Eugenio Corecco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Eugenio Corecco
vescovo della Chiesa cattolica
BishopCoA PioM.svg
In omnibus aequitas quae est Deus
Incarichi ricoperti Vescovo di Lugano
Nato 3 ottobre 1931 a Airolo
Consacrato vescovo 29 giugno 1986
Deceduto 1º marzo 1995 a Lugano

Eugenio Corecco (Airolo, 3 ottobre 1931Lugano, 1º marzo 1995) è stato un vescovo cattolico svizzero.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Pietro, originario di Bodio e di Margherita Beffa di Airolo, venne ordinato sacerdote il 2 ottobre 1955, studiò a Roma, presso la Pontificia Università Gregoriana, a Monaco di Baviera, dove conseguì il dottorato in diritto canonico, e a Friburgo, dove nel 1969 fu nominato professore di diritto canonico.

Nel 1982, nell'imminenza della pubblicazione del nuovo Codice di Diritto Canonico (CIC), espone le sue osservazioni critiche a Giovanni Paolo II, e il Pontefice lo chiama a Roma a far parte di una commissione, che lo affianca nell'esame del codice, prima della sua promulgazione. Nominato consultore della commissione per l'interpretazione del CIC, Eugenio Corecco tiene conferenze in tutto il mondo.

Attivo nella pastorale, dagli anni 1960-70 si impegnò per la diffusione in Svizzera del movimento ecclesiale di Comunione e Liberazione. Vescovo di Lugano dal 1986, il 29 aprile 1992 fondò a Lugano l'Istituto Accademico di Teologia che già l'anno successivo, precisamente il 20 novembre 1993, fu elevato dalla Santa Sede in facoltà universitaria di teologia - Facoltà di Teologia di Lugano (FTL), dando così lo spunto alla città di Lugano di costituire l'USI (Università della Svizzera Italiana), della quale però l'FTL non entrò a far parte, rimanendo un'istituzione del tutto autonoma.

Spentosi il 1º marzo 1995 a seguito di una rara forma tumorale, fu sepolto nella cripta della chiesa del Sacro Cuore a Lugano.

Il pensiero[modifica | modifica wikitesto]

Sulla Carità Evangelica[modifica | modifica wikitesto]

"Qualunque dovesse essere la natura e il settore dei suoi interventi in campo sociale, la Caritas è chiamata, con urgenza sempre più grande, ad esprimere nella società due valori specifici del cristianesimo, la cui rilevanza sociale non è misurabile con criteri puramente razionali. Il primo è la gratuità verso l’uomo in difficoltà, poiché è stata gratuita anche la redenzione offertaci da Cristo. Il secondo è quello dell’eccedenza, poiché eccedente è l’amore di Cristo verso di noi. La carità non ha come misura il bisogno dell’altro, ma la ricchezza dell’amore di Dio. È infatti limitante guardare all’uomo e valutarlo a partire dal suo bisogno, poiché l’uomo è di più del suo bisogno". (Eugenio Corecco in "Diocesi di Lugano e Carità: dalla storia uno sguardo al futuro", 1992, pag. 206)

Sul Diritto Canonico[modifica | modifica wikitesto]

"...tutte le leggi della Chiesa appaiano finalmente ed innanzitutto come espressione della fede del Popolo di Dio e non solo della ragione astrattamente intesa." (Eugenio Corecco, Pamplona 1976. In "Siate forti nella fede", AA.VV., p. 347ss.)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Eugenio Corecco in Dizionario storico della Svizzera.
  • Luciano Vaccaro, Giuseppe Chiesi, Fabrizio Panzera, Terre del Ticino. Diocesi di Lugano, Editrice La Scuola, Brescia 2003, p. 178, p. 179, p. 182, pp. 184–186, p. 188 nota, p. 192 nota, p. 193 nota, p. 343, p. 344, p. 369 nota, p. 399, p. 444, p. 459.
  • Eugenio Corecco un Vescovo e la sua Chiesa, vol.2, di Ernesto William Volonté ed. Cantagalli 2005.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vescovo di Lugano Successore BishopCoA PioM.svg
Ernesto Togni 5 giugno 1986 - 1º marzo 1995 Giuseppe Torti

Controllo di autorità VIAF: 54162873 LCCN: n82144588