Euroflora

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Una visione a 180° del padiglione S della fiera di Genova

Euroflora, mostra del fiore e della pianta ornamentale, è una delle principali floralies (rassegne floreali) che si svolgono nel Mediterraneo e nel mondo, e presenta tutte le specificità del settore: dalla ricerca all'ibridazione, dal fiore reciso alle fronde, dalle piante in vaso all'arboricoltura, dal giardinaggio al paesaggismo. È organizzata dalla Fiera di Genova nel capoluogo ligure, viene riconosciuta dall'AIPH - Association Internationale des Producteurs Horticoles e fa parte di AIF - Association of International Floralies.

Euroflora si svolge con cadenza quinquennale e si tiene dal 1966, con la partecipazione di centinaia di espositori provenienti da tutta Italia e dal mondo. Tra i temi principali della manifestazione c'è la biodiversità, per favorire la sensibilizzazione del pubblico verso temi di attualità come l'ecosostenibilità, il mantenimento di un rapporto equilibrato e quotidiano con la natura, il recupero ambientale e il rispetto per il verde.

L'edizione 2011 si è svolta dal 21 aprile al 1º maggio, con la partecipazione di 800 aziende florovivaistiche provenienti da 19 regioni italiane e 16 Paesi esteri. La prossima edizione, l'undicesima, sarà anticipata di un anno per consentire alla manifestazione di svolgersi in contemporanea con l'Expo 2015 di Milano

Sotto i riflettori

Rosa Marbella
Particolare apprezzamento viene riservato in ogni edizione di Euroflora alle diverse varietà di rosa prodotte in ogni parte del mondo.*Una rosa "Marbella".

Euroflora 2011. Grande gufo vegetale (Padiglione del Belgio)

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Euroflora ha avuto la sua prima edizione nel 1966, ma il progetto originario aveva preso le mosse un anno prima sulla base di un'idea del senatore Carlo Pastorino, all'epoca presidente della Fiera di Genova (che oggi è una società per azioni, ma fino al 2002 era un ente pubblico).

Pastorino propose all'associazione dei florovivaisti liguri di organizzare, con cadenza quinquennale, una grande floralie ad imitazione di quella di Gand, in Belgio. I florovivaisti liguri accettarono di buon grado e, con interessamento del segretario generale della Fiera, Giuseppino Roberto, venne avanzata formale richiesta all'AIPH, l'Association Internazionale des Producteurs de l'Horticulture, responsabile del calendario degli eventi floristici, che acconsentì di buon grado.

Dalla prima edizione del 1966, Euroflora - che nel frattempo è diventata anche un marchio registrato, con un proprio logo costituito dalla scritta euroFlora affiancata da un'astratta composizione floreale - è il maggiore mezzo di promozione del florovivaismo italiano nel mondo e un apprezzato strumento per far conoscere e amare a un più vasto pubblico possibile i fiori e le piante da giardino.

Alle dieci edizioni tenute dal 1966 al 2011 hanno partecipato 5.700 espositori di tutto il mondo e sono state visitate da quasi 5 milioni di persone. Il record di maggiore afflusso si è avuto nell'edizione del 1986 visitata da 730.000 persone. Già al debutto i numeri della manifestazione furono di tutto rilievo: 250.000 i visitatori e oltre 260 espositori provenienti da 19 paesi.

La rosa da guinness e la pianta venuta dal passato
Wollemia pine

Nell'edizione 2006 di Euroflora ha fatto spicco la rosa più piccola del mondo, presentata in una tazzina da caffè, una novità da Guinness dei primati che ha attirato l'attenzione dei visitatori, al pari di una particolare specie di conifera, la Wollemia nobilis (o Wollemia Pine), imparentata con specie botaniche fossili risalenti a novanta milioni di anni fa. Importato dall'Australia da una azienda floricola di Bolzano, questo particolare tipo di pianta - che da adulta può raggiungere i 40 metri di altezza ed assomiglia vagamente nella struttura alla palma - è stato scoperto nel 1994 da un guardacaccia del parco naturale di Wollemi, ad ovest di Sydney. Assimilata in maniera impropria al pino, si è guadagnato il soprannome di Jurassic Pine o Wollemia Pine.

L'area espositiva[modifica | modifica wikitesto]

Euroflora è allestita negli spazi dei padiglioni coperti Blu e C, oltre al Palasport (cuore dell'esposizione) e alle aree all'aperto della Fiera di Genova. L'atrio del padiglione C è invece dedicato al fiore e alla creatività: accanto alle interpretazioni floreali dei maestri fioristi italiani e stranieri nel padiglione viene allestito il Teatro del Fiore, che ospita eventi e iniziative legate al mondo del florovivaismo. L'offerta del padiglione C è poi completata dal Mercato Verde (per acquistare piante e fiori direttamente dai produttori) e da Flortec-Florcasa (dedicato ai prodotti, attrezzature e arredamento per il giardino)

Euroflora è anche un viaggio nelle eccellenze produttive della penisola - da Nord a Sud - con grandi partecipazioni collettive regionali e partecipazioni singole di grande valore. Tra le partecipazioni istituzionali da segnalare il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali e le presenze di Cia, Coldiretti, Confagricoltura, Assoverde, Associazione Giardini Italiani, Istituto Statale per l'Agricoltura Marsano di Genova e l'Area Marina protetta di Portofino.

Nel corso delle varie edizioni è cresciuto anche il tasso di internazionalità della manifestazione. Il 2011 ha visto la partecipazione della Royal Agricultural and Horticultural Society of Ghent, società organizzatrice delle Floralies dell'omonima città belga. Oltre al Belgio, si sono registrate partecipazioni da: Cina, Francia, Ecuador, Germania, Guinea Equatoriale, India, Nuova Zelanda, Olanda, Romania, Repubblica di San Marino, Spagna, Stati Uniti, Taiwan e Ungheria.

Verde urbano, orti e giardini[modifica | modifica wikitesto]

A Euroflora 2011, per la prima volta nella storia della manifestazione, un'intera area compresa tra il nuovo padiglione Blu (B) e il padiglione C è stata dedicata a orti e giardini ornamentali. In esposizione 59 orti e giardini realizzati da giovani paesaggisti, selezionati tra coloro che avevano aderito ad uno speciale concorso bandito proprio in occasione di Euroflora. Oltre al contest dedicato a orti e giardini, Euroflora è stata sede di 500 concorsi tecnici ed estetici per un montepremi totale di 420 mila euro.

Il viale degli orti & giardini

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Nelle sue dieci edizioni, Euroflora ha ospitato molti personaggi illustri, politici, cantanti e attori. Tra i tanti si ricordano Grace Kelly, Francesco Cossiga, Oscar Luigi Scalfaro, Sandro Pertini, Amintore Fanfani, Marella Agnelli, Pippo Baudo, Macario, Domenico Modugno, Sergio Cofferati e Gastone Moschin.

A Euroflora 2011 è stato allestito il balcone fiorito più lungo del Mediterraneo: 1.500 piante suddivise in 150 vasi, hanno 'vestito' i 150 metri della balaustra sulla terrazza del padiglione Blu regalando ai visitatori un'esplosione di colore unica.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Bibliografia su Genova.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]