Eumops perotis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Eumops perotis
Eumops perotis.jpeg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Laurasiatheria
Ordine Chiroptera
Sottordine Microchiroptera
Famiglia Molossidae
Sottofamiglia Molossinae
Genere Eumops
Specie E.perotis
Nomenclatura binomiale
Eumops perotis
Schinz, 1821
Areale

██ E.p.perotis

██ E.p.californicus

██ E.p.gigas

Eumops perotis (Schinz, 1821) è un pipistrello della famiglia dei Molossidi diffuso nel Continente americano.[1][2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Dimensioni[modifica | modifica wikitesto]

Pipistrello di grandi dimensioni, con la lunghezza totale tra 159 e 187 mm, la lunghezza dell'avambraccio tra 73 e 83 mm, la lunghezza della coda tra 55 e 72 mm, la lunghezza delle orecchie tra 36 e 47 mm, un'apertura alare fino a 53,5 cm e un peso fino a 73 g.[3]

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

La pelliccia è corta e vellutata. Le parti dorsali sono bruno-olivastre, con la base dei peli biancastra. mentre le parti ventrali sono più chiare. La testa è larga ed appiattita, le labbra sono lisce. Le orecchie sono larghe, triangolari e unite alla base anteriore. Il trago è grande, largo e squadrato, mentre l'antitrago è grande e semi-circolare. Le ali sono attaccate posteriormente sulle caviglie. La coda è lunga, tozza e si estende per circa la metà oltre l'uropatagio. Entrambi i sessi hanno una sacca ghiandolare sulla gola che produce una secrezione odorosa. I maschi sono privi dell'osso penico. Il cariotipo è 2n=48 FNa=56.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Comportamento[modifica | modifica wikitesto]

Si rifugia in gruppi fino a 100 individui nelle cavità degli alberi, sotto i tetti delle case e nelle fessure rocciose. Forma vivai dove frequentemente sono presenti anche dei maschi. Entra in uno stato di torpore durante il giorno da dicembre a febbraio. Può percorrere fino a 10-25 Km per cercare cibo. L'attività predatoria inizia tra 40 minuti e un'ora e mezza dopo il tramonto, dura almeno sei ore e mezza durante le quali vola ininterrottamente, per poi tornare alle prime ore del mattino nei rifugi. Il suo volo è rapido e diretto e si tratta del molosside più veloce.

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Si nutre di insetti, particolarmente di falene, grilli, cavallette, api, libellule, scarafaggi, formiche e vespe catturati vicino al suolo o in volo fino a 60 metri di altezza.

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

Danno alla luce un piccolo alla volta da giugno a luglio dopo una gestazione di 80-90 giorni. Vengono svezzati dopo 1-2 mesi. Gli accoppiamenti avvengono i primi giorni di primavera.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Questa specie è diffusa dagli Stati Uniti d'America sud-occidentali al Messico centrale e nell'America meridionale, dalla Colombia fino all'Argentina, eccetto le Guiane. È presente anche sull'isola di Cuba.

Vive in zone coltivate, zone aride e in foreste subtropicali fino a 3.000 metri di altitudine

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Sono state riconosciute 3 sottospecie:

Stato di conservazione[modifica | modifica wikitesto]

La IUCN Red List, considerato il vasto areale e la popolazione presumibilmente numerosa, classifica E.perotis come specie a rischio minimo (LC).[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Barquez, R. & Diaz, M. 2008, Eumops perotis in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Eumops perotis in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Kays & Wilson, 2009, op. cit.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Alfred L. Gardner, Mammals of South America, Volume 1: Marsupials, Xenarthrans, Shrews, and Bats, University Of Chicago Press, 2008. ISBN 9780226282404
  • Roland W.Kays & Don E.Wilson, Mammals of North America: (Second Edition), Princeton University Press, 2009. ISBN 9780691140926

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi