'appoggio esplicito di papa Gregorio XVI colpì Lamennais, che manifestò la sua indignazione con un viaggio a Roma nel 1832. Nella sua opera Parole di un credente (1834) attacca l'uso della forza e contesta il papa, ritenendolo un rinnegato. Questo libro segnò la sua rottura con la Chiesa. Dopo essere stato condannato dal papa nell'enciclica Mirari vos del 15 agosto 1832, la sua influenza nel dibattito intellettuale e politico diminuì progressivamente: i suoi numerosi seguaci non parevano disposti ad abbandonare la Chiesa per seguire un apostata.

Il 9 aprile 1835, i suoi amici Fleury, Arago e Liszt gli presentarono George Sand, il cui salotto era divenuto un autentico cenacolo repubblicano. Lamennais le fu molto unito, pur rifiutando le sue idee sulla libertà sociale e il divorzio, e sarà lei a introdurlo, insieme a Michel de Bourges, al Socialismo. George Sand arriverà a dirgli: « L'annoveriamo tra i nostri santi [...] lei è il padre della nostra nuova Chiesa ».

Nel 1837, pubblicò il Libro del Popolo, un autentico libro di battaglia. Continuò ad appoggiare le lotte popolari, e nel 1841, per aver attaccato il governo del re Luigi Filippo, fu condannato a un anno di carcere. Tra il 1841 e il 1846 scrisse Abbozzo di una filosofia, nel quale sviluppa il suo concetto di Cristianesimo senza Chiesa, capace di riunire le masse per condurle al progresso attraverso la carità.

Nel 1848 fu eletto deputato all'Assemblea Costituente e dopo il colpo di Stato del 2 dicembre 1851 si ritirò nelle sue proprietà in Bretagna.

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • Saggio sull'indifferenza in materia di religione, 4 voll., 1817 - 1823
  • La religione considerata nei rapporti con l'ordine politico e civile, 1825 - 1826
  • Parole di un credente, 1834
  • Il libro del popolo, 1838
  • Della moderna schiavitù, 1840
  • Abbozzo di una filosofia, 4 voll., 1840 - 1846

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • A. Falchi, Le moderne teorie teocratiche, Torino 1908
  • C. Boutard, Lamennais, sa vie et sa docrine, Paris 1913
  • F. Duine, Lamennais, Paris 1931
  • R. Vallery-Radot, Lamennais, ou le prêtre malgré lui, Paris 1931
  • V. Giraud, La vie tragique de Lamennais, Paris 1933
  • P. Treves, Lamennais, Milano 1934
  • A. Omodeo, Studi sull'età della Restaurazione, Torino 1974

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 56612324 LCCN: n50039923