Evangelina (film 1929)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Evangelina
Titolo originale Evangeline
Lingua originale inglese
Paese di produzione USA
Anno 1929
Durata 87 min (sequenze parlate)
Colore B/N
Audio muto, con musica sincronizzata ed effetti sonori Mono (MovieTone)
Rapporto 1,20 : 1

2.396,34 metri (9 rulli) (versione muta)
2.520,09 metri (9 rulli) (versione sonora)

Genere drammatico, storico
Regia Edwin Carewe

Jack Boland: aiuto regia

Soggetto dal poema Evangeline (1847) di Henry Wadsworth Longfellow
Sceneggiatura Finis Fox
Produttore Edwin Carewe
Casa di produzione Edwin Carewe Productions per Feature Productions
Fotografia Al Green (con il nome Al M. Green) e Robert Kurrle (con il nome Robert B. Kurrle)
Montaggio Jeanne Spencer
Tema musicale Hugo Riesenfeld (musica sincronizzata)
Scenografia Stephen Goosson (arredamento)
Interpreti e personaggi

Evangelina (Evangeline) è un film muto del 1929 diretto da Edwin Carewe. Girato ancora muto, gli furono aggiunti effetti sonori e musica sincronizzata per poterlo presentare nelle sale come film "sonoro".

La statua dedicata a Evangeline a St Martinville, in Louisiana

Il film è l'adattamento cinematografico del poema Evangeline o Un racconto dell'Acadia (1847) di Henry Wadsworth Longfellow che racconta la tragica storia della grande deportazione degli acadiani avvenuta a metà Settecento dai territori canadesi dell'Acadia.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Il film fu prodotto dalla Edwin Carewe Productions per Feature Productions. Venne girato nel Minnesota, alle Minnehaha Falls; in California, alla Point Lobos State Reserve nei pressi di Carmel e in Louisiana, a St. Martinville[1].

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Distribuito dall'United Artists, il film uscì nelle sale cinematografiche USA il 24 agosto 1924. Il 27 luglio 1929, era stato presentato in prima a New York. Venne distribuito anche in Danimarca il 26 dicembre 1929 e in Italia nel 1930. Copia del film è conservata negli archivi dell'UCLA Film and Television Archive e al Mary Pickford Institute for Film Education film collection[2].

Il film è stato digitalizzato e distribuito sul mercato DVD il 24 aprile 2001 dalla Milestone Film & Video in NTSC, in una versione di 90 minuti B/N e colorizzata[3].

Censura[modifica | modifica sorgente]

Nella versione italiana vennero attenuate, nella scena dell'imbarco dei prigionieri, le sequenze nei quali i soldati inglesi si mostrano eccessivamente brutali verso i prigionieri.[4]

Il personaggio storico al cinema[modifica | modifica sorgente]

La figura di Evangeline ha ispirato più di una volta il cinema. La prima a impersonare sullo schermo l'infelice acadiana è stata l'attrice di origine francese Gene Gauntier che, nel 1908, sceneggiò il poema per un film prodotto dalla Kalem.
Nel 1914, la neonata cinematografia canadese produsse anche lei un suo Evangeline. Poi fu la volta di Raoul Walsh, spinto dalla moglie a dirigere una nuova versione della storia.
Nel 1929, Edwin Carewe diresse la messicana Dolores Del Rio, girando parte del film in Louisiana, a St. Martinville, cittadina in cui venne eretta una statua a ricordo di Evangeline.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ IMDb Locations
  2. ^ Silent Era
  3. ^ Silent Era DVD
  4. ^ Italiataglia.it

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema