Eva Turner

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Eva Turner (Werneth, 10 marzo 1892Londra, 16 giugno 1990) è stata un soprano inglese, celebre per la potenza della sua voce e per l'interpretazione della Turandot di Puccini.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Iniziò a studiare canto con Dan Rootham, insegnante del celebre contralto Clara Butt, frequentando in seguito la Royal Academy of Music di Londra dal 1911 al 1914.

Cominciò la carriera come corista della compagnia operistica Carl Rosa, mettendosi presto in luce grazie alla robustezza della voce. Le notevoli qualità vocali le dischiusero presto le porte verso ruoli di prestigio, interpretando un repertorio che spaziava da Puccini (Tosca, Kate Pinkerton, Musetta) a Verdi (Leonora, Aida), Mascagni (Santuzza), Massenet (Thaïs) e Wagner (Elisabetta, Freja, Elsa, Brunilde, Eva).

Nel 1924 sostenne con Arturo Toscanini un'audizione per La Scala: il risultato fu positivo e il celebre direttore le fece cantare Freja e Sieglinde nell'Anello del Nibelungo per la stagione 1924-25.

Il suo ruolo di riferimento era – ed è tuttora – Turandot. Cantò per la prima volta il temibile ruolo pucciniano nel 1926 al Teatro Grande di Brescia, sette mesi dopo la première. Nel 1928 riprese il titolo alla Royal Opera House (durante quella stagione cantò anche Aida e Santuzza) e l'anno successivo alla Scala. Le incisioni live della sua Turandot del 1937 accanto a Giovanni Martinelli e sotto la direzione di John Barbirolli furono pubblicante solo negli anni ottanta, ispirando ai critici recenioni brillanti.

Quando il compositore Ralph Vaughan Williams scrisse la sua Serenade to music per 16 solisti, incluse alcune linee vocali appositamente per la Turner, separandole però dal resto del gruppo, permettendo alla sua voce potente di trovare uno sfogo. Il soprano incise poi la parte poco dopo la prima.

Nel 1948 si ritirò dalle scene e l'anno successivo accettò un contratto annuale per alcune master classes all'Università di Oklahoma: il successo fu tale da indurre ad estendere l'accordo per altri nove anni. Nel 1959 tornò a Londra e le venne assegnata la cattedra di canto alla Royal Academy of Music, un posto che detenne fin quasi i 90 anni. Nonostante alcuni ritennero il suo metodo troppo severo, dalla sua classe si diplomarono molti artisti del calibro di Rita Hunter, Amy Shuard, Roberta Knie e Kiri Te Kanawa.

Sempre durante il ritiro, sostenne la International Association of Wagner Societies sia in UK che altrove. A differenza di altri cantanti, le piaceva presiedere a spettacoli, divenendo un membro fisso del pubblico del Covent Garden fino alla morte.

Vocalità e personalità interpretativa[modifica | modifica sorgente]

Dotata di una voce calda e piena, estesa, omogenea, eccezionale per sonorità e sorretta da un'eccellente preparazione tecnica. Si è imposta per circa vent'anni come uno dei maggiori soprani drammatici grazie alla robustezza della voce, alla sensibilità stilistica e interpretativa, alla buona pronuncia e al senso della misura.

Repertorio[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

immagine del nastrino non ancora presente {{{nome_onorificenza}}}
— 1962

Controllo di autorità VIAF: 38051014