Esichio di Gerusalemme

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Esichio di Gerusalemme, (LA) Hesychius (... – 433?), fu un presbitero cristiano ed un esegeta, probabilmente del V secolo[1].

Nulla di certo si conosce sulla sua vita o sulle date di nascita e di morte. Poiché aveva il titolo di tou presbyterou non va confuso con il Vescovo Esichio di Gerusalemme, un contemporaneo di Papa Gregorio Magno.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Attribuzione[modifica | modifica sorgente]

Parte degli scritti di Esichio di Gerusalemme sono andati perduti mentre in parte ci sono stati tramandati come opere di altri autori e alcuni sono ancora sepolti in manoscritti nelle biblioteche. Migne nella sua edizione dei Padri[2] ha riunito sotto il titolo "Esichio, presbitero di Gerusalemme" le opere di vari autori chiamati Esichio senza riguardo per l'ordine: circa la metà del materiale in "Esichio" va scartata, in particolare il commentario sul Levitico[3], che esiste solo in latino e non è autentico essendo basato sul testo della Vulgata piuttosto che della Septuaginta e quindi opera successiva di un latino (Isychius). La raccolta di massime ascetiche[4] è opera di Esichio il Sinaita e non del suo omonimo di Gerusalemme; né lo sono tutte le omelie[5] in quanto si tratta certamente dell'opera di un Esichio di Gerusalemme del VI secolo, la cui autenticità è supportata da un antico manoscritto dell'Escorial[6]. Questa raccolta non comprende l'omelia su Betlemme dal manoscritto di Torino[7]. Alla fine della "Leggenda del Martirio di San Longino" vi è un'aggiunta con la testimonianza dello stesso "Esichio presbitero di Gerusalemme" di aver trovato il manoscritto nella biblioteca del Santo Sepolcro a Gerusalemme.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Hesychius of Jerusalem, Catholic Encyclopedia. URL consultato il 09-04-2011.
  2. ^ Patrologia Graeca, XCIII, 787-1560
  3. ^ Patrologia Graeca, XCIII, 787-1180
  4. ^ Patrologia Graeca, XCIII, 1479-1544
  5. ^ Patrologia Graeca, XCIII, 1449-80
  6. ^ phi, III, 20, saec. 9.
  7. ^ C IV4, saec. 12-13

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Elena Zocca, La lebbra e la sua purificazione nel "Commentario al Levitico" di Esichio. Un tentativo di confronto con la tradizione esegetica precedente e contemporanea in Annali di storia dell'esegesi, vol. 13, nº 1, 1996, pp. 179-199.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 262453640 LCCN: n83198243