Expo 2017

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Expo 2017
Kazakistan Astana
Energia del Futuro
Logo dell'Ufficio Internazionale delle Esposizioni
Esposizione riconosciuta
Periodo dal 10 giugno
al 10 settembre
Visitatori (7) milioni
Area 25 ha
Aggiudicazione 22 novembre 2012
Cronologia
Precedente
Expo 2015
Successiva
Expo 2020
Italia Milano Emirati Arabi Uniti Dubai
 

L'Expo 2017 (ufficialmente Esposizione Riconosciuta dall'Ufficio Internazionale delle Esposizioni) verrà organizzata ad Astana, Kazakistan Kazakistan, tra il 10 giugno e il 10 settembre 2017. Il tema scelto dagli organizzatori è Future Energy (Energia del Futuro). Il tema proposto, di particolare attualità, verterà sull'energia e sul suo rapporto con l'ambiente, con particolare riferimento alle energie rinnovabili. È stato preliminarmente presentato un sito da 25 ettari e un programma che prevede la partecipazione di più di 100 Paesi e circa 6 organizzazioni internazionali, per una platea di 7 milioni di visitatori.

Tema[modifica | modifica sorgente]

Sito[modifica | modifica sorgente]

Selezione della città organizzatrice[modifica | modifica sorgente]

La selezione della città organizzatrice è avvenuta durante la 152ª assemblea generale dell'Ufficio internazionale delle esposizioni, tenutasi a Parigi il 22 novembre 2012. La città kazaka ricevette 103 voti, contro i 44 dell'unica ulteriore candidata, la città belga di Liegi[1]. Quest'ultima si presentò con il tema Connecting the world, linking people, better living together (Connettere il mondo, collegare le persone, vivere meglio insieme), e proponendo una Expo con durata dal 21 giugno al 20 settembre. L'obiettivo della proposta era raccontare la rivoluzione tecnologica che permette e facilita le interazioni tra persone. Il sito proposto di Coronmeuse aveva una estensione di 25 ettari ed era lo stesso utilizzato per l'Expo 1939.

Votazione per Expo 2017
Città Paese 1ª votazione
Astana Kazakistan Kazakistan 103
Liegi Belgio Belgio 44

Entrambe le candidature sono state inviate all'Ufficio internazionale delle esposizioni il 10 giugno 2011. Gli altri Stati membri che avessero voluto presentare candidatura avrebbero avuto tempo sei mesi a partire da quella data, ovvero fino al 10 dicembre 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]