Esus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Esus raffigurato sulla Stele dei Naviganti di Parigi
(LA)
« Et quibus inmitis placatur sanguine diro
Teutates horrensque feris altaribus Esus
et Taranis Schythicae non mitior ara Dianae »
(IT)
« Spietatamente viene placato con sangue
Toutatis, l'orrendo Esus dai crudeli altari,
e l'ara di Taranis non più mite di quella di Diana scitica »
(Marco Anneo Lucano, Pharsalia, 444-446)

Esus o Hesus era una delle divinità maggiori della mitologia celtica, che formava con Toutatis e Taranis la triade divina gallica. È nota principalmente per due statue colossali e per una citazione nella Pharsalia di Lucano. Alcuni lo assimilano al dio della guerra latino Marte, altri invece a Mercurio. Venivano effettuati in suo onore dei sacrifici umani: la vittima veniva appesa a un albero a morire dissanguato. Le due raffigurazioni che lo ritraggono sono la Stele dei Naviganti di Parigi e la Stele di Treviri; in entrambe è rappresentato con l'aspetto di un taglialegna nell'atto di abbattere un albero.

Marcello Empirico, scrittore di origine gallica e autore di un trattato medico intitolato De medicamentis considerato un'importante fonte di parole celtiche, incluse nella propria opera un incantesimo medico-magico per curare malattie della gola che è stato interpretato come una frase in lingua gallica, con la quale si invoca l'aiuto di Aisus, forse una forma alternativa del nome Esus.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ De medicamentis 15.106, p. 121 ell'edizione di Niedermann; Gustav Must, "A Gaulish Incantation in Marcellus of Bordeaux", Language 36 (1960) 193–197; Pierre-Yves Lambert, "Les formules de Marcellus de Bordeaux", in La langue gauloise (Éditions Errance 2003), p.179, in cui si cita Léon Fleuriot, "Sur quelques textes gaulois", Études celtiques 14 (1974) 57–66.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]