Ettore Giannini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ettore Giannini nel 1954

Ettore Giannini (Napoli, 15 dicembre 1912Massa Lubrense, 15 novembre 1990) è stato un regista e sceneggiatore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureatosi in giurisprudenza, Giannini inizia la propria carriera di sceneggiatore, scrivendo sceneggiati radiofonici fra il 1936 ed il 1938.[1] In seguito studia regia presso l'Accademia d’arte drammatica e nel 1936 dirige il suo primo cortometraggio La prua incatenata che vince il riconoscimento Littorali.[1]

Negli anni successivi, Ettore Giannini dirigerà altre tre pellicole: L'angelo bianco, Gli uomini sono nemici e Carosello napoletano. Quest'ultimo in particolar modo otterrà un grande successo di critica e farà vincere a Giannini il premio internazionale al Festival di Cannes 1954. Tuttavia la carriera di Giannini si concentrerà principalmente intorno alle sceneggiature. Fra i suoi lavori si possono citare Manovre d'amore , Processo alla città, Difendo il mio amore, La nonna Sabella, Per pochi dollari ancora e Colpo maestro al servizio di Sua Maestà britannica.

Giannini è stato anche regista teatrale ed attore nel film Europa '51 di Roberto Rossellini. È stato anche direttore del doppiaggio, infatti ha curato le edizioni italiane de Il padrino (1972) e Il padrino - Parte II (1974), entrambi diretti da Francis Ford Coppola.

Ha avuto dal comune di Napoli una lapide viaria nella zona di Barra. Inoltre è stato commemorato da Aldo De Gioia della Commissione Toponomastica.

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Ettore Giannini su MyMovies

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 29739305 LCCN: n99258474