Euphrase Kezilahabi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Euphrase Kezilahabi (Namagondo, 13 aprile 1944) è uno dei principali scrittori contemporanei in lingua swahili. Le sue opere sono molto popolari in Tanzania.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Kezilahabi nacque nella Tanzania nordoccidentale, nel piccolo villaggio di Namagondo, sull'isola di Ukerewe, nel Lago Vittoria. Frequentò le scuole del seminario locale, per intraprendere poi la carriera accademica, arrivando nel 1970 all'Università di Dar es Salaam, la più importante del paese. In questo periodo Kezilahabi iniziò a comporre poesie (inizialmente in inglese) e nel 1971 pubblicò il suo romanzo di debutto, Rosa Mistika. L'opera ebbe un grande successo di pubblico, ma destò anche numerose polemiche a causa degli attacchi rivolti da Kezilahabi al sistema scolastico tanzaniano e alla chiesa, rappresentati come incapaci di vegliare sulla moralità della gioventù del paese. Nello stesso anno di Rosa Mistika Kezilahabi pubblicò un'altra opera destinata ad avere una grande risonanza: la poesia Vipanya ("topolini"), pubblicata dalla rivista dell'Istituto di Ricerca per il Swahili. La poesia era in versi liberi, un fatto senza precedenti nella tradizione poetica swahili, che rompeva con la tradizione di influsso arabo, rigorosamente metrica. L'opera ebbe una vasta risonanza gli ambienti letterari tanzaniani, dando origine a un ampio dibattito. Negli anni successivi Kezilahabi diede inizio a una prolifica carriera letteraria, alternando pubblicazioni in prosa e in poesia, sempre in lingua swahili. Attualmente Kezilahabi è docente all'università di Dar es Salaam.

Bibliografia parziale[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 79078915 LCCN: n50045823