Eulalia di Barcellona

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Eulalia di Barcellona
Rilievo di Bartolomé Ordóñez nella Cattedrale di Santa Eulalia
Rilievo di Bartolomé Ordóñez nella Cattedrale di Santa Eulalia
Nascita 290
Morte 12 febbraio 303
Venerata da Chiesa cattolica romana, Chiesa ortodossa
Canonizzazione 663
Santuario principale Cattedrale di Barcellona
Ricorrenza 12 febbraio
Attributi Croce ad X, oche, palo, colombe
Patrona di Barcellona, marinai, contro le siccità

Sant' Eulalia di Barcellona, (Aulaire, Aulazia, Ollala, Eulària) (Barcellona, 290Barcellona, 12 febbraio 303), è stata una fanciulla che subì il martirio a tredici anni sotto Diocleziano, venerata come santa e patrona di Barcellona. A tutt'oggi vi sono delle discussioni in merito alla possibilità che si tratti della stessa santa conosciuta come Eulalia di Mérida, la cui storia è simile[1].

Agiografia[modifica | modifica sorgente]

Poiché rifiutava di rinnegare la sua fede cristiana, Eulalia fu sottoposta dai romani a 13 torture fra cui:

  • Fu chiusa in un barile pieno di chiodi (o pezzi di vetro) e fatta rotolare in una strada identificata dalla tradizione con l'attuale Baixada de Santa Eulalia ("discesa di Sant'Eulalia)[2].
  • Le furono tagliati i seni
  • Fu crocifissa su una croce a forma di X
  • Alla fine fu decapitata

Si narra che una colomba volò dal suo petto alla fine del martirio a simbolo della sua anima. Questa è un'altra somiglianza con la storia di Eulalia di Mérida, di cui però si narra che la colomba spiccò il volo dalla bocca. Esistono inoltre delle sovrapposizioni fra le torture attribuite all'una ed all'altra santa.

Tomba della Santa nella Cattedrale di Barcellona
Croce ad X di Sant'Eulalia a L'Hospitalet

A Barcellona Eulalia è ricordata da varie vie e statue[2]. Il suo corpo fu sepolto originariamente a Santa Maria de les Arenes (oggi Santa Maria del Mar); fu nascosto durante la conquista araba della Spagna nel 713 e ritrovato solo nell'878. Nel 1339, fu collocato in un sarcofago d'alabastro nella cripta della nuova Cattedrale di Sant'Eulalia [3].

Il Martirologio Romano la riporta al 12 febbraio; i festeggiamenti in onore della santa hanno luogo a Barcellona nella settimana che comprende questo giorno[4].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Stephen Haliczer, Between exaltation and infamy: Female mystics in the Golden Age of Spain, Oxford, Oxford University Press, 2002, p. 236, ISBN 0-19-514863-0.
  2. ^ a b Manuel Vázquez Montalbán, Barcelonas, Londra, Verso, 1992, p. 42, ISBN 0-86091-353-8.
  3. ^ Santa Maria del Mar dalla guida del New York Times.
  4. ^ Festes de Santa Eulàlia dal sito web della municipalità di Barcellona (CA)

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]