Ex libris

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Esempio personalizzato di un "ex libris" sotto forma di timbro.
Il motto sopra il forziere con i libri recita: "Dove c'è un libro ci sono le ricchezze"

Con la locuzione Ex libris (che in latino sta per "dai libri") ci si riferisce ad una etichetta, solitamente ornata di figure e motti, che si applica su un libro per indicarne il proprietario. Può fungere anche come contrassegno apposto nella parte interna della prima pagina di copertina dei volumi catalogati in una biblioteca privata. L'etichettatura può essere cartacea, in materiali pregiati quali cuoio o pergamena, o sotto forma di timbro, in questo caso, a inchiostro, a lacca, a fuoco od altro.

Ha assunto spesso forme pregevoli che ne hanno fatto oggetto di collezione. Infatti, sovente il termine viene usato nell'ambito del collezionismo.

Una originale forma contemporanea di ex libris è quella adottata per identificare i testi appartenenti ai circuiti di Bookcrossing. Formalmente analogo ad un classico ex-libris, identifica il proprietario, in questo caso collettivo, ed il riferimento di catalogo di una immensa biblioteca mondiale.

Ragguardevole rimane la raccolta del British Museum con circa centomila esemplari mentre a Milano è famosa la collezione di Achille Bertarelli, custodita nel museo del Castello Sforzesco.

Da menzionare è anche la collezione di Mario de Filippis di Arezzo, con 130.000 pezzi (di cui oltre 13.000 a suo nome) realizzati da artisti di tutto il mondo con ogni tecnica conosciuta. È stato presente per molti anni nel Guinness dei primati[1][2].

Nel tempo la concezione dell’ex libris si è modificata. Oggi alla funzione originaria di contrassegno di proprietà libraria si è sostituita quella di “piccola grafica d’arte dedicata” [3], secondo la felice definizione coniata dal professor Paolo Bellini, con una finalità prevalentemente collezionistica}} regolata per lo più dalla pratica dello scambio in occasione di convegni ed incontri appositamente organizzati. In opposizione a questa mutazione, ritenuta da molti uno snaturamento, Egisto Bragaglia ha proposto, nel 2008, “L’ex libris del bibliofilo” una sorta di manifesto per un ritorno ai valori originari dell’ex libris. Tra gli artisti che hanno partecipato all’iniziativa si ricordano Luigi Casalino, Lanfranco Lanari e Vincenzo Piazza.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Ex libris: The Bookplate Collection of the Gutenberg Museum
  2. ^ Mario De Filippis
  3. ^ Paolo Bellini, Ex libris nell’Europa del XX secolo, Ed. Cremonabooks, Cremona 2006.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Achille Bertarelli. Gli ex-libris italiani. Milano, Hoepli, 1902.
  • Alberto Conforti. Ex libris. Idea Libri.
  • Maurizio Orlandi (a cura di). Il Guinnes dei primati 1994. 1a ed. Milano, Arnoldo Mondadori Editore, 1993. ISBN 88-04-37412-8
  • Gian Carlo Torre, Giovanni Daprà. inPrimere l'idea - Preistoria, storia e futuro nella comunicazione attraverso l'ex libris . Bozzi Multimedia, Novate Milanese 2010.
  • Egisto Bragaglia, L’Ex Libris del Bibliofilo, Ed. Stella, Rovereto 2008.
  • Paolo Bellini, Ex libris nell’Europa del XX secolo, Ed. Cremonabooks, Cremona 2006.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

lingua latina Portale Lingua latina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di lingua latina