Etmopteridae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Etmopteridae
Centroscyllium fab.JPG
Centroscyllium fabricii
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Superclasse Gnathostomata
Classe Chondrichthyes
Sottoclasse Elasmobranchii
Ordine Squaliformes
Famiglia Etmopteridae
Fowler, 1934
Generi

Gli Etmopteridae Fowler, 1934 sono una famiglia di piccoli squali dell'ordine Squaliformes. Alcune classificazioni li considerano una sottofamiglia della famiglia Dalatiidae, sotto il nome di Etmopterinae.

Areale[modifica | modifica wikitesto]

Vivono in alcune parti dell'Oceano Atlantico, dell'Oceano Pacifico e dell'Oceano Indiano, principalmente al di sopra della zona bathiale, più raramente al di sopra della piattaforma continentale o nel medio oceano. Preferiscono i mari tropicali e quelli temperati, anche se se ne trovano nell'Atlantico settentrionale fino all'Islanda[1].

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

La maggior parte delle specie non supera lunghezze di 90 cm. Sono dotati di due pinne dorsali, entrambe dotate di spine. La pinna caudale è segnata da una tacca. Quasi tutti sono dotati di organi per la bioluminescenza[1].

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

La famiglia è divisa in 5 generi e 44 specie[2]:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Nelson, J.S. 2006 Fishes of the world. 4th ed. John Wiley & Sons, Inc. Hoboken, New Jersey, USA. 601 p.
  2. ^ Etmopteridae su FishBase. URL consultato il 20-04-2009.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci