Esocidae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Esocidi
Hecht.jpg
Esox lucius
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Actinopterygii
Sottoclasse Protacanthopterygii
Ordine Esociformes
Famiglia Esocidae
Genere Esox

La famiglia degli Esocidae raggruppa 6 specie grossi pesci predatori d'acqua dolce, tutte del genere Esox, ed appartenenti all'ordine Esociformes.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Gli Esocidi sono diffusi in laghi e fiumi del Nord America e dell'Europa. In Europa il rappresentante più famoso è il Luccio, autoctono anche del Nord Italia, mentre in Nord America il Muskellunge è il predatore più grande del Mississippi.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

I pesci di questa famiglia sono caratterizzati da una testa grande e affusolata simile al becco di un'anatra. La grande bocca è caratterizzata da denti acuminati rivolti verso l'indietro e di dimensioni eterogenee. Tipico è il corpo slanciato ricoperto da squame di colore mimetico, da una coda biloba e da pinne dorsali e anali molto arretrate.

Origini[modifica | modifica wikitesto]

Le origini di questa famiglia possono essere rintracciate nei Paleoesocidi vissuti nell'Eocene, caratterizzati da un corpo meno affusolato (33 vertebre invece delle 64 del Luccio) ed una bocca di minori dimensioni.

Specie[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci