Eta Corvi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Eta Corvi
In un'immagine artistica, l'intenso bombardamento di comete che potrebbe subire un corpo nello spazio circostante Eta Corvi.In un'immagine artistica, l'intenso bombardamento di comete che potrebbe subire un corpo nello spazio circostante Eta Corvi.
Classificazione Stella bianco-gialla di
sequenza principale
Classe spettrale F2 V
Distanza dal Sole 59,4 ± 0,7 anni luce
Costellazione Corvo
Coordinate
(all'epoca J2000)
Ascensione retta 12h 32m 04.227
Declinazione −16° 11′ 45.627″
Dati fisici
Raggio medio 1,6 R
Massa
1,43 M
Temperatura
superficiale
6700 K [1] (media)
Luminosità
4,9 L
Età stimata 1.1 - 1.7 miliardi di anni [1]
Dati osservativi
Magnitudine app.
+4,31 (media)
Magnitudine ass. +2,99 [1]
Parallasse 54.70
Moto proprio Ar: -425.17 mas/anno
Dec: -57.23mas/anno
Velocità radiale -3,5 km/s
Nomenclature alternative
8 Corvi, 8 Crv, BD−15°3489, GC 17087, GJ 471.2, GJ 9411 HR 4755, HD 109085, HIP 61174, SAO 157345.

Eta Corvi (Eta Crv, η Corvi, η Crv) è una stella bianco-gialla di classe F situata nella costellazione del Corvo, di magnitudine apparente +4,31. Si trova a 59 anni luce dal sistema solare. La stella è circondata da due dischi circumstellari; uno caldo più interno a circa 3,5 UA di distanza dalla stella, l'altro più esterno e freddo ad una distanza di 150 UA[2][3].

Caratteristiche fisiche[modifica | modifica sorgente]

Nonostante inizialmente fosse stata catalogata come gigante o subgigante, è stato confermato che Eta Corvi è una stella di classe F di sequenza principale, un poco più massiccia del Sole (1,4 volte) e 5 volte più luminosa[1] Osservazioni con il satellite IRAS hanno mostrato un eccesso nell'infrarosso; osservazioni nella banda tra il vicino infrarosso e le microonde hanno permesso di stabilire la presenza di un disco circumstellare ad una distanza di circa 150 U.A. che si estende fino a 180 UA dalla stella. La massa del disco di polveri è del 60% di quella della Luna ed ha una temperatura stimata in 80 K[4]. Recenti osservazioni mostrano che la zona interna al disco di polveri è piuttosto sgombra di materiale, il che suggerisce che questo sia dovuto alla presenza di un sistema planetario[2].

Osservazioni del 2010 e 2011 paiono confermare l'esistenza anche di un altro disco di polveri, più interno, con una temperatura di 360 K e che mostra evidenza di elementi come acqua e carbonio e che dista dalla stella non più di 3,5 UA, nella zona abitabile di una stella con la luminosità di Eta Corvi[3].

È stato stimato che, per l'effetto Poynting-Robertson, il disco di polveri esterno in 20 milioni d'anni si dissolverebbe, e visto che la stella pare avere oltre un miliardo di anni, si pensa che il disco esterno sia continuamente rifornito di materiale tramite numerose collisioni di planetesimi in orbita a circa 150 UA dalla stella.

L'origine del disco interno non è chiara, potrebbe aver avuto origine da planetesimi che si sono spostati recentemente più all'interno del sistema, un po' come avvenuto nel sistema solare con l'intenso bombardamento tardivo che ebbe luogo circa 4 miliardi di anni fa[5].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d Holmberg, J.; et al., "HD 109085, Centre de données astronomiques de Strasbourg, 2007.
  2. ^ a b M. C. Wyatt, et al., Submillimeter Images of a Dusty Kuiper Belt around η Corvi in The Astrophysical Journal, vol. 620, nº 1, 2005, pp. 492–500, DOI:10.1086/426929.
  3. ^ a b R. Smith et al., The nature of mid-infrared excesses from hot dust around Sun-like stars in Astronomy and Astrophysics, vol. 485, nº 3, 2008, p. 897.arΧiv:0804.4580
  4. ^ I. Sheret et al., Submillimetre observations and modelling of Vega-type stars in Monthly Notices of the Royal Astronomical Society, vol. 348, nº 4, 2004, pp. 1282–1294, DOI:10.1111/j.1365-2966.2004.07448.x.
  5. ^ M. C. Wyatt, et al., Transience of Hot Dust around Sun‐like Stars in The Astrophysical Journal, vol. 658, 2007, p. 569, DOI:10.1086/510999.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Stelle Portale Stelle: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di stelle e costellazioni