Euclides da Cunha (scrittore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Euclides da Cunha

Euclides da Cunha (Cantagalo, 20 gennaio 1866Piedade, 15 agosto 1909) è stato uno scrittore brasiliano.

Da Cunha è conosciuto soprattutto per la sua opera Brasile ignoto (Os sertòes, del 1902), considerata una delle più profonde ed attente analisi della guerra civile brasiliana degli anni 1896 e 1897 (guerra di Canudos). Questo racconto descrive minuziosamente la spedizione contro la città di Canudos, roccaforte del ribelle Antônio Conselheiro, situata nelle terre desertiche (appunto sertões) dello Stato di Bahia.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Euclides Rodrigues Pimenta da Cunha nasce nel 20 gennaio 1866 a Cantagalo (Rio de Janeiro). Perde la madre ai tre anni di età e viene educato dalle zie. Egli frequenta importanti scuole di Rio de Janeiro e poi completa gli studi alla scuola militare (Escola Militar da Praia Vermelha) dove riceve una formazione positivista ed è influenzato dal professore repubblicano Benjamim Constant. Per questo motivo, non rimane molto tempo nella scuola: viene espulso e arrestato dopo una manifestazione di protesta contro la monarchia. In seguito a questo episodio, Euclides va a San Paolo, dove comincia a scrivere per un giornale ma, una volta proclamata la Repubblica, torna alla carriera militare. Si laurea in matematica e scienze fisiche e naturali e poi viene promosso a tenente. Nel 1895 Euclides da Cunha abbandona la carriera militare, passa a lavorare come ingegnere civile e comincia a dividere il suo tempo tra la nuova carriera e collaborazioni con il giornale "O Estado de São Paulo".

Quando comincia la guerra di Canudos, Euclides scrive due articoli, grazie ai quali viene inviato dal giornale “O Estado de São Paulo” a vedere e raccontare gli avvenimenti della fase finale del massacro. Infatti, egli lascia Canudos quattro giorni prima del vero finale della guerra, ma con il materiale raccolto lavora per cinque anni alla stesura di Brasile Ignoto (Os Sertões). Quest'opera gli valse grande riconoscimento nonché un posto nell'Accademia brasiliana di lettere (Academia Brasileira de Letras) e nell'Istituto storico e geografico brasiliano (Instituto Histórico e Geográfico Brasileiro). Il libro è diviso in tre parti: La Terra, L’Uomo e La Lotta. Attraverso queste categorizzazioni, l'autore analizza le caratteristiche geologiche, botaniche, zoologiche e idrografiche della regione, i costumi e la religiosità della popolazione, e principalmente i fatti accaduti durante le quattro spedizioni militari inviate dal governo brasiliano a reprimere il villaggio ribelle guidato da Antônio Conselheiro.

Nel 1904 Euclides viene nominato dal ministro degli affari esteri, Barão do Rio Branco, capo della "Comissão de Reconhecimento do Alto Purus" (Commissione di Riconoscimento dell'Alto Purus), una spedizione che aveva come scopo aiutare a stabilire i confini fra Brasile e Perù. Dopo essere tornato a Rio de Janeiro, egli scrive sull’ esperienza del viaggio ed elabora alcune mappe della regione.

Nel 1909 Euclides da Cunha è nominato professore del Collegio Pedro II grazie all'intervento degli amici, ma svolge ben poche lezioni perché pochi mesi dopo muore in seguito ad uno scambio di colpi di arma da fuoco dopo esser penetrato in casa dell'amante della moglie.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Caricatura

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


Controllo di autorità VIAF: 64034750 LCCN: n79086810