Etnostoria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'etnostoria è una scienza etnoantropologica che studia le culture e la loro evoluzione in base ad una matrice complessa: nella ricerca è necessario affidarsi a diverse fonti, non solo a quelle canoniche, solitamente in forma scritta, ma anche alle tradizioni orali e da altre informazioni.

Va precisato che l'etnostoria non è uno strumento di studio dei popoli passati, fine a se stesso; l'etnostoria è lo studio analitico del presente, e della sua fenomenologia, fondato sulla retrospezione e, per questo, legata alle manifestazioni plurime della cultura popolare. Essa contribuisce alla focalizzazione dell'ontologia di un popolo, purché questa sia connessa alla realtà.

Questo consente all'etnostoria di proporsi come etnografia ed antropologia interpretativa con particolare attenzione ad eventi e fenomeni locali e territoriali.

Fondatore di una scienza etnostorica in Italia, in nuce all'Antropologia culturale e alla Storia delle tradizioni popolari, è il professore emerito dell'Università di Palermo, Aurelio Rigoli, fondatore del Centro Internazionale di Etnostoria di Palermo, ora costituito (dal luglio 2013) come Fondazione riconosciuta a norma di legge a tutti i livelli dello Stato Italiano.

Istituti culturali[modifica | modifica sorgente]