Estemmenosuchus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Estemmenosuchus
Estemmen ural male new.jpg
Estemmenosuchus uralensis
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Superclasse Tetrapoda
Classe Synapsida
Ordine Therapsida
Sottordine Dinocephalia
Famiglia Estemmenosuchidae
Genere Estemmenosuchus

L'estemmenosuco (gen. Estemmenosuchus) è un vertebrato estinto appartenente ai terapsidi. Visse tra il Permiano medio e il Permiano superiore (250 - 248 milioni di anni fa), e i suoi resti sono stati ritrovati nella Russia europea.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Questo animale era dotato di un corpo massiccio e di zampe robuste e forti per sostenerlo. L'intero animale era grande circa quanto un toro, e forse ancor più pesante. Le caratteristiche più notevoli dell'estemmenosuco riguardavano il cranio. Questo era ornato di svariate protuberanze, di grosse dimensioni, che si proiettavano verso l'alto e all'infuori. Due di queste protuberanze erano simili a mazze ed erano poste lateralmente, mentre sulla cima del cranio vi erano strutture larghe e alte, simili a corna.

Anche la dentatura dell'estemmenosuco era particolare: i denti anteriori erano lunghi e acuminati, simili agli incisivi dei carnivori; a questi seguivano un paio di canini per mascella, ancor più lunghi e simili a vere zanne. I denti all'altezza delle guance, invece, erano di dimensioni ridottissime.

Cranio di Estemmenosuchus mirabilis

Classificazione[modifica | modifica sorgente]

L'estemmenosuco, descritto per la prima volta nel 1960 da Tchudinov, è stato classificato in quel gruppo di terapsidi noti come dinocefali (“teste terribili”). All'interno di questo gruppo, l'estemmenosuco occupava una posizione basale. Di questo animale si conoscono due specie: una, Estemmenosuchus uralensis, era più grande e con un cranio più lungo in relazione alla larghezza. L'altra, E. mirabilis, possedeva corna più corte e dirette più lateralmente. Alcuni studiosi ritengono che Estemmenosuchus possa aver dato origine a una forma del Permiano del Sudafrica, Styracocephalus, anch'essa dotata di corna. Tuttavia le corna dei due animali, pur essendo simili, sembrerebbero essersi evolute indipendentemente e in modo diverso.

Stile di vita[modifica | modifica sorgente]

Scheletro di Estemmenosuchus uralensis

Nonostante l'aspetto spaventoso e i denti anteriori aguzzi, l'estemmenosuco era probabilmente erbivoro; ciò sarebbe dimostrato dai denti nella zona delle guance, piccoli e a forma di foglia come è tipico degli animali erbivori. Probabilmente questi denti avevano solo la funzione di trattenere il cibo vegetale dopo che questo era stato strappato grazie ai forti denti anteriori. È possibile, inoltre, che l'estemmenosuco si cibasse anche di carogne: i denti anteriori, infatti, sarebbero stati utili nello strappare pezzi di carne da animali morti.

Le corna gigantesche, forse, servivano a questi animali in qualche sorta di combattimento intraspecifico data l'elaborata disposizione, ma anche per spaventare i predatori,

I resti di estemmenosuco sono stati ritrovati in depositi fluviali, e ciò suggerisce che questi animali potessero essere abitatori di aree pianeggianti e paludose.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Battail, B & MV Surkov (2000), Mammal-like reptiles from Russia in MJ Benton, MA Shishkin, DM Unwin & EN Kurochkin (eds.), The Age of Dinosaurs in Russia and Mongolia, Cambridge Univ. Press, pp 86-119.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

rettili Portale Rettili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rettili