Ex Machina (fumetto)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ex Machina
fumetto
Titolo orig. Ex Machina
Lingua orig. inglese
Paese Stati Uniti
Testi Brian K. Vaughan
Disegni Tony Harris
Editore Wildstorm
1ª edizione agosto 2004 – agosto 2010
Periodicità mensile
Albi 50 (completa) più 4 speciali
Editore it. RW Edizioni dal 2013

Ex Machina è una serie a fumetti americana creata da Brian K. Vaughan e Tony Harris, e pubblicato nel 2004 dalla Wildstorm concludendosi nel mese di agosto 2010 con il numero cinquanta. La serie racconta la vita di Mitchell Hundred, primo e unico supereroe del mondo (con l'identità di Grande Macchina), che, a seguito delle sue azioni eroiche dell'11 settembre, viene eletto sindaco di New York. La storia è ambientata durante il periodo di carica di Hundred, ed è intrecciata con flashback del suo passato, come supereroe.

Significato e tematiche[modifica | modifica wikitesto]

Il titolo del fumetto deriva dalla frase latina Deus ex machina, ed è anche un riferimento al nome da supereroe di Mitchell, la Grande Macchina. Nel primo numero, Mitchell spiega che ha scelto il nome di "Grande Macchina" (Great Machine) sulla base di una citazione di Thomas Jefferson sulla società. Di conseguenza, uno dei temi ricorrenti della serie 'è la tendenza dei cittadini a fare troppo affidamento sul loro governo e costantemente aspettare che esso li salvi.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Mitchell Hundred: sindaco di New York ed ex supereroe. Originariamente era un ingegnere civile (i suoi colleghi dicevano che nessuno ne sapeva più di lui sul Ponte di Brooklyn). Venne cresciuto da una madre single molto politicizzata. Questo, e il suo essere un lettore appassionato di fumetti, ha ispirato le sue scelte di vita. In seguito all'esplosione da uno strano dispositivo trovato in anqua ai piedi del ponte di Brooklyn, Hundred si è ritrovato con il viso permanentemente sfregiato (ha marcature sul lato sinistro del viso e del corpo che ricordano un circuito di elettrodi), e ha sviluppato la capacità di comunicare con i dispositivi meccanici ed elettronici (questo include molte cose, dalle pistole, ai telefoni cellulari, alle auto, ma non funziona con dispositivi semplici come arco e frecce), che utilizza per diventare il primo supereroe del mondo con il nome di Grande Macchina. Durante riesce a sventare in parte l'attacco terroristico dell'11 settembre, salvando una delle Torri Gemelle. Grazie alla popolarità ottenuta, riesce a farsi eleggere sindaco.
  • Ivan "Kremlin" Tereshkov: Un immigrato russo amico della famiglia Hundred. Fa il meccanico a Coney Island ed è stato come un mentore per Mitchell, spingendolo a indossare il costume di Grande Macchina. Kremlin non è contento che Mitchell abbia abbandonato la sua carriera di supereroe per esercitare il ruolo di sindaco. Anche se deluso dall'Unione Sovietica, crede ancora nel sogno del comunismo. Kremlin ritiene che diventare la Grande Macchina fosse lo scopo cosmico di Mitchell, e sta segretamente lavorando per garantire che non sia rieletto.

Pubblicazione italiana[modifica | modifica wikitesto]

In Italia Ex Machina è stato prima pubblicato da Magic Press Edizioni in 10 volumi brossurati. Successivamente i diritti della serie sono stati acquisiti da RW Edizioni, che ha cominciato a ripubblicare la serie da giugno 2013 in volumetti spillati uguali al formato originale americano

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2005 Ex Machina ha vinto un Eisner Award per la Miglior serie nuova .