Europride

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Una Tribute band degli ABBA all'Europride di Stoccolma del 2008.
Bandiera dell'associazione londinese East London's Lesbian and Gay Centre, Londra 2006.
Marinai all'Europride di Londra del 2006.

L'Europride è una manifestazione dedicata alla celebrazione della giornata internazionale dell'orgoglio LGBT, che si svolge con cadenza annuale, ogni volta in una diversa città europea. Dalla sua fondazione, avvenuta nel 2002, al 2013 l'evento è stato ospitato da sedici città, di tredici distinte nazioni. Londra la ha ospitata tre volte, Roma e Stoccolma due. La prossima edizione si volgerà dal 10 al 20 luglio ad Oslo in Norvegia.

La città ospitante per due settimane organizza manifestazioni culturali, sportive, concerti ed eventi artistici concentrati sulle tematiche LGBT ed ospita, ogni autunno successivo alla manifestazione, la conferenza annuale dell'EPOA, la federazione che raccoglie le associazioni LGBT europee organizzatrici degli Europride, che assegna la manifestazione per gli anni successivi. Europride si conclude, in genere, con una marcia dell'orgoglio gay (Gay pride) ed una veglia a commemorazione delle vittime dell'AIDS.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il primo Europride si è tenuto a Londra nel 1992, con la partecipazione stimata di circa 100 000 persone. L'anno successivo Berlino ha ospitato la manifestazione.

Nel 1994 è la volta di Amsterdam con un Europride che si lascia alle spalle un debito di almeno 450 000 euro. Nel 1996 l'Europride si sposta a Copenaghen, dove è supportato, per la prima volta da leader cittadini. L'organizzazione è un successo su tutti i fronti con un attivo di cassa finale.

Parigi ospita Europride nel 1997. Il festival ha numerosi sponsor commerciali. Nel corso della marcia finale, oltre 300 000 persone giungono fino alla Bastiglia. Stoccolma è la città ospitante di Europride nel 1998 a cui segue ancora Londra nel 1999, ma l'evento è cancellato per bancarotta dell'organizzazione.

Nel 2000, Worldpride rimpiazza Europride. L'evento si tiene a Roma, in concomitanza con il Giubileo, ed attira persone da ogni parte del mondo: si stima una partecipazione di 500 000 persone. Dopo un iniziale ed informale supporto alla manifestazione i leader cittadini e le istituzioni ritirano il proprio appoggio a causa delle pressioni esercitate dal Vaticano.

Vienna ospita Europride nel 2001 attirando molte persone dall'Europa centrale e dall'Europa dell'est. Nel 2002 Colonia, in Germania, organizza il più grande Europride: i partecipanti superano il milione.[senza fonte]

L'evento viene organizzato a Manchester, Inghilterra, nel 2003, ed Amburgo nel 2004.[1] Oslo ospita Europride nel 2005, con Ian McKellen come ospite d'onore.

Londra ospita la manifestazione nel 2006 con due settimane di eventi culminati in una marcia che percorre per la prima volta Oxford Street, un'importante via commerciale della capitale inglese. Alla marcia partecipa il sindaco di Londra Ken Livingstone, il militante gay per i diritti umani Peter Tatchell, e l'italiana Vladimir Luxuria prima transgender eletta a Membro di un parlamento europeo. La conclusione dell'evento si è avuta in tre piazze simboliche della città: a Trafalgar Square con Ian McKellen, a Leicester Square e Soho. Quello del 2006 è stato il primo Europride che coinvolge tutta la città di Londra in spazi pubblici.

Nel 2007, Madrid ospita Europride che si tiene alla Chueca, il quartiere gay della capitale spagnola. Madrid è scelta per l'approvazione della legge sul matrimonio gay e per l'identità di genere. Più di 1.2 milioni di persone partecipano alla parata finale. Per la prima volta nella storia di Europride il Comune di Madrid finanzia le associazioni organizzatrici dell'evento.

Nel 2008, Stoccolma organizza la parata[2] e Zurigo ospita Europride nel 2009.[3]

Nel 2010 Europride si svolge a Varsavia, Polonia.[4] per la prima volta l'orgoglio gay sfila in un paese dell'Europa dell'Est. Europride Varsavia chiede la legalizzazione delle unioni civili.[5]

Nel 2011 l'Europride si tiene per la seconda volta a Roma. Ospite d'onore al concerto finale è Lady Gaga.

Città ospitanti[modifica | modifica sorgente]

Edizione Anno Luogo Ente organizzatore Tema Data Partecipazione
1992 Regno Unito Londra Giugno- Luglio
1993 Germania Berlino Giugno- Luglio
1994 Paesi Bassi Amsterdam Giugno- Luglio circa 67000
- 1995 Europa NON ASSEGNATO
1996 Danimarca Copenaghen Giugno- Luglio
1997 Francia Parigi Giugno- Luglio
1998 Svezia Stoccolma Giugno- Luglio
- 1999 Europa NON ASSEGNATO
2000 Italia Roma Circolo di cultura omosessuale Mario Mieli[6] 'In Pride We Trust' 1-9 luglio circa 500000
2001 Austria Vienna Giugno- Luglio
2002 Germania Colonia Kölner Lesben- und Schwulentag eV (KLuST) 'Cologne celebrates diversity' 15 giugno - 7 luglio circa 1200000
10º 2003 Regno Unito Manchester Giugno- Luglio
11º 2004 Germania Amburgo Giugno- Luglio
12º 2005 Norvegia Oslo Europride Oslo As 18–27 giugno 70-100,000
13º 2006 Regno Unito Londra Giugno- Luglio
14º 2007 Spagna Madrid Spanish LGBT Collective Organization 'Now Europe, Equality is possible' 22 giugno -2 luglio circa 2500000
15º 2008 Svezia Stoccolma Stockholm Pride Agency[7] 'Swedish Sin Breaking Borders' 25 luglio - 3 agosto circa 80000
16º 2009 Svizzera Zurigo EuroPride 09 Organising Association[8] 'Celebrating 40 years with Pride' 2 maggio - 7 giugno circa 100000
17º 2010 Polonia Varsavia Equality Foundation (Fundacja Równości)[9] 'Freedom, equality, tolerance!' 7 giugno - 17 luglio tra gli 8 000 e i 15 000[10][11]
18º 2011 Italia Roma Circolo di cultura omosessuale Mario Mieli[12] 'Be Proud!' 1 giugno - 12 luglio 1000000[13]
19º 2012 Regno Unito Londra Pride London
20º 2013 Francia Marsiglia "L'Europe en marche pour l'égalité - Europe on the move for equality !" 10 luglio - 20 luglio
21° 2014 Norvegia Oslo[14] Oslo Pride AS 20 giugno - 29 giugno[15]
22° 2015 Lettonia Riga[16] LGBT and their friends association MOZAIKA[17] 15 giugno - 21 giugno
23° 2016 Paesi Bassi Amsterdam[18] . . . . . . . . . . 30 luglio - 7 agosto (da confermare) . . . . .
24° 2017 Spagna Madrid[19]

Galleria fotografica[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ EuroPride Seeks to Break Barriers in EU DW-WORLD.DE (June 13, 2004) Retrieved July 31, 2008
  2. ^ official Stockholm Pride organization website in English (stockholmpride.org)
  3. ^ official Zurich Pride organization website in English
  4. ^ http://www.europride2010.eu/?go=wylaczreklen&u=3&lg=2
  5. ^ Warschau - Europride 2010
  6. ^ Official website Circolo - Roma World Pride organisation association (mariomieliorg)
  7. ^ official website Stockholm Pride organisation (in English and Swedish) (stockholmprideorg)
  8. ^ official website EuroPride 09 Organising Association (in German, English, and French) (Europride09eu)
  9. ^ Domena rownoscorg jest utrzymywana na serwerach nazwapl
  10. ^ WPROST - 8 tysięcy osób uczestniczyło w warszawskiej EuroPride
  11. ^ Thenewspl :: News from Poland
  12. ^ sito ufficiale
  13. ^ Europride, in piazza un milione di persone - Adnkronos Cronaca
  14. ^ (EN) EuroPride 2014 goes to Oslo, Norway, europride.info.
  15. ^ facebook.com, 28 settembre 2013, https://www.facebook.com/EuroprideOslo2014 . URL consultato il 28 settembre 2013.
  16. ^ BREAKING NEWS: RIGA WILL HOST EUROPRIDE 2015, Skapis.eu.
  17. ^ mozaika.lv, mozaika.lv. URL consultato il 14 novembre 2013.
  18. ^ volkskrant.nl, 28 settembre 2013, http://www.volkskrant.nl/vk/nl/2686/Binnenland/article/detail/3517979/2013/09/28/Europride-2016-naar-Amsterdam.dhtml. URL consultato il 28 settembre 2013.
  19. ^ Littauer, Dan, Madrid to host 2017 World Gay Pride in Gaystarnews.com, 8 ottobre 2012. URL consultato il 5 marzo 2013.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]