Estella Blain

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Estella Blain in Totòtruffa 62 (1961)

Estella Blain, nome d'arte di Micheline Estellat (Parigi, 30 marzo 1930Port-Vendres, 1º gennaio 1982), è stata un'attrice francese.

Trascorse l'infanzia nella Francia orientale, prima di tornare a Parigi, dove conobbe e sposò nel 1950 l'attore Gérard Blain. La sua carriera cinematografica iniziò nel 1954 e si svolse in un primo tempo esclusivamente in Francia, dove recitò in ruoli di primo piano, spesso in thriller commerciali. Negli anni sessanta iniziò a lavorare in coproduzioni europee, in Austria, Italia (prese parte a Totòtruffa 62) e Spagna, dove diretta da Jesús Franco interpretò uno dei suoi ruoli più importanti, quello della protagonista di Miss Muerte (1965).

Dopo il divorzio da Gérard Blain nel 1953, la sua carriera di attrice fu affiancata da quella di cantante (Djimbo l'éléphant, Solitude). In questo ruolo debuttò al seguito di Nana Mouskouri all'Olympia. Nel 1959 ebbe un figlio, Michel Blain-Estellat, divenuto poi attore e regista, e per il quale scrisse la serie TV "Un enfant nommé Michel". Per la televisione francese scrisse la serie Les aventures extraordinaries de Michel et Chantal e partecipò ad alcuni varietà, tra cui Lumière dans la nuit.

Recitò anche in teatro nella compagnia di Jean-Louis Barrault, tra l'altro interpretando Margherita nel Faust. All'inizio degli anni settanta la sua carriera di attrice cinematografica è al tramonto. Nel 1971 prende parte ad un film turco, Çiplaktar. Nel 1976 tentò di uccidersi con i sonniferi. Nel 1981 apparve un'ultima volta alla tv francese in L'uccellino azzurro di Maurice Maeterlinck, che fu trasmesso il giorno di Natale. Sei giorni più tardi, la notte di Capodanno, si uccise con un colpo di pistola alla tempia sulla spiaggia di fronte alla sua villa a Port-Vendres.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Lucas Balbo, Estella Blain, in Jess Franco's Diabolical Doctor "Z", DVD, Mondo Macabro 2003.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]