Esperantujo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Esperantujo (o Esperantio, entrambi termini che in lingua esperanto significano Paese degli esperantisti) è il nome che si è data, nel tempo, la comunità esperantofona. Il termine richiama volutamente, nella sua struttura, un nome di nazione: in esperanto, i nomi di nazione sono formati tramite l'aggiunta del suffisso -ujo al nome della relativa popolazione (p. es. franco-Francujo, italo-Italujo). Più recentemente è invalso l'uso del suffisso -io (italo-Italio, franco-Francio), e di conseguenza si è affermata anche la forma "Esperantio".

Il 2 giugno 2001 alcune organizzazioni esperantiste europee hanno fondato la Esperanta Civito, che aspira a divenire soggetto di diritto internazionale e a rafforzare i legami fra gli esperantisti che si considerano appartenenti ad una diaspora linguistica priva di rappresentanza territoriale. Tale organizzazione fornisce una propria definizione di Esperantio, basata sui principi del raumismo.

Nazioni e Micronazioni esperantiste[modifica | modifica sorgente]

L'esperanto è stato assunto da alcune Micronazioni (reali e virtuali) come propria lingua ufficiale:

queste le Micronazioni reali:

queste le Micronazioni virtuali:

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

lingue artificiali Portale Lingue artificiali: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di lingue artificiali