Estrazione mineraria dell'uranio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Principali paesi estrattori di uranio

Per Estrazione mineraria dell'uranio si intendono tutti quei processi che permettono di ricavare il minerale uranifero dalla crosta terrestre. L'uranio è presente in grandi quantità sulla crosta terrestre, però in concentrazioni molto basse data la vasta distribuzione di questa risorsa; per questa ragione questo tipo di estrazione mineraria è caratterizzato da un elevato volume di materiale roccioso estratto, questo rende molto diffusa la scelta di sfruttamento minerario di tipo a cielo aperto, che ha contribuito nel 2009 per il 57%[1] alla produzione totale di uranio mondiale. Questa estrazione è al momento intrapresa da un ristretto numero di nazioni ed aziende minerarie, a causa dello scarso numero di miniere con rocce ad alto grado di concentrazione di uranio o della tecnologia necessaria richiesta.

La produzione mondiale di uranio nel 2009 è stata di 50.572t, di cui il 27% è stato prodotto in Kazakistan, che assieme a Canada ed Australia detengono oltre il 60% del mercato mondiale. Altri importanti produttori sono Namibia, Russia, Niger, Uzbekistan, USA.[1]

Il principale utilizzo dell'uranio è come combustibile nei reattori nucleari. Le risorse conosciute al 2009 ad un costo estrattivo inferiore ai 260$/kg risultano ammontare ad oltre 6.3 milioni t (contro i 5.5 del 2007), cioè in grado di soddisfare la domanda mondiale di oltre un secolo ai consumi attuali.[2] Tuttavia, queste stime potrebbero essere un po' ottimistiche, perché non includono alcuni costi di sviluppo, come i costi non recuperabili per l'acquisto di terreni e di esplorazione, le imposte sul reddito, il profitto e il costo del denaro. Le risorse uranifere non scoperte, cioè giacimenti che ci si può aspettare di trovare sulla base delle caratteristiche geologiche delle risorse già scoperte, ammontano a circa 10.4 milioni di tonnellate, in lieve flessione rispetto al precedente stima, soprattutto a causa del cambiamento di categorizzazione di molte risorse kazake.

Dopo l'estrazione dei frammenti di roccia contenenti i minerali di uranio, questi sono normalmente trattati meccanicamente tramite macinazione per uniformare la dimensione delle particelle e quindi trattare il minerale tramite lisciviazione per estrarvi l'ossido metallico. Da questo processo si ricava quindi il materiale sotto forma di ossido U3O8, comunemente chiamato yellowcake, che è la forma in cui l'uranio è venduto sul mercato.

Storia dell'estrazione[modifica | modifica sorgente]

Moderno vetro colorato con uranio

I minerali di uranio erano stati scoperti da lungo tempo dai minatori, ben prima della scoperta ufficiale del metallo nel 1789, sono stati infatti scoperti vetri di epoca romana colorati con ossido di uranio, che conferisce una caratteristica sfumatura verdognola. La pechblenda è un minerale di uranio, noto anche come uraninite, è documentata la sua presenza ed estrazione dai Monti Metalliferi, in Sassonia, già nel 1565. Altre documentazioni sulla sua presenza sono datati 1727 in Joachimsthal e 1763 in Schwarzwald.[3]

Nel XIX secolo il minerale di uranio è stato recuperato come sottoprodotto di altre lavorazioni minerarie in Sassonia, Boemia e Cornovaglia. La prima estrazione specifica per l'estrazione di minerali radioattivi si svolse a Jáchymov, nota anche con il nome tedesco di Joachimsthal, con cui i coniugi Pierre e Marie Curie riuscirono ad isolare il radio, uno dei prodotti di decadimento dell'uranio. Fino alla seconda guerra mondiale l'estrazione del minerale veniva compiuta quasi esclusivamente per l'estrazione del radio, che veniva ad esempio utilizzato come vernice per i quadranti di orologi ed altre strumentazioni per la sua luminescenza, oltre che per svariate applicazioni in campo sanitario, alcune delle quali, a posteriori, sarebbero risultate con effetti nocivi alla salute. L'uranio risultante veniva invece utilizzato come pigmento giallo.

Negli Stati Uniti il primo minerale uranifero fu scoperto nel 1871 in una miniera d'oro nel Colorado presso Central City; dal 1871 al 1895 furono prodotte circa 50 t di minerale. Prima della seconda guerra mondiale il minerale statunitense proveniva dalle miniere di vanadio del Colorado Plateau di Utah e Colorado.

In Cornovaglia, nella miniera di Sud Terras nei pressi di Saltash aprì nel 1873, produsse fino al 1900 circa 175 t. Altre miniere di quel periodo sono quelle di Autunois nel Massiccio Centrale francese, Oberpfalz in Baviera e Billingen in Svezia.

Il deposito di Shinkolobwe nel Katanga, ex Congo belga ora Repubblica Democratica del Congo fu scoperto nel 1913 e sfruttato dalla Union Minière du Haut Katanga. Altri importanti depositi trovati nelle prime fasi dell'esplorazione furono Port Radium vicino il Grande Lago degli Orsi in Canada scoperto nel 1931; uno nella Provincia di Beira in Portogallo; Tyuya Muyun in Uzbekistan e Radium Hill in Australia.

A causa della richiesta di uranio per la creazione della bomba nucleare durante la seconda guerra mondiale per il Progetto Manhattan furono usate molteplici fonti di approvvigionamento. In un primo momento fu valutata l'importazione dal Congo belga, ma in seguito furono sfruttate le miniere di vanadio nell'america sud-occidentale. L'acquisto fu fatto anche tramite la canadese Eldorado Mining and Refining Limited, infatti questa compagnia aveva grandi quantità di uranio come rifiuto derivante dalla raffinazione del radio. Le miniere americane del Colorado erano di ossidi misti di uranio e vanadio, ma a causa del segreto di guerra, il Progetto Manhattan pubblicizzò unicamente l'acquisto del secondo, e non pagò i minatori per l'estrazione di uranio. In una causa legale molto successiva, i minatori riuscirono ad ottenere le compensazioni per le perdite di profitti. Benché i minerali statunitensi avessero un grado di concentrazione più basso di quello del Congo belga, questa via era preferita per avere una sicurezza di approvvigionamento in tempo di guerra.

Nello stesso anno l'Unione sovietica ebbe gli stessi problemi di approvvigionamento, a causa di una mancanza di stock di minerale precostituito.

Una esplorazione intensiva dei depositi di uranio iniziò alla fine della seconda guerra mondiale. Ci sono state 4 grandi fasi esplorative delle risorse uranifere mondiali: queste sono state dal 1956 al 1960, dal 1967 al 1971[senza fonte], dal 1976 al 1982 e l'ultima è in corso dal 2005.[4].

Durante il XX secolo gli Stati Uniti sono stati il secondo più grande produttore di uranio, con il Grants Uranium District come più grande zona produttrice americana, mentre la Gas Hills Uranium District come secondo produttore. Il primo produttore di uranio storico è stato il Canada.

Tipologie di miniere uranifere[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Tipologie di miniere uranifere.

Nel corso del tempo sono stati scoperti e sfruttati molti differenti tipi di miniere uranifere. Esistono principalmente tre tipi di giacimenti di uranio compresi i depositi di tipo discontinuità, vale a dire i depositi paleoplacer e arenaria di tipo conosciuto anche come depositi di tipo rullo anteriore.

Rocce sedimentarie[modifica | modifica sorgente]

Una miniera da rocce sedimentarie, presso Moab (Utah)

Questo tipo di deposito uranifero è più facile da lavorare rispetto alle altre tipologie a causa della vicinanza alla superficie del minerale. Questi depositi si formano quando le acque sotterranee ricche di ossidi di uranio scorrono nella falda e depositano quindi un precipitato di uraninite, che è il principale minerale uranifero. Le tipologie di rocce sedimentarie includono quelle in arenaria (ad esempio quelli in Canada e negli Stati Uniti occidentali),[5] non conformi precambriani (in Canada),[5] fosfati,[5] e conglomerati ciottolosi di quarzi precambriani, collapse breccia pipes[non chiaro] (Arizona Breccia Pipe Uranium Mineralization) e caliche.

