Eugenio Torelli Viollier

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« Informare prima di tutto »
(Una delle "parole d'ordine" di Torelli Viollier)
Eugenio Torelli Viollier

Eugenio Torelli Viollier, nato Eugenio Torelli (Napoli, 26 marzo 1842Napoli, 26 aprile 1900), è stato un giornalista e politico italiano.

È stato l'ideatore e cofondatore nel 1876 di quello che è oggi il principale quotidiano italiano, il Corriere della Sera. Ne fu direttore dalla fondazione alla morte, nel 1900. Fu Torelli Viollier a scegliere Luigi Albertini come suo successore.

Infanzia e adolescenza[modifica | modifica sorgente]

Il padre, l'avvocato napoletano Francesco Torelli, apparteneva ad una famiglia di giuristi liberal-riformisti fedeli al Regno delle Due Sicilie. La madre era la francese Josephine Viollier, seconda moglie di Francesco. Eugenio rimase presto orfano di entrambi i genitori e nel 1852 fu affidato, con i fratelli, alla sorellastra Luisa, figlia di primo letto del padre.

Il 25 giugno 1860 il re Francesco II di Borbone richiama in vigore la Costituzione già concessa da Ferdinando II nel 1848. Vengono ripristinati il parlamento e i ministeri.

A far parte delle nuove istituzioni sono chiamate le stesse persone che avevano dato vita all'effimera esperienza del '48, oppure loro parenti stretti. Il padre di Eugenio, Francesco, è morto, quindi gli subentra di diritto il figlio. Appena diciottenne, Eugenio è nominato impiegato gratuito e in prova per le benemerenze del defunto padre. Ma Torelli non può rispondere alla chiamata: in quel periodo, con il figlio di un altro patriota del '48, gira l'Italia Meridionale a far propaganda per il generale Giuseppe Garibaldi. La sua fuga da Napoli e l'adesione alle camicie rosse è dettata proprio dall'odio nei confronti della burocrazia borbonica, che egli considera costituita da "leccapiedi più realisti del re".[1]

Nel frattempo i Mille conquistano Napoli (ottobre 1860); re Francesco II si rifugia nella fortezza di Gaeta. Prima di lasciare la capitale, promuove Torelli (e altri) ad un grado superiore, per il quale è previsto uno stipendio (mentre la mansione che svolgeva nominalmente in precedenza era senza retribuzione).

Il 3 gennaio 1861 Eugenio Torelli rientra nella capitale meridionale. Viene a conoscenza della promozione, che ormai non ha più nessun valore. Entra quindi a far parte della nuova amministrazione sabauda. Al momento di decidere se proseguire la carriera (che avrebbe comportato, eventualmente, il trasferimento a Torino), si dimette. Molti anni dopo, Torelli sarà a chiamato a difendersi da calunnie infondate[2], che dovrà sventare pubblicamente.

Da Napoli a Milano[modifica | modifica sorgente]

Alexandre Dumas padre, fondatore del quotidiano partenopeo L'Indipendente[3], assume il giovane Torelli, che diviene anche il suo Segretario personale. Per quattro anni svolge questa mansione.
Nel 1864 Dumas decide di ritornare in Francia; Torelli non si lascia scappare l'occasione e lo segue a Parigi. In poco tempo si affranca dalla tutela dello scrittore; in autonomia, collabora a riviste parigine scrivendo articoli di costume. Il poeta Luigi Gualdo (1844-1898) lo presenta all'editore milanese Edoardo Sonzogno, che frequenta spesso la capitale parigina per lavoro.

Dopo pochi mesi Torelli rientra in Italia e fissa la sua sede a Milano. Ottenuto il passaporto francese, unisce il cognome della madre a quello del padre. Dal gennaio 1866 è direttore di due periodici di Sonzogno: L'illustrazione universale e L'Emporio pittoresco. Entrambe le testate hanno scarsa fortuna: nel 1867 scompare L'Illustrazione e l'anno successivo chiude L'Emporio. Torelli Viollier torna a fare il cronista, questa volta per il quotidiano di Sonzogno, Secolo[4]. Si occupa di cronaca nera e bianca, oltre che di critica teatrale (cura la rubrica «Rivista Teatrale»). Collabora anche con Il Gazzettino rosa di Bizzoni e Felice Cavallotti, in quel momento politicamente moderato, ma se ne distacca quando il giornale assume toni decisamente radicali e antimonarchici.

Quando anche il Secolo si sposta verso l'area mazziniana, il rapporto con Sonzogno si incrina. Il mutato orientamento di Sonzogno e dei suoi periodici è la conseguenza dei fatti della Comune di Parigi, dello scandalo della Regia cointeressata dei tabacchi e del "processo Lobbia". Torelli Viollier resta al Secolo stando, però, ben attento a non farsi coinvolgere politicamente.

La "separazione in casa" dura fino al 1872: quell'anno Torelli Viollier passa ai concorrenti Fratelli Treves; si tratta, comunque, come già avvenuto con Dumas, di un distacco a livello professionale, che non pregiudica le amichevoli relazioni personali con Edoardo Sonzogno. Uscito dal Secolo, il suo nemico numero uno diventerà Felice Cavallotti, ex amico ai tempi di Napoli. La guerra fra i due, con tanto di risvolti giudiziari, proseguirà per tutto il resto della vita.

Torelli Viollier inizia a lavorare come redattore capo del quotidiano di Casa Treves, il Corriere di Milano, fondato nel 1869. Al Corriere Torelli Viollier inizia, finalmente, ad occuparsi di politica. L'editore, e direttore Emilio Treves, mantiene infatti il quotidiano su posizioni di moderatismo e costituzionalismo, più consone alle idee del giornalista italo-francese. Oltre a scrivere per il Corriere di Milano, Torelli Viollier è anche redattore dell'Illustrazione Italiana (da non confondere con il quasi omonimo periodico di Sonzogno), impegno che ne migliora considerevolmente la posizione economica. Grazie alla raggiunta stabilità finanziaria, fa salire a Milano la sorellastra Luisa ed uno dei fratelli, il più giovane, Titta Torelli.

Nel 1874 i fratelli Treves, però, decidono di monetizzare i guadagni già ottenuti dal Corriere nei suoi pochi anni di vita e lo vendono ad un altro quotidiano, il Pungolo. Dalla fine del 1874 all'autunno del 1875 Torelli Viollier rimane disoccupato e trascorre un periodo di ristrettezze economiche. Nell'autunno del 1875 si profila un cambio di gestione a La Lombardia – già giornale piemontesista dal 1859 – su cui si pubblicano gli atti ufficiali della Provincia, quindi una testata che gode di una posizione di rendita.

La direzione de La Lombardia[modifica | modifica sorgente]

Ne tratta l'acquisto l'avvocato Riccardo Pavesi, il quale cerca un direttore giovane, dinamico e soprattutto non compromesso: praticamente l'identikit di Torelli Viollier.

Tramite conoscenze comuni, Eugenio si inserisce nelle trattative che si svolgono nello storico Caffè Gnocchi ed alle quali partecipano, fra gli altri, Vincenzo Labanca, amico di Torelli Viollier, giornalista; lo zio di questi Baldassarre, filosofo, e Tommaso Randelli, vecchio amico sia di Vincenzo Labanca sia di Torelli Viollier. Alla fine delle trattative, Torelli Viollier ottiene la direzione della testata con un alto stipendio.

Dal timone de La Lombardia ha la possibilità di crescere professionalmente, di farsi conoscere e di entrare in contatto con ambienti politici a lui affini e con persone che hanno capitali per realizzare progetti. La dichiarazione d'intenti di Torelli Viollier si può considerare una bozza di quello che sarà il Corriere della Sera:

Dalla dichiarazione d'intenti di Torelli Viollier all'assunzione della direzione de La Lombardia

"Un giornale oggettivo intendiamo fare noi; un giornale che, prima e piuttosto di discutere le questioni, le studii, che innanzi di sostenere un punto, lo elucidi; ed anziché parteggiare, esponga. Questo è il compito che si impongono principalmente i giornali inglesi, i giornali del popolo che meglio intende e pratica la libertà; ed è quello che vien più trascurato da molti fogli italiani, soliti a tenere come dimostrare le questioni ed i fatti che a loro piacimento piacciono, ed a sostituire al ragionamento l'affermazione, ed allo studio la rettorica […] La Lombardia, dice il nostro titolo, è ufficiale per le inserzioni degli atti legali ed amministrativi della Provincia; il che vuol dire che non lo è pel resto. Continueremo dunque a valerci, nell'apprezzamento degli avvenimenti, di quella onesta libertà che l'ultimo direttore di questo giornale dichiarava ieri aver sempre posseduta. Col Governo abbiamo un vincolo strettissimo, la comunanza di principii, e questo vincolo è la miglior garanzia del nostro indirizzo politico. Gli uomini egregi che sono a capo dello Stato rappresentano le nostre idee, come rappresentano quelle della maggioranza degl'italiani. S'essi non fossero quali sono, noi non avremmo certamente accettato d'esser dove siamo".

L'esperienza alla direzione de La Lombardia, iniziata nel 1875, dura pochi mesi poiché Torelli Viollier ha già in mente la fondazione di un nuovo quotidiano e vuole perseguire con tenacia questo obiettivo. Affascinato dal modello anglosassone, pensa ad un quotidiano totalmente indipendente, anche dalla Destra e dall'Associazione costituzionale, cui si sente affine.

Fino al 1875 la fondazione di una nuova testata era impedita da due ostacoli oggettivi: la mancanza di uno sponsor che non chiedesse contropartite politiche o personali; la mancanza di spazio, visto che Milano aveva già ben 8 quotidiani: in campo moderato dominava Il Secolo, mentre in ambito conservatore Il Pungolo e la Perseveranza facevano il pieno di lettori.

La genesi del Corriere della Sera[modifica | modifica sorgente]

L'idea del nuovo giornale[modifica | modifica sorgente]

Alla fine del 1875 questi due ostacoli iniziano a vacillare: prima di tutto è nell'aria la sconfitta elettorale della Destra ed il conseguente ricambio di potere. Per quanto riguarda il secondo dato di fatto, l'esperienza alla guida de La Lombardia lo ha avvicinato, come già accennato, ad una serie di personalità con disponibilità di capitali che potrebbero rappresentare lo sponsor economico che cerca.

Per quanto riguarda l'accennata sensazione di imminente sconfitta elettorale della Destra, è utile fare una breve panoramica politica.

Nel 1874 le elezioni politiche avevano spaccato in due il paese, il Centro-Nord alla Destra ed il Meridione alla Sinistra. Non che nel Settentrione la Sinistra fosse debole: tutt'altro. Ma era eterogenea e questo ne inficiava la capacità di proporsi come forza di governo.

Alla Destra si rimproverava la politica finanziaria inadeguata alle esigenze del neonato stato unitario, la sostanziale non risoluzione della questione meridionale dopo la guerra al brigantaggio, in generale posizioni eccessivamente conservatrici e la sistematica costituzione di una classe dirigente formata da una élite di intoccabili che impediva il ricambio ed il ringiovanimento della classe dirigente medesima.

L'attesa per il cambio di potere si era fatta spasmodica. Più di un intellettuale – ad esempio Giovanni Visconti Venosta, fratello del più noto ministro – inizia a mettere in guardia la grande borghesia imprenditoriale sul pericolo di essere colti impreparati al momento della vittoria della Sinistra.

La borghesia conservatrice lombarda teme che il cambio di potere possa essere una catastrofe e, di conseguenza, reagisce, nella peggiore delle ipotesi, salvando il salvabile.

Gli imprenditori hanno a cuore il mantenimento dell'ordine costituito e auspicano che, al di là di alcune inevitabili riforme, si possa continuare sulla strada che essi definiscono progresso: sostanzialmente continuare a fare affari.

Quanto al re, egli non teme più di tanto la Sinistra, in quanto ha già iniziato un lavorio sottotraccia che porterà al cosiddetto trasformismo, tramite il quale i cambi di potere saranno sostanzialmente ininfluenti.

La borghesia conservatrice industriale è interessata ad aprire un canale di dialogo con la Sinistra per rendere morbida la transizione e per avere la garanzia di poter continuare a fare affari.

Un organo per il partito moderato[modifica | modifica sorgente]

Questa istanza di moderatismo di destra crea lo spazio politico in cui si può inserire un nuovo giornale, improntato ai valori della Destra, ma capace di dialogo e confronto costruttivo con la Sinistra. In questo senso Il Pungolo e la Perseveranza sono troppo intransigenti e compromessi.

Torelli Viollier, con la parola d'ordine moderazione e mediazione inizia ad acquisire credito. Il suo non essere coinvolto direttamente nella politica si trasforma da limite, quale era stato per diverso tempo, in dote. La linea di conciliazione e di attesa possibilista perseguita dal Torelli Viollier coagula attorno al progetto del nuovo quotidiano la parte più avanzata e meno intenzionata a farsi tagliar fuori della Destra milanese. Non c'è investitura ufficiale da parte dell'Associazione costituzionale, ma anche questo è visto da più parti come una nota di merito.

Tanto l'idea della nuova testata è vista con favore in ambienti politici, quanto è osteggiata in ambienti giornalistici. Sulla concorrente Ragione, il ventilato nuovo giornale è deriso ancor prima dell'uscita del primo numero. Il nuovo quotidiano nasce, quindi, ufficialmente come iniziativa personale del Torelli Viollier, che però non dispone del denaro necessario.

Nel giro di pochi giorni – siamo già nel 1876 – trova tre soci: Riccardo Pavesi, che già aveva acquistato La Lombardia e vi aveva messo Torelli Viollier alla direzione e che appoggia il progetto in quanto ansioso di debuttare in politica; Riccardo Bonetti e Pio Morbio, «trovati» dal Pavesi, entrambi avvocati.

Bonetti entra nell'impresa per amicizia del Pavesi ed i due lasceranno alle prime difficoltà. Pio Morbio, figlio dello storiografo Carlo, è invece destinato a lasciare involontariamente il segno nella storia del Corriere. Sua sorella, infatti, aveva sposato Benigno Crespi - fratello del noto industriale cotoniero Cristoforo Benigno Crespi - che, proprio grazie all'appartenenza a una facoltosa famiglia, poté diventare, di lì a pochi anni, proprietario del giornale incrementandone notevolmente le possibilità di sviluppo.

Siamo nel febbraio del 1876. I quattro preventivano di poter raccogliere 100 000 lire[5], valutandola la cifra minima per poter iniziare.

Si tratta di una cifra bassa, considerando che la pubblicità non è, all'epoca, una fonte consistente di entrate, che non avevano – a differenza degli altri – sovvenzioni ministeriali[6] e neppure l'appoggio finanziario di più o meno grossi gruppi industriali, come tutte le altre testate.
Si consideri, inoltre, che Torelli Viollier partecipa come «socio d'opera», non avendo una lira da investire nell'impresa.

In realtà delle centomila lire preventivate, i fondatori ne raccolgono solo 30 000. Al momento della scelta del nome si opta per Corriere, che nell'onomastica giornalistica sta gradatamente prendendo il posto dei tradizionali Avvisatore, Eco, Gazzetta e della Sera poiché sarebbe uscito nel tardo pomeriggio.

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Poco prima dell'uscita del primo numero, Torelli Viollier sposa Maria Antonietta Torriani, una maestra di Novara, istitutrice e scrittrice, oltre che bella donna.

Nell'attività letteraria lei si firma con lo pseudonimo "Marchesa Colombi".

È una donna estroversa, indipendente e gelosa della propria indipendenza, frequenta i salotti e i poeti, ha avuto alcune relazioni sentimentali con personaggi legati alla letteratura fra i quali Giosuè Carducci, sebbene quest'ultima fosse stata più un'avventura che una vera e propria relazione.

Al contrario, Torelli Viollier non ha mai avuto una vera relazione amorosa.

Il carattere della Torriani entra ben presto in collisione con quello di Luisa, sorellastra di Eugenio – legata al fratello, di dieci anni più giovane, da un rapporto morbosamente materno – e la convivenza sotto lo stesso tetto scatena una ridda di liti e scenate isteriche, soprattutto da parte della Torriani, per reazione molto gelosa.

Proprio lo scontro dei due forti caratteri femminili è alla base della separazione dei coniugi, momento doloroso nella vita di Eugenio, anzi segnato dal cupo colore della tragedia.

Una giovane nipote della Torriani – poco più che adolescente – era venuta a Milano per una breve vacanza e Torelli Viollier aveva subito dimostrato una spiccata simpatia per l'intelligenza vivace della ragazzina, ma la Torriani, esasperata dalle continue liti con Luisa, fraintende e scatena una scenata di gelosia nei confronti della nipotina. La giovane si sente in colpa e si getta dalla finestra morendo sul colpo. Torelli Viollier riceve la notizia del suicidio mentre si trova a Napoli per lavoro, rientra precipitosamente e ne rimane completamente sconvolto.

A seguito del fatto decide di lasciare la Torriani. Il loro matrimonio è durato poco più di due anni. Torelli Viollier non avrà mai più una compagna.

Un budget che basta appena per un anno[modifica | modifica sorgente]

Come scritto poco sopra, il capitale iniziale ammontava a meno di un terzo del preventivato. Ciò impone la necessità di far bene, se non benissimo, i conti, incaricando un ragioniere-amministratore che, possibilmente, non richieda compensi.

Il candidato ideale, o forse l'unico, è Titta Torelli, fratello di Eugenio, primo ed ultimo amministratore del Corriere a non aver mai percepito un compenso.

La sede dev'essere, almeno esteriormente, di prestigio e il posto più prestigioso di Milano, all'epoca, è la Galleria Vittorio Emanuele.

Si riescono ad affittare alcune stanze nell'ammezzato di un palazzo la cui entrata è in via Ugo Foscolo, ma fino a quando non verranno assegnati i civici alla via (erano da pochissimo terminati i lavori di restauro e sistemazione dell'intera area, durati 15 anni) l'indirizzo della sede è "Galleria Vittorio Emanuele 77", in seguito "Via Ugo Foscolo 5"[7].

Il denaro occorrente per dotarsi di una tipografia è, ovviamente, assente. Si ricorre, pertanto, ad un tipografo della vicina via Marino, Enrico Reggiani, che ne possiede una sotterranea. I rapporti tra Corriere e Reggiani, purtroppo, saranno sempre improntati sulla sfiducia e sulla scortesia[8].

Il costo della carta è proibitivo e Titta Torelli si rende immediatamente conto che, considerate tutte le spese, ci sono soldi per pubblicare al massimo per un anno. Tutto è un po' precario e avventuroso, ma la volontà di Eugenio è più forte e l'entusiasmo non manca.

Il Corriere della Sera[modifica | modifica sorgente]

Quindicimila copie per il lancio. L'assestamento a tremila[modifica | modifica sorgente]

Per il "grande lancio" si stampano quindicimila copie. L'"assestamento" si aggirerà sulle tremila: un decimo di quelle del Secolo. Il primo numero esce domenica 5 marzo 1876, con la data 5-6 marzo. Prezzo di una copia: 5 centesimi a Milano, 7 fuori città. Le richieste d'abbonamento[9], già prima del debutto, sono 500 (costo per Milano a domicilio 18 lire, resto del paese 24 lire).

Il giornale è composto di quattro pagine, suddivise in 5 colonne. In prima pagina, naturalmente, c'è il pezzo di Torelli Viollier, Al Pubblico, e l'inizio del romanzo d'appendice, che prosegue anche in fondo alla seconda. In quarta c'è la pubblicità, con due finestre in terza perché "straripa". Gli articoli sono come quelli di tutti gli altri giornali. Notizie di "seconda mano" da altre testate del Regno (Fanfulla, Bersagliere, Gazzetta d'Italia etc.) e i "ritagli" composti dalla redazione.

È la prima domenica di Quaresima: il carnevale era finito la sera prima. In realtà la mattina, gli altri giornali non sono usciti, così il Corriere vende tutte le copie messe a disposizione. Il ricavato, però, non va alle magre casse della testata, bensì al Pio Istituto tipografico, sia per non dar ragione alle malelingue – "il Corriere è uscito quel giorno per non avere concorrenti" –, sia per non danneggiare il "Pio Istituto" che tradizionalmente esce quel giorno con l'unico numero annuale del giornale Indipendente, per raccogliere fondi.

"Siamo conservatori e moderati, ma teniamo al progresso"[modifica | modifica sorgente]

"Al Pubblico", di Eugenio Torelli Viollier, è il titolo dell'editoriale-manifesto del primo numero del Corriere della Sera:

Editoriale

"Pubblico, vogliamo parlarti chiaro. In diciassette anni di regime libero tu hai imparato di molte cose. Oramai non ti lasci gabbare dalle frasi. Sai leggere fra le righe e conosci il valore delle gonfie dichiarazioni e delle declamazioni solenni d'altri tempi. La tua educazione politica è matura. L'arguzia, l'esprit ti affascina ancora, ma l'enfasi ti lascia freddo e la violenza ti dà fastidio. Vuoi che si dica pane al pane e non si faccia un trave d'una festuca. Sai che un fatto è un fatto ed una parola non è che una parola, e sai che in politica, più che nelle altre cose di questo mondo, dalla parola al fatto, come dice il proverbio, v'ha un gran tratto. Noi dunque lasciamo da parte la rettorica, e veniamo a parlarti chiaro.

Noi siamo conservatori. Un tempo non sarebbe stato politico, per un giornale, principiar così. Il Pungolo non osava confessarsi conservatore. Esprimeva il concetto chiuso in questa parola con una perifrasi. Ora dice apertamente: “Siamo moderati, siamo conservatori.” Anche noi siamo conservatori e moderati. Conservatori prima, moderati poi. Vogliamo conservare la Dinastia e lo Statuto, perché hanno dato all'Italia l'indipendenza, l'unità, la libertà, l'ordine. In grazia loro si è veduto questo gran fatto: Roma emancipata da' Papi che la tennero durante undici secoli. In grazia loro vediamo questi fatti singolari: un cardinale che paga la ricchezza mobile, una chiesa protestante presso San Giovanni Laterano, un re al Quirinale. In grazia loro si è udito Francesco Giuseppe d'Austria dire a Vittorio Emanuele: “Bevo alla prosperità dell'Italia”, e Guglielmo di Prussia: “Bevo all'unione de' nostri popoli”. Noi dunque siamo conservatori.

Siamo moderati, apparteniamo cioè al partito ch'ebbe per suo organizzatore il conte di Cavour e che ha avuto finora le preferenze degli elettori, - e per conseguenza il potere. Questo partito cadrà un giorno, perché tutto cade, tutto passa a questo mondo, ma nella storia avrà una nota di gloria d'impareggiabile fulgore, perché ha condotto a termine due imprese di cui una sola sarebbe bastata ad illustrarlo. Dopo aver compiuto l'unificazione d'Italia, ha restaurato le finanze. Se domani dovesse abdicare, potrebbe, con orgoglio che dà l'adempimento d'un gran compito, esclamare: Nunc dimittis, domine. Da un disavanzo annuo spaventevole ci ha condotti al pareggio. Non ancora, dite? Ebbene, sia: mancano venti, mancano trenta milioni: che sono appetto ai 700 che mancavano dieci anni fa? Qualche cosa di peggio che le finanze turche. Allora si discuteva sul fallimento dello Stato e si cercava di agguerrircisi: oggi chi osa più pronunziare questa parola? Come il cavaliere templario della ballata di Schiller, il partito moderato mosse diritto al mostro del disavanzo, con un mastino al fianco. Questo mastino si chiamava l'Imposta – bestia ringhiosa, feroce, spoetata; ma senzessa era follia sperare di vincere. L'Italia unificata, il potere temporale de' Papi abbattuto, l'esercito riorganizzato, le finanze prossime al pareggio, - ecco l'opera del partito moderato.

Siamo moderati, il che non vuol dire che battiamo le mani a tutto ciò che fa il Governo. Signori radicali, venite fra noi, entrate ne' nostri crocchi, ascoltate le nostre conversazioni. Che udite? Assai più censure che lodi. Lasciate stare i brontoloni del partito, gl'ipocondriaci, gli atrabiliari, che antepongono i moderati ai radicali unicamente come preferirebbero la febbre terzana al colèra; badate agli altri: nessuno è pienamente contento: si potrebbe dire che c'è più rassegnazione che vera e completa soddisfazione. Non c'è occhi più acuti degli occhi degli amici nostri nel discernere i difetti della nostra macchina politica ed amministrativa; non c'è lingue [sic] più aspre, quando ci si mettono, nel deplorarli. È stato già osservato che per udire sparlare, ma sul serio, de' ministri, bisogna andare in una brigata di deputati di Destra. Ebbene, è vero. Gli è che partito e Ministero sono due cose distinte. Gli è che il partito moderato non è partito immobile, non è un partito di sazi e di dormenti. È un partito di movimento e di progresso. “Noi vogliamo, ha detto il conte di Cavour, la libertà economica, noi vogliamo la libertà amministrativa, noi vogliamo la piena ed assoluta libertà di coscienza, noi vogliamo tutte le libertà politiche compatibili col mantenimento dell'ordine pubblico”. Tale è il credo del partito moderato. Sennonché, tenendo l'occhio alla teoria, non vogliamo perdere di vista la pratica e non vogliamo pascerci di parole, e sdegnamo i pregiudizi liberaleschi. E però ci accade di non voler decretare l'istruzione obbligatoria quando mancano le scuole e i maestri; - di non voler proscrivere l'insegnamento religioso se tale abolizione deve spopolare le scuole governative; - di non voler il suffragio universale, se l'estensione del suffragio deve porci in balia delle plebi fanatiche delle campagne o delle plebi voltabili [sic] e nervose delle città.

Questo giornale, che è moderato, e vuol essere lo specchio fedele dei pensieri di chi scrive, e delle persone savie che vorranno aiutarci de' loro consigli, - e li invochiamo, giacché, se siamo indipendenti, non vogliamo restare isolati, - non promette di essere di più facile contentatura dell'altra gente del suo partito; e però non si farà scrupolo di esprimere la sua opinione, quand'anche questa dovesse tornare sgradita a chi sta in alto o a chi sta in basso. – Certo è che se ci avverrà di censurare, ci studieremo di non essere avventati né iracondi, e ad ogni modo le nostre intenzioni saranno rette. Nulla ci ripugna più del tuono minatorio e degli atteggiamenti da gradasso con cui certi giornali di parte nostra credono opportuno, di tratto in tratto, d'affermare la loro indipendenza. La nostra indipendenza, ch'è reale, non avrà bisogno di queste frasche. Il pubblico non tarderà a conoscere in che acque naviga il Corriere della Sera. Errori se ne commisero, se ne commettono, se ne commetteranno. Il paese non fu sempre servito bene dagli uomini che adoperò. Qualcuno se lo ingraziò e salì al potere, avendo una cosa sulla bocca, un'altra nel cuore. Chi peccò per ignoranza, chi per inesperienza, chi per tristizia d'animo. Qualche volta non errarono gl'individui, errò l'intero partito. Il partito moderato inclinò alla grettezza, alla timidità, al fiscalismo, alle idee aristocratiche: noi che vogliamo tenerlo in piedi, non avremo il diritto di gridare quando lo vedremo in pericolo di perdere l'equilibrio?.

Sentiamo dire: - E la disciplina del partito? – State buoni, voi altri, con la disciplina del partito. Un articolo di giornale non è una palla nera o una palla bianca. Una palla nera può rovesciare un Ministero [Allude, naturalmente, al sistema di voto a scrutinio segreto. N.d.C.], cento articoli non lo scrollano. La disciplina di partito è indispensabile alla Camera: quante nobili coscienze ne ha allontanate questa dura legge! Il giornale non ne è esente del tutto, ma porta certamente un freno assai più largo. Guardate i giornali inglesi, i migliori d'Europa, come si muovono liberamente nell'ambiente del loro partito. Certo, se c'è cosa che abbiamo in odio, è il giornale a tesi, il giornale che guarda ogni materia dal lato dell'opposizione al Ministero o dell'appoggio da dare al Ministero; il giornale che gira ogni mattina nello stesso circolo d'idee, come il cavallo nella cavallerizza; il giornale organetto, che ha due sole suonate, una in maggiore per esaltare i meriti de' suoi amici, una in minore per gemere su' demeriti degli avversari. Ci piace essere obbiettivi; ci piace ricordarci che tu, pubblico, non t'interessi che mediocremente ai nostri odî ed ai nostri amori; che vuoi anzitutto essere informato con esattezza; ci piace serbare, di fronte a' nostri amici migliori, la nostra libertà di giudizio, ed anche, se vuolsi, quel diritto di frondismo ch'è il sale del giornalismo.

Sentiamo dire ancora: Badate, voi dividete il partito. – Davvero? ma era forse diviso il partito quando esisteva a Milano un altro giornale della sera ad un soldo? Crediamo invece che non fu mai tanto forte quanto allora. È diviso il partito radicale perché ha due organi pomeridiani invece d'uno? Ci pare piuttosto che sia, o si creda, più vigoroso oggi che sei mesi fa. Noi non nasciamo per far guerra ai giornali del nostro stesso colore politico; non è ai loro lettori che diamo la caccia. È nel campo degli avversari comuni che confidiamo raggranellarli. E che! dovrebbe durare a Milano la voga di giornali che ogni giorno scoprono una nuova infamia del Governo, che riempiono le loro colonne con un'interminabile enumerazione di delitti a carico di quanti primeggiano nella cosa pubblica, giornali che descrivono l'Italia come la preda di un oscena banda di malfattori? Ma s'essi avessero ragione, se la classe dominante fosse davvero quella che dicono, l'Italia che la tollera sarebbe la più corrotta e la più vigliacca delle nazioni. No, no, la classica terra del buon senso, la patria di Parini e di Manzoni, non può compiacersi a lungo di tali esagerazioni e stravaganze. Sono i lettori di quelle corbellerie che noi vogliamo conquistare, contro di loro si debbono rivolgere le forze riunite del Corriere e de' giornali che militano sotto le stesse bandiere. A' giornali dello scandalo e della calunnia sostituiamo i giornali della discussione pacata ed arguta, della verità fedelmente esposta, degli studi geniali, delle grazie decenti, rialziamo i cuori e le menti, non ci accasciamo in un inerte sonnolenza, manteniamoci svegli col pungolo dell'emulazione, e non ne dubitiamo, il Corriere della Sera potrà farsi posto senza che dalla sua nascita abbiano a dolersi altri che gli avversari comuni".

L'anno elettorale 1876[modifica | modifica sorgente]

Il 18 marzo 1876, tredici giorni dopo l'uscita del primo numero, cade il governo e si profila un possibile gabinetto di Sinistra. Il Corriere, fedele alle dichiarazioni programmatiche delineate da Torelli Viollier, si trova ad avere un ruolo di mediazione, rappresentando la parte nuova del vecchio che sta perdendo. La caduta del ministero Minghetti era, incredibilmente, attesa ed auspicata anche da buona parte della Destra, che la vede come la sconfitta delle consorterie ed un'occasione di rinnovamento, anche dal punto di vista di un ricambio generazionale. Una sorta di "attendismo", una "neutralità armata" che nasce dalla necessità di un cambiamento e dalla consapevolezza che quella Destra non sarebbe stata in grado di mettersi in discussione. Posizione condivisa da gran parte, quella più illuminata, dei "maggiorenti" lombardi. Anche gli operatori economici lombardi guardano all'avvento della Sinistra senza patemi d'animo e con guardinga accondiscendenza, tant'è che la Borsa di Milano non subisce scossoni o crolli nei giorni di fine marzo.

A partire dalle elezioni del novembre 1876, il Corriere inaugura una pratica che diventerà tradizione. Grazie alla completa indipendenza economica, alla non adesione ai finanziamenti del "fondo dei rettili" (ancora nell'agosto del '76 il prefetto Bardesono propone a Torelli Viollier di "far ruotare" la testata in area ministeriale ed accedere al fondo) ed alla libertà intellettuale che Torelli Viollier difende con i denti, il giornale pubblica una lista di candidati che sono "consigliati" ai lettori, senza tener conto della provenienza politica, molto spesso inserendo "ministeriali" (come, prima delle elezioni del novembre 1876, Cesare Correnti e Bettino Ricasoli, uomini che avevano lavorato per la caduta della Destra).

La "lista" rappresenta il tentativo politico di "controbilanciare" l'eventuale eccessiva spinta innovatrice del futuro gabinetto. Quasi tutti i giornali pubblicavano una sorta di lista, ma la novità introdotta dal Corriere è proprio la non adesione incondizionata ad uno schieramento, e non è cosa da poco. Altra innovazione destinata a divenire tradizione è "l'esposizione" dei risultati: appena finito lo spoglio delle schede, Torelli Viollier espone un grande cartello fuori dalla finestra della redazione con i risultati, anticipando di tre ore buone gli altri giornali. Lo stesso sistema viene usato all'arrivo di notizie particolarmente importanti.

Si potrebbe obiettare che il metodo del cartellone fa perdere copie al giornale (in costante crisi finanziaria), in quanto se un cittadino legge la notizia o i risultati elettorali sul cartellone non comprerà il Corriere, ma in questa usanza c'è tutto Torelli Viollier, la sua idea di giornalismo fatta di parole d'ordine come "informare prima di tutto".

Nel 1877 compone il romanzo Ettore Carafa, dedicato al patriota meridionale giustiziato dai Borboni nel 1799. Lo stile di Torelli Viollier è ispirato a quello di Émile Zola. Il romanzo viene tradotto in francese nello stesso anno.

Gli ultimi anni[modifica | modifica sorgente]

Negli anni novanta Torelli Viollier introdusse un'innovazione nella Prima pagina del Corriere. Abolì l'appendice (la parte bassa della pagina), che fu sostituita da una lunga recensione teatrale (o comunque un pezzo di argomento intellettualmente elevato) in quinta colonna, con continuazione nella prima colonna della seconda pagina. Nacque così l'«articolo di risvolto».

Inizia a cercare un successore, qualcuno che lo possa sostituire. Il 1º settembre 1891 chiama Alfredo Comandini (direttore de La Lombardia dal 1883) ad affiancarlo alla guida del giornale come direttore politico. Torelli Viollier rimane gerente responsabile. Ma l'anno successivo Comandini viene eletto al Parlamento e lascia l'attività giornalistica a tempo pieno. Nel 1895 è la volta di Andrea Cantalupi. Nel maggio 1896 gli succede Luca Beltrami. Insoddisfatto, nel giugno del 1898 Torelli Viollier lascia definitivamente la gerenza del Corriere nelle mani di Domenico Oliva, e nomina l'anconetano Luigi Albertini direttore amministrativo della testata. Torelli Viollier lascia un giornale in salute: la tiratura media è prossima alle centomila copie[10].

Nei due anni che seguono la nomina, Albertini apporta sostanziali modifiche.
Introduce, tra i primi in Italia, le rotative cilindriche. Fonda il supplemento domenicale a colori La Domenica del Corriere, che tocca la tiratura di 1milione e mezzo di copie.
La linea editoriale impressa al giornale da Oliva, fortemente conservatrice, non è condivisa da Albertini, il quale, di conseguenza, per quasi due anni non si occupa di questioni politiche, ma continua a portare avanti la sua mansione.

Tra Albertini e Torelli Viollier si è, nel frattempo, instaurato un bel rapporto e il giornalista, appena trentenne, acquista nel gennaio del 1900 una piccola quota della proprietà: un sessantaquattresimo.

Torelli Viollier morirà di lì a poco, il 26 aprile del 1900.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Più di una volta Torelli porterà ad esempio negativo proprio l'amministrazione borbonica e, fino al 1894, sosterrà una sorta di strisciante antimeridionalismo, non esente da pregiudizio.
  2. ^ Torelli verrà duramente criticato da Felice Cavallotti che accenderà nei suoi confronti un'aspra polemica.
  3. ^ La testata, patrocinata dal ministro dell'Interno, Liborio Romano, era nata l'11 ottobre 1860 a Palermo; poi, in seguito alla caduta del Regno borbonico, si era trasferita nella città partenopea.
  4. ^ All'epoca Il Secolo era il più venduto quotidiano italiano.
  5. ^ All'incirca 250mila euro del 2006
  6. ^ All'epoca era quasi una consuetudine; alcuni anni dopo, con Crispi, divenne una vera e propria voce di bilancio per cui sarà istituito un fondo ad hoc denominato ufficiosamente fondo dei rettili
  7. ^ La redazione resterà allocata in questa sede fino al 30 settembre 1880, poi si sposterà in via San Pietro all'orto.
  8. ^ Nel 1880 si passerà dalla "Molinari e soci" del Reggiani alla "A. Gattinoni" in via Pasquirolo.
  9. ^ Nel secondo Ottocento i giornali si vendevano soprattutto per abbonamento, dato che i luoghi dove comprarli erano scarsi.
  10. ^ Quota che raggiunge l'anno seguente.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Direttore del Corriere della Sera Successore
/// dal 5 marzo 1876 al 31 maggio 1898 Domenico Oliva