Ezio Sella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ezio Sella
Ezio Sella (Fiorentina).jpg
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 172 cm
Peso 67 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Attaccante, poi, Allenatore
Carriera
Squadre di club1
1976-1977 Viterbese Viterbese 30 (6)
1977-1980 Fiorentina Fiorentina 67 (19)
1980-1981 Brescia Brescia 20 (3)
1981-1982 Sampdoria Sampdoria 23 (1)
1982 Bologna Bologna 4 (0)
1983-1984 Arezzo Arezzo 35 (6)
1984-1987 Ancona Ancona 87 (16)
1987-1988 Civitavecchiese Civitavecchiese 21 (8)
1988-1989 Lodigiani Lodigiani 25 (1)
Carriera da allenatore
1993-2003 Roma Roma Giovanili
1997 Roma Roma
1997-2001 Roma Roma Vice
2001 Palermo Palermo
2001-2004 Roma Roma Vice
2004 Roma Roma
2007 Udinese Udinese Vice
2007-2008 Empoli Empoli Vice
2009-2010 Siena Siena Vice
2010-2011 Bologna Bologna Vice
2011 Genoa Genoa Vice
2012 Genoa Genoa Vice
2013- Palermo Palermo Vice
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 27 luglio 2011

Ezio Sella (Roma, 11 aprile 1956) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Inizia la sua carriera nelle giovanili della Roma[senza fonte] per poi iniziare il suo vero e proprio cammino calcistico nella Viterbese dal 1976 al 1977 collezionando 30 presenze e 6 reti.

Un anno dopo, debutta tra i professionisti della Serie A nelle file della Fiorentina dove rimane fino al 1980 segnando 19 gol in 67 match disputati, risultando per due stagioni (1977-1978 e 1978-1979[1][2]) il capocannoniere dei gigliati.

Una stagione più tardi, nel campionato di Serie A 1980-1981, Sella viene acquistato dal Brescia andando a rete 3 volte in 20 incontri.

Nel 1982, scende di categoria e si trasferisce a Genova con la Sampdoria dove segnò un gol in 23 partite contribuendo al ritorno dei genovesi nella massima serie.

La stagione seguente, dopo una breve parentesi al Bologna in Serie B, torna in A in autunno al Verona, dove colleziona solo 13 presenze senza mai andare a segno.

Dopo una breve parentesi nel Bologna, nella stagione 1983-1984 Ezio Sella viene comprato dall'Arezzo segnando 6 gol in 35 incontri disputati in Serie B.

Gli ultimi anni calcistici di Sella si chiudono prima nelle file dell'Ancona nelle stagioni 1984-1987 con 87 presenze e 16 gol segnati, poi nella Civitavecchiese con 21 match giocati e 8 gol e infine nella Lodigiani nella stagione 1988-1989 con 25 presenze e 1 gol.

In carriera ha totalizzato complessivamente 100 presenze e 22 reti in Serie A e 62 presenze e 7 reti in Serie B.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Allena per molti anni le giovanili della Roma, dal 1993,[3] anno in cui vince il Campionato Allievi Nazionali, alla Primavera (2003).[4] Nella stagione 1996-1997 arriva ad allenare la prima squadra affiancando Nils Liedholm per poi tornare di nuovo in Primavera con l'arrivo di Zdenek Zeman.

Nel 2000-2001 vince il campionato di Serie C con il Palermo, il cui presidente era il medesimo della Roma, Franco Sensi, dove è subentrato a Giuliano Sonzogni a due giornate dal termine del campionato.[5]

Nella stagione 2004-2005, dopo le dimissioni di Rudi Voeller allena la prima squadra per una partita prima dell'arrivo di Luigi Delneri, Real Madrid-Roma (4-2).[6]

Resta alla Roma come osservatore anche nella stagione successiva.[7]

Dal 2007 al 2011 è stato il vice di Alberto Malesani all'Udinese,[8] poi all'Empoli,[9] al Siena,[10] al Bologna e al Genoa, fino al licenziamento dell'allenatore e di tutto il suo staff il 22 dicembre 2011. Dal 5 febbraio 2013 è ancora il vice di Malesani al Palermo, dopo averlo allenato in prima persona nel 2001 ottenendo la promozione in Serie B.[11] Rimane al Palermo fino all'esonero – dopo tre partite – di Malesani.

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2006 ha lavorato nel ruolo di seconda voce e opinionista nelle telecronache calcistiche di La7, per lasciare a stagione in corso e tornare ad allenare con Malesani all'Udinese.[12]

Nel 2009 ricopre lo stesso ruolo a dahlia TV,[13] prima di andare a Siena.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Roma: 1992-1993
Palermo: 2000-2001

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (DEENIT) Ezio Sella in Transfermarkt.it, Transfermarkt GmbH & Co. KG.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Serie A 1977-1978 Rsssf.com
  2. ^ Serie A 1978-1979 Rsssf.com
  3. ^ Stefano Boldrini, Sella, allenatore per una notte: «Contro il Real possiamo rilanciarci» in La Gazzetta dello Sport.
  4. ^ Gaetano Imparato, Mimmo Malfitano, Sella cancella i ricordi: "Cerco punti, non rivincite" in La Gazzetta dello Sport.
  5. ^ Voeller, un addio tra gli applausi, archiviostorico.gazzetta.it.
  6. ^ Stefano Boldrini, Ma resterà la notte di De Rossi in La Gazzetta dello Sport.
  7. ^ Sella:«Mai scoprirsi con Tavano» Ilromanista.it, pag. 3 (PDF)
  8. ^ L'Udinese ha scelto la via della rivoluzione messaggeroveneto.gelocal.it
  9. ^ Malesani esonerato: è già lanazione.quotidiano.net
  10. ^ Ezio Sella: siamo fiduciosi sul futuro del Siena Tuttomercatoweb.com
  11. ^ Malesani a Palermo: Ecco ingaggio e staff Calciomercato.com
  12. ^ il Romanista (PDF)
  13. ^ Calciomercato.it