I giacimenti di uranio arenaria sono generalmente di due tipi. Depositi di tipo Roll-front situati luogo al confine tra la parte profonda ed ossidata di un corpo in arenaria e la parte più profonda dove è situata la parte riducente. I giacimenti di uranio Peneconcordant, chiamati anche depositi Colorado Plateau si verificano spesso nelle zone di arenaria, alcune volte nella parte ossidata, altre nella parte ridotta, in associazione con carbonizzato legno nella pietra arenaria.

I giacimenti conglomerati ciottolosi di quarzi precambriani si verificano solo nelle rocce più vecchie di due miliardi di anni, questi contengono anche pirite. Questi depositi sono stati estratti nelle Blind River-Lago Elliot in Ontario e nella zona aurifera di Witwatersrand in Sudafrica.

Depositi ignei ed idrotermali[modifica | modifica sorgente]

Questo tipo di depositi include le rocce con vene minerarie. Questi depositi includono la sienite, presente ad esempio a Ilimaussaq in Groenlandia; i depositi di uranio a diffusione di Rossing in Namibia e presenti anche nello stato di Washington ed in Alaska; e quelli a cuscinetto di pegmatite[5]

Esplorazione mineraria[modifica | modifica sorgente]

Produzione mondiale di uranio[6]

L'esplorazione mineraria per l'uranio è similare ad altre esplorazioni mineraria, eccezion fatta per l'uso specifico di strumenti per rilevare la presenza di isotopi radioattivi. Il contatore Geiger è stato l'originale rilevatore di radiazioni, registrando i conteggi totali di radiazioni per tutte le energie. Le camere di ionizzazione e contatori Geiger sono stati adattati per l'uso sul campo nel 1930, il primo contatore trasportabile Geiger-Müller (da 25 kg) è stato costruito presso la University of British Columbia nel 1932, sostituito dopo pochi anni da modelli più trasportabili. Questo strumento è stato il principale strumento utilizzato per la prospezione dell'uranio per molti anni, fino a quando i sono stati sostituiti dal contatore a scintillazione.

L'uso di rilevatori in volo per la prospezione mineraria dei minerali radioattivi fu proposta per la prima volta del geofisico G.C. Ridland nel 1943. Nel 1947 fu eseguita la prima registrazione di prova in volo di un rilevatore di radiazioni (camere di ionizzazione e contatore Geiger) fu introdotta da Eldorado Mining and Refining Limited, una compagnia canadese in seguito acquisita dalla Cameco Corporation. Il primo brevetto per un sistema portatile di raggi gamma spettrometro è stata presentata dai professori Pringle, Roulston & Brownell della Università di Manitoba nel 1949, lo stesso anno in cui hanno testato il primo contatore portatile a scintillazione a terra e in aria nel nord del Saskatchewan. La prima spettrometria aerea di raggi gamma è ora utilizzata come principale tecnica per la prospezione dell'uranio e la mappatura geologica a livello globale. Un deposito di uranio, scoperto da tecniche geofisiche, viene poi valutato e campionato per determinarne la quantità di materiali di uranio estraibili a costi definiti dal deposito. Per riserve di uranio si intende la quantità di minerale che si stima essere presente e recuperabile a costi iniziali dichiarati, ossia economicamente renumerativo.

Le tecniche estrattive[modifica | modifica sorgente]

Come per tutte le varie estrazioni minerarie, sono stati studiati differenti metodi estrattivi che permettono di massimizzare le rese nei vari tipi di conformazioni geomorfologiche esistenti.

Nel 2011 sono state estratte 53.494t di uranio, suddivise per tecniche estrattive come[1]:

Metodo estrattivo Totale estratto %
Miniera sotterranea 16.059 30%
Miniera convenzionale 9.268 17%
In Situ Leach (ISL) 24.180 45%
Sottoprodotto 3.987[7] 7%

Estrazione da miniera a cielo aperto[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi miniera a cielo aperto.
La miniera a cielo aperto di Rössing, Namibia

Nelle miniere a cielo aperto tutto il materiale viene interamente rimosso dal sito tramite perforazione o brillamento per esporre il minerale all'aperto, che viene poi estratto e trasportato da caricatori e trasportato via dal sito, solitamente tramite autocarri con cassone ribaltabile. I lavoratori passano molto tempo chiusi in baracche limitando così l'esposizione alle radiazioni. L'acqua è ampiamente utilizzato per abbattere i livelli di polveri in sospensione.

Estrazione da miniera sotterranea[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi miniera sotterranea.

Estrazione tramite liscivazione Heap[modifica | modifica sorgente]

Estrazione tramite liscivazione in sito (ISL)[modifica | modifica sorgente]

Estrazione come sottoprodotto minerario[modifica | modifica sorgente]

Un'altra via estrattiva è quella di utilizzare gli scarti di lavorazione di altre miniere. Infatti da questi scarti è possibile ricavare, se la concentrazione aumenta fino a livelli economicamente convenienti, risorse uranifere a prezzi concorrenziali rispetto all'uranio da miniere dedicate. Le principali risorse ad oggi conosciute sono dai fosfati, ma sono allo studio produzioni dalle ceneri delle centrali a carbone e dalle terre rare.

Fosfati[modifica | modifica sorgente]

Carbone[modifica | modifica sorgente]

Le ceneri derivanti dalla combustione del carbone contengono, a seconda del giacimento, concentrazioni più o meno alte di torio o uranio.

Un progetto pilota per estrarre l'uranio è in corso in Cina nella centrale a carbone di Lingang, nella provincia cinese dello Yunnan (Sud del Paese) utilizzando le ceneri dell'impianto, che hanno una concentrazione di circa 300 parti per milione: un ordine di grandezza paragonabile alle 1000 parti per milione, la soglia attualmente stabilita per procedere all'estrazione dell'uranio. Il processo è attualmente economicamente conveniente, visti i costi produttivi ed il prezzo di mercato dell'uranio. Soprattutto la Cina spinge su questo fronte (in correlazione a tutti gli altri progetti di sottoprodotti minerari), essendo un paese povero di miniere uranifere propriamente dette ma ad esempio con immensi giacimenti di carbone. Per isolare l'uranio dalle altre sostanze presenti nelle ceneri, la tecnica elaborata consiste nell'aggiungere acqua, acido solforico e acido cloridrico (in alcuni casi anche acido nitrico), in modo da formare una miscela semisolida. Gli acidi sciolgono l'uranio, che si può così filtrare prima con un setaccio per scartare i composti organici e poi con una speciale resina. Infine si separa l'uranio dalla resina con una soluzione di carbonato d'ammonio.[8]

Terre rare[modifica | modifica sorgente]

Le terre rare sono un gruppo di 17 elementi, piuttosto rari in natura ma cruciali per le nuove tecnologie. Il 95% della produzione mondiale viene dalla Cina, e da ciò sono in corso di sviluppo nuovi progetti per rendere economiche miniere attualmente non sfruttabili. Ad esempio le francesi AREVA e Rhodia hanno firmato un protocollo di intesa per lo sfruttamento di giacimenti attualmente non economici, così da combinare l'estrazione dell'uranio e quella delle terre rare per diminuire i costi operativi.[9]

Altre fonti[modifica | modifica sorgente]

La compagnia mineraria finlandese Talvivaara Mining sta provvedendo a valutare se economicamente sfruttabile l'estrazione di uranio dagli scarti della sua miniera di zinco (il cui minerale non è considerabile minerale uranifero essendo a concentrazioni di 15-20ppm) ed a richiedere le autorizzazioni al ministero del lavoro e dell'economia per iniziare i lavori preventivi per l'estrazione, le previsioni di produzione sono di 350tU all'anno, quindi coprirebbero circa un terzo del fabbisogno annuale finlandese. Le previsioni di spesa per la modifica dal processo estrattivo attuale, per iniziare a produrre anche uranio, sono valutate in 30 milioni di [10][11].

Estrazione dall'acqua marina[modifica | modifica sorgente]

Rischi per la salute per l'estrazione mineraria[modifica | modifica sorgente]

Risorse uranifere mondiali[modifica | modifica sorgente]

Risorse di uranio nel mondo certe ed ipotizzate ad un prezzo <130$/kg per Stato

Categorizzazione delle varie risorse[modifica | modifica sorgente]

le risorse uranifere mondiali ammonterebbero ancora per più di 100 anni

Mercato dell'uranio[modifica | modifica sorgente]

Andamento del prezzo dell'uranio da NUEXCO Exchange Value Monthly Spot (US$/lb U3O8).

Aspetti politici dell'estrazione[modifica | modifica sorgente]

Dismissione delle opere minerarie[modifica | modifica sorgente]

Quadro della situazione nelle singole nazioni[modifica | modifica sorgente]

Produzione storica totale di uranio mondiale al 2010

I dati della tabella provengono dalle seguenti fonti:

Ove non presente altra dicitura, tutti i dati sono dal Red Book 2011
Sono comprese nella tabella anche nazioni senza produzione attuale, storica o riserve accertate di uranio, ma con programmi nucleari attivi o programmati
Africa
Nazione Produzione storica
(al 2005)
2006 2007 2008 2009 2010 2011[1] Risorse a <260 $/kg
Red Book 2011
Note
Algeria Algeria 0 0 0 0 0 0 0 19.500
Botswana Botswana 0 0 0 0 0 0 0 82.200
RD del Congo Rep. Dem. del Congo 25.600 0 0 0 0 0 0 2.700
Egitto Egitto 0 0 0 0 0 0 0 1.900
Gabon Gabon 25.403 0 0 0 0 0 0 5.800
Madagascar Madagascar 785 0 0 0 0 0 0 0
Malawi Malawi 0 0 0 0 90 681 846 17.000
Marocco Marocco 0 0 0 0 0 0 0 0 [12]
Namibia Namibia 84.980 3.076 2.832 4.400 4.626 4.503 3.258 518.100
Niger Niger 100.644 3.443 3.193 3.032 3.245 4.197 4.351 445.500
Rep. Centrafricana Repubblica Centrafricana 0 0 0 0 0 0 0 12.000
Somalia Somalia 0 0 0 0 0 0 0 7.600
Sudafrica Sudafrica 154.673 534 540 565 563 582 582 372.100
Tanzania Tanzania 0 0 0 0 0 0 0 45.700
Zambia Zambia 84 0 0 0 0 0 0 15.600
Zimbabwe Zimbabwe 0 0 0 0 0 0 0 1.400
America
Nazione Produzione storica
(al 2005)
2006 2007 2008 2009 2010 2011[1] Risorse a <260 $/kg
Red Book 2011
Note
Argentina Argentina 2.513 0 0 0 0 0 0 19.600
Brasile Brasile 2.009 200 300 330 347 148 265 276.700
Canada Canada 398.332 9.862 9.476 9.000 10.174 9.775 9.145 614.400
Cile Cile 0 0 0 0 0 0 0 1.900
Cuba Cuba 0 0 0 0 0 0 0 0
Groenlandia Groenlandia 0 0 0 0 0 0 0 134.700
Messico Messico 49 0 0 0 0 0 0 2.800
Perù Peru 0 0 0 0 0 0 0 2.600
Stati Uniti Stati Uniti d'America 358.596 1.805 1.747 1.492 1.494 1.630 1.537 472.100
Asia
Nazione Produzione storica
(al 2005)
2006 2007 2008 2009 2010 2011[1] Risorse a <260 $/kg
Red Book 2011
Note
Arabia Saudita Arabia Saudita 0 0 0 0 0 0 0 0
Armenia Armenia 0 0 0 0 0 0 0 0
Bangladesh Bangladesh 0 0 0 0 0 0 0 0
Cina Cina 29.169 750 710 770 1200 1350 885 166.100
Corea del Nord Corea del Nord 0 0 0 0 0 0 0 0
Corea del Sud Corea del Sud 0 0 0 0 0 0 0 0
Emirati Arabi Uniti Emirati Arabi Uniti 0 0 0 0 0 0 0 0
Filippine Filippine 0 0 0 0 0 0 0 0
Giappone Giappone 84 0 0 0 0 0 0 6.600
Giordania Giordania 0 0 0 0 0 0 0 33.800
India India 8.423 230 250 250 290 400 400 104.900
Indonesia Indonesia 0 0 0 0 0 0 0 10.600
Iran Iran 0 6 5 6 0 0 0 2.500
Israele Israele 0 0 0 0 0 0 0 0
Kazakistan Kazakistan 106.474 5.281 6.633 8.512 14.020 17.803 19.451 819.700 [13]
Malesia Malesia 0 0 0 0 0 0 0 0
Mongolia Mongolia 535 0 0 0 0 0 0 55.700
Pakistan Pakistan 1.039 40 40 40 50 45 45 0 [14]
Taiwan Taiwan 0 0 0 0 0 0 0 0
Thailandia Thailandia 0 0 0 0 0 0 0 0
Turchia Turchia 0 0 0 0 0 0 0 7.300
Uzbekistan Uzbekistan 28.069 2.260 2.270 2.340 2.657 2.874 2.500 96.200 [13]
Vietnam Vietnam 0 0 0 0 0 0 0 6.400
Europa
Nazione Produzione storica
(al 2005)
2006 2007 2008 2009 2010 2011[1] Risorse a <260 $/kg
Red Book 2011
Note
Austria Austria 0 0 0 0 0 0 0 0
Belgio Belgio 686 0 0 0 0 0 0 0
Bielorussia Bielorussia 0 0 0 0 0 0 0 0
Bulgaria Bulgaria 16.357 2 2 1 0 0 0 0
Finlandia Finlandia 30 0 0 0 0 0 0 1.100
Francia Francia 75.975 3 2 2 8 9 6 11.600
Germania Germania 219.411 65 41 0 0 8 52 7.000
Grecia Grecia 0 0 0 0 0 0 0 7.000
Italia Italia 0 0 0 0 0 0 0 6.100
Lituania Lituania 0 0 0 0 0 0 0 0
Paesi Bassi Paesi Bassi 0 0 0 0 0 0 0 0
Polonia Polonia 660 0 0 0 0 0 0 0
Portogallo Portogallo 3.717 0 0 0 0 0 0 7.000
Regno Unito Regno Unito 0 0 0 0 0 0 0 0
Rep. Ceca Repubblica Ceca 109.470 375 307 275 258 254 229 400
Romania Romania 18.169 90 80 80 80 80 77 6.700
Russia Russia 129.611 3.190 3.413 3.521 3.565 3.562 2.993 650.300 [13]
Slovacchia Slovacchia 0 0 0 0 0 0 0 9.000
Slovenia Slovenia 382 0 0 0 0 0 0 9.200
Spagna Spagna 5.028 0 0 0 0 0 0 14.000
Svezia Svezia 200 0 0 0 0 0 0 13.500
Svizzera Svizzera 0 0 0 0 0 0 0 0
Ucraina Ucraina 121.957 810 800 830 815 838 890 224.600 [13]
Ungheria Ungheria 21.048 0 0 0 0 0 0 8.600
URSS URSS 102.886 0 0 0 0 0 0 N.D. [15]
Oceania
Nazione Produzione storica
(al 2005)
2006 2007 2008 2009 2010 2011[1] Risorse a <260 $/kg
Red Book 2011
Note
Australia Australia 131.380 7.593 8.602 8.433 7.934 5.918 5.983 1.738.800
Totale mondo
Nazione Produzione storica
(al 2005)
2006 2007 2008 2009 2010 2011[1] Risorse a <260 $/kg
Red Book 2011
Note
2.284.850 39.617 41.244 43.880 51.526 54.670 53.494 7.096.600

Asia[modifica | modifica sorgente]

Europa[modifica | modifica sorgente]

Oceania[modifica | modifica sorgente]

Australia[modifica | modifica sorgente]

La miniera Ranger in Australia.

La produzione di uranio australiano è a circa 8-9.000t all'anno, sono nel 2010 c'è stata una diminuzione a meno di 6.000t dovuta a diversi fattori, fra cui elevate precipitazioni nelle regioni minerarie[16], mantenendosi però sempre al terzo posto come produttore mondiale. L'australia possiede il 27% delle risorse uranifere mondiali a meno di 260$. La maggior parte di queste risorse è localizzata nell'Australia Meridionale, mentre altri depositi importanti sono localizzati nel Queensland, nell'Australia occidentale e nel Territorio del Nord.

La miniera Olympic Dam, gestita dalla BHP Billiton nell'Australia Meridionale, è una miniera di uranio, rame, oro ed argento, di notevole importanza globale. Sono attualmente operative 5 miniere, mentre altre sono proposte. L'espansione delle operazioni minerarie australiane è supportata dal Federal Australian Labor Party, che ha abbandonato all'inizio del 2007 la sua politica per vietare la creazione di nuove miniere. Una delle proposte più controverse è quella di costruire una miniera nel Parco nazionale di Kakadu, in cui esiste già (come enclave visto che in funzione da prima della creazione del parco) la miniera Ranger.

L'estrazione e l'esportazione del proprio uranio è stato spesso sottoposto a pubblico dibattito, il movimento antinucleare australiano ha poi una lunga storia alle proprie spalle.[17]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g h i (EN) WNA - World Uranium Mining
  2. ^ (EN) Latest data showing long-term security of uranium supply
  3. ^ Franz J. Dahlkamp (1993) Uranium ore deposits Springer-Verlag, Berlin, 460 p. ISBN 3-540-53264-1.
  4. ^ (EN) Supply of Uranium
  5. ^ a b c d Sanjib Chaki, Elliot Foutes, Shankar Ghose, Brian Littleton, John Mackinney, Daniel Schultheisz, Mark Schuknecht, Loren Setlow e Behram Shroff, Technologically Enhanced Naturally Occurring Radioactive Materials From Uranium Mining (PDF), 1: "Mining and Reclamation Background", Washington, D.C., US Environmental Protection Agency Office of Radiation and Indoor Air Radiation Protection Division, gennaio 2006, pp. 1–8 to 1--9.
  6. ^ Sono escluse dal grafico le nazioni che al 2011 hanno prodotto meno di 200t per ragioni grafiche.
  7. ^ La miniera australiana Olympic Dam è considerata nella categoria di sottoprodotto minerario piuttosto che miniera sotterranea
  8. ^ Ricavare uranio dalle centrali a carbone
  9. ^ Accordo per i giacimenti misti di uranio e terre rare
  10. ^ (EN) http://www.world-nuclear-news.org/ENF-Finnish_miner_considers_uranium_as_by_product-0902104.html
  11. ^ (EN) http://www.world-nuclear-news.org/ENF-Talvivaara_seeks_uranium_extraction_licence-2104104.html
  12. ^ 6.536.000 t in depositi di fosfato
  13. ^ a b c d Produzione a partire dall'indipendenza della repubblica
  14. ^ Riserve ignote
  15. ^ Produzione fino al biennio 1990-91
  16. ^ (EN) Poor year for Australian uranium
  17. ^ (EN) Australia's anti-nuclear movement: a short history (26 August 1998) by Jim Green, Green Left