Euplectes franciscanus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Vescovo arancio
Euplectes orix 5 Luc Viatour.jpg
Maschio di Euplectes franciscanus
in livrea nuziale
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Aves
Sottoclasse Neornithes
Superordine Neognathae
Ordine Passeriformes
Sottordine Oscines
Infraordine Passerida
Superfamiglia Passeroidea
Famiglia Ploceidae
Genere Euplectes
Specie E. franciscanus
Nomenclatura binomiale
Euplectes franciscanus
(Isert, 1789)
Sinonimi

Euplectes orix franciscana

Il vescovo arancio (Euplectes franciscanus (Isert, 1789) ) è un uccello passeriforme della famiglia Ploceidae, noti anche come uccelli tessitori per l'abitudine di costruire nidi particolarmente grandi e complessi.[2]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Femmina

È un passeriforme lungo 13-15 cm.[senza fonte] Durante la stagione dell'accoppiamento, il maschio sfoggia una livrea nuziale di colore rosso-arancio, a parte la testa e il petto, che sono nere, e la coda e le ali, che sono marroni. Fuori da questa stagione si presenta di colore giallo-marrone chiaro. Le femmine sono simili, ma più piccole.

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

Nel periodo nuziale i maschi si riuniscono in stormi e individuano un territorio per la nidificazione, che di solito è rappresentato da un grosso cespuglio spinoso. Come gli altri uccelli tessitori intrecciano dei nidi globosi sospesi e quindi attendono l'arrivo delle femmine, le quali dopo aver ispezionato i nidi scelgono quelli che a loro giudizio risultano più accoglienti. La femmina depone da 3 a 5 uova. Dopo la schiusa i pulcini vengono nutriti con insetti e erba e raggiungono l'autonomia di volo verso i 25 giorni di vita.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Ha un areale che si estende su un'ampia zona dell'Africa subsahariana comprendente Benin, Burkina Faso, Camerun, Repubblica Centroafricana, Ciad, Repubblica Democratica del Congo, Costa d'Avorio, Eritrea, Etiopia, Gambia, Ghana, Guinea, Guinea-Bissau, Kenya, Mali, Mauritania, Niger, Nigeria, Senegal, Sierra Leone, Somalia, Sudan, Togo e Uganda.[1]

È stato introdotto dall'uomo anche alle Bermuda, Martinica e Porto Rico.

Popola la savana e le praterie, prediligendo le aree vicine all'acqua.

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

In precedenza era considerato una sottospecie del vescovo rosso (Euplectes orix) ma ora le due specie sono considerate distinte.

Ne sono note due sottospecie:[2]

  • Euplectes franciscanus franciscanus
  • Euplectes franciscanus pusillus

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) BirdLife International 2012, Euplectes franciscanus in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2013.2, IUCN, 2013.
  2. ^ a b (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Ploceidae in IOC World Bird Names (ver 4.1), International Ornithologists’ Union, 2014. URL consultato il 4 febbraio 2014.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

uccelli Portale Uccelli: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di uccelli