Euskelosaurus browni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Euskelosaurus
Immagine di Euskelosaurus browni mancante
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Archosauria
Superordine Dinosauria
Ordine Saurischia
Sottordine Sauropodomorpha
Infraordine Prosauropoda
Genere Euskelosaurus
Specie E. browni

L’euskelosauro (Euskelosaurus browni) era un dinosauro erbivoro appartenente ai sauropodomorfi. Visse nel Triassico superiore (Norico, circa 215 milioni di anni fa) e i suoi resti sono stati ritrovati in Sudafrica e in Lesotho.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

I fossili di questo animale sono piuttosto frammentari e incompleti, e non permettono una ricostruzione adeguata. In ogni caso, sembra che Euskelosaurus fosse un grande sauropodomorfo primitivo, dotato di zampe possenti e di un corpo voluminoso. Gran parte dei reperti attribuiti a questo animale sono stati in seguito ascritti a generi differenti, meglio conosciuti e dalla classificazione più chiara.

Classificazione[modifica | modifica sorgente]

L’euskelosauro riveste una certa importanza nella storia della paleontologia dei dinosauri, in quanto è stato uno dei primi dinosauri africani a venire descritto scientificamente. Fu Thomas Henry Huxley a descrivere i resti fossili e ad attribuirli a un nuovo genere di rettili estinti. Il materiale su cui si basava la descrizione, tuttavia, risultò appartenere ad almeno tre diversi dinosauri sauropodomorfi oltre a Euskelosaurus: Plateosauravus, Eucnemesaurus e Antetonitrus. Di questi, i resti di Euskelosaurus sono quelli più incompleti, tanto da far considerare l’animale un nomen dubium.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • T. H. Huxley, (1866). "On some remains of large dinosaurian reptiles from the Stormberg Mountains, South Africa", Quarterly Journal of the Geological Society of London 23(1): 1-6
  • Heerden, J. van, (1979). "The morphology and taxonomy of Euskelosaurus (Reptilia: Saurischia; Late Triassic) from South Africa", Navorsinge van die Nasionale Museum, 4(2): 23-84

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]