Etere diisopropilico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Etere diisopropilico
formula di struttura
Nomi alternativi
etere isopropilico
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare [(CH3)2CH]2O
Massa molecolare (u) 102,18 g/mol
Aspetto liquido incolore
Numero CAS [108-20-3]
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.) 0,72 (20 °C)
Solubilità in acqua 12 g/l (20 °C)
Temperatura di fusione −86 °C (187 K)
Temperatura di ebollizione 67 °C (340 K) (1013 hPa)
Indicazioni di sicurezza
Flash point −28 °C (245 K) (c.c.)
Limiti di esplosione 1,0 - 21 Vol%
Temperatura di autoignizione 405 °C (678 K)
Simboli di rischio chimico
facilmente infiammabile tossicità acuta

pericolo

Frasi H 225 - 336 - EUH019 - EUH066
Consigli P 210 - 241 - 261 - 303+361+353 - 405 - 501 [1][2]

L'etere diisopropilico (o etere isopropilico) è un composto chimico appartenente alla classe degli eteri.

A temperatura ambiente si presenta come un liquido incolore dall'odore di etere (etere dietilico). È un composto molto infiammabile.

Può essere utilizzato come solvente per l'estrazione di acido lattico in seguito alla sua produzione per via biotecnologica.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ scheda della sostanza su IFA-GESTIS
  2. ^ Smaltire in accordo alle leggi vigenti.
chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia