Esichio di Mileto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Esichio di Mileto (detto Illustrio, in greco Ἡσύχιος, in latino Hesychius Milesius; Mileto, V secoloCostantinopoli, VI secolo) è stato uno storico e letterato bizantino.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Non si hanno molte notizie sulla vita di Esichio. Si sa che era figlio di un avvocato, e che è vissuto a Costantinopoli durante i regni di Anastasio I (491-518), Giustino (518-527) e Giustiniano (527-565). Secondo Fozio, che ne lodava lo stile e lo giudicava uno storico affidabile e scrupoloso, Esichio sarebbe stato autore di tre importanti lavori[1]:

  1. Storia universale (Βιβλίον ἱστορικὸν ὡς ἐν συνόψει κοσμικῆς ἱστορίας, Bibìon istorikòn os en sinòpsei kosmikès) in sei libri, dalle origini ai suoi giorni. Secondo Fozio, la struttura dell'opera era la seguente: Libro I: Dalla fondazione dell'impero assiro ad opera di Belus alla guerra di Troia; Libro II: Dalla guerra di Troia alla fondazione di Roma (21 aprile 753 a.C.); Libro III: Da Romolo alla caduta della monarchia a Roma (509 a.C.); Libro IV: La repubblica romana fino al consolato di Giulio Cesare (44 a.C.); Libro V: Dall'uccisione di Giulio Cesare alla fondazione di Costantinopoli come capitale dell'impero da parte di Costantino (11 maggio 330 d.C.); Libro VI: Dalla fondazione della nuova Roma ad opera di Costantino il Grande alla morte di Anastasio I Dicoro (518). Ne è stato conservato un ampio frammento del sesto libro, in cui è esposta la storia di Bisanzio dalle origini al tempo di Costantino, contenuto nella "Πάτρια Κωνσταντινουπόλεως κατὰ Ἡσύχιον Ἲλλούστριον" (Pàtria Constantinopòleos catà Esìchion Illùstrion) di Giorgio Codino[2].
  2. Una appendice dell'opera precedente può essere considerata una Storia del regno di Giustino (518-527) e dei primi anni del regno del successore Giustiniano, perduta completamente.
  3. Περὶ τῶν ἐν παιδεἴᾳ λαμψάντων σοφῶν (Perì tòn en paidèia lampsànton sofòn), in lingua latina: De viris doctrina claris: è un onomatologo (ὀνοματολόγος), ossia una raccolta di notizie biografiche sugli autori pagani, elencati in ordine cronologico, classificati per categorie letterarie (poeti, filosofi, ecc.) L'opera, di notevole interesse per la storia della cultura antica, è andata perduta, come pure la sua epitome, di cui si servirono Fozio e l'autore del Suda[3]. Le fonti principali dell'opera di Esichio sono le opere di Elio Dionisio e di Filone Erennio.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Fozio, Biblioteca, Codice 69
  2. ^ Scriptores originum Constantinopolitanarum. Theodor Preger (a cura di), Walter de Gruyter, 1989, ISBN 3322006778, 9783322006776 Scriptores originum ... - Theodor Preger - Google Libri
  3. ^ Leone Porciani, Prime forme della storiografia greca: prospettiva locale e generale nella narrazione storica. Stuttgart : Franz Steiner Verlag, 2001, ISBN 351507869X, 9783515078696, p. 36 Prime forme della storiografia greca - Leone Porciani - Google Libri

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Johannes van Meurs, Hesychii milesii Viri illustris, Opuscula, partim hactenus non edita. Ioannes Meursius graece ac Latine simul primus vulgavit, cum nutis, His Adiecta, Bessarionis Epistola grecobarbara. Lugduni Batavorum : ex officina Godefridi Basson, 1613
  • Johann Conrad Orelli, Hesychii Milesii Opuscula duo quae supersunt 1. De hominibus doctrina et eruditione claris 2. De originibus urbis Constantinopoleos et cardinalis Bessarionis Epistola de educandis filiis Ioann. Palaeologi lingua graeca vulgari scripta graece et latine ... illustravit Io. Conradus Orellius ... accedunt anonymi scriptoris latini Topographia urbis constantinopolitanae cum notis Guidonis Pancirolli et Christ. Gottl. Heynii pars commentationum de antiquitatibus. Lipsiae : in Libraria Weidmannia (impressit Benedict. Gotthilf Teubner), 1820
  • Fortunato Federici, Degli scrittori greci e delle italiane versioni delle loro opere, notizie. Padova, Pe' tipi della Minerva, 1828, vol. II p. 373 (on-line)
  • Johannes Flach (a cura di), Hesychii Milesii qui fertur De viris illustribus librum, recensuit emandavit apparatum criticum subscripsit Ioannes Flach. Lipsiae : in aedibus B.G. Teubneri, 1880
  • Johannes Flach (a cura di), Biographi graeci qui ab Hesychio pendent, recensuit Ioannes Flach. Berolini : S. Calvary, 1883
  • Tiziano Dorandi, La Vita Hesychii d'Aristote, Studi Classici e Orientali 52: 87-106, 2006 (pubblicato nel 2009). (Edizione critica del testo greco).
  • Virgilio Costa, Esichio di Mileto, Johannes Flach e le fonti biografiche della Suda, in G. Vanotti (cur.), Il lessico Suda e gli storici greci in frammenti. Atti dell'incontro internazionale (Vercelli, 6-7 novembre 2008), Edizioni Tored, Tivoli (Roma) 2010: 43-55.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 89604435 LCCN: n87899